Cerca nel quotidiano:


Da gennaio 51 biciclette abbandonate rimosse

Prosegue l'impegno della polizia municipale nel contrastare il fenomeno dell'abbandono di rottami e veicoli lasciati in rovina. Nel 2021 rimossi 382 rottami di bici

Venerdì 18 Febbraio 2022 — 12:32

Mediagallery

Prosegue l’impegno della polizia municipale nel contrastare il fenomeno dell’abbandono di rottami e veicoli lasciati in rovina. Dall’inizio dell’anno sono 51 le biciclette abbandonate (foto tratta dal sito del Comune) fatte rimuovere da strade e piazze della città con la collaborazione di Aamps e, ovviamente, grazie anche alle segnalazione dei cittadini.
Sono state interessate dagli interventi anti-degrado piazza Matteotti, via Roma, vicolo delle Rimesse, via S. Carlo, via Marradi, Borgo Cappuccini, via dei Carrozzieri, viale della Libertà, via Mangini, via Demi, via Grecia, piazza Damiano Chiesa, largo del Mercato ortofrutticolo, via Gobetti, via Sant’Andrea, piazza della Repubblica, via Santa Barbara, via Novelli, via Cantini, via Ernesto Rossi, via Maggi, corso Amedeo, via Paoli, viale Marconi, via Sproni, piazza Grande. La polizia municipale ha fatto un bilancio anche degli interventi di questa stessa tipologia portati a termine nell’anno passato.
Nel corso del 2021 – questi i dati diffusi dalla comandante Annalisa Maritan – sono stati 382 i rottami di biciclette rimossi, grazie ad un costante impegno che ha contribuito a migliorare il decoro e la sicurezza dei quartieri. L’amministrazione comunale rinnova l’invito ai cittadini a parcheggiare le biciclette correttamente, evitando di porre ostacoli sui marciapiedi che rendono poco sicuro il passaggio di pedoni, carrozzine e passeggini, e a conferire correttamente le bici non più utilizzabili presso i centri di raccolta di Aamps. “Le biciclette abbandonate – spiega l’assessora all’ambiente e alla mobilità Giovanna Cepparello – oltre a creare degrado, tolgono posti ai ciclisti nelle rastrelliere”.

Per segnalare rottami abbandonati i cittadini possono scrivere a:
[email protected] 
[email protected]

Riproduzione riservata ©