Cerca nel quotidiano:


Darya Majidi e il suo video ai VET Awards della Commissione Europea

Darya Majidi è stata invitata a tenere un discorso motivazionale durante la cerimonia finale dei VET Awards della Commissione Europea

Venerdì 13 Novembre 2020 — 17:06

Mediagallery

Un progetto italiano dedicato alla formazione di giovani che sviluppino prodotti e processi sostenibili nelle concerie ha vinto i VET Awards

La Commissione Europea ogni anno, durante la settimana europea delle competenze professionali, organizza i VET Awards (fermo immagine tratto dal video VET Excellence Award https://youtu.be/9N7dTO4uneg), premi per l’eccellenza e nell’istruzione e formazione professionale. Questo anno durante la cerimonia di chiusura della settimana e di premiazione dei VET Awards, la labronica Darya Majidi è stata scelta per tenere un discorso motivazionale. E chi se non lei avrebbe potuto spiegare al meglio cosa vuol dire formare; Darya, imprenditrice di successo e autrice di due libri su donne e tecnologia, ha illustrato infatti come con la sua compagnia, Daxo Group, si occupi di digitalizzare le aziende e formarne i dipendenti. Al suo interno ha poi creato due business units, una dedicata alle donne e una ai giovani; WomenLab insegna alle donne conoscenze in ambito tech e di leadership; Daxo Lab invece affianca i giovani in modo da permettergli di trasformare le proprie idee in start up.
Il discorso finale del suo video è stato invece incentrato sull’importanza che le donne si avvicinino alla tecnologia e acquisiscano le competenze necessarie per poter raggiungere i piani alti delle aziende e colmare la mancanza di persone nel digital, soprattutto di donne. Per tutta la durata del video sono apparse immagini della nostra città, la terrazza Mascagni, i fossi e gli uffici di Daxo Group. La cerimonia finale si sarebbe dovuta svolgere a Berlino ma causa covid è stata trasformata in un evento online. Tra i nominati e vincitori nelle varie categorie anche dei progetti italiani: per la categoria “fondi europei per l’eccellenza in VET” ha vinto “Green Leather Manager” che per due anni ha formato giovani manager del settore delle concerie che fossero in grado di creare prodotti e processi sostenibili nella città di Arzignano, in cui si trovano molte aziende che si occupano di pelli.

Nei progetti Erasmus + Green Dimension era presente invece il “FOREST4LIFE”, progetto dedicato ai ragazzi dai 18 ai 19 anni che prevedeva un internship di 5 settimane in compagnie europee per imparare a preservare e mantenere le risorse naturali e i paesaggi.

Riproduzione riservata ©