Cerca nel quotidiano:


Dieci racconti per i nonni distanti nel lockdown. L’idea di una classe elementare

Le storie scritte dai genitori ed illustrate dai bambini, sui temi dell’amicizia, della libertà e della vita sono consultabili gratuitamente. È questa l'idea di un gruppo di bambini e dei loro genitori per sentirsi più vicini in questo periodo di emergenza

Giovedì 18 Giugno 2020 — 19:49

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

"L’idea - spiegano i genitori a QuiLivorno.it - è nata dall'esigenza di sentirci un po’ meno soli in questi mesi senza compagni, amici e conoscenti. Oggi le storie sono pubblicate sulla pagina Facebook di Mani di Strega

L’emergenza sanitaria ha costretto le scuole a fermarsi e mai come in questo periodo bambini e genitori si sono trovati a condividere, insieme e da soli, tanto tempo nello stesso spazio.
Proprio da questo motivo, e dall’esigenza di sentirsi uniti anche se distanti, è nata l’idea di un gruppo di bambini, e dei loro genitori, della prima elementare dell’Istituto Immacolata.
Dieci racconti, scritti dai genitori ed illustrati dai bambini, sui temi dell’amicizia, della libertà e della vita che saranno pubblicati, e consultabili gratuitamente, sulla pagina Facebook della casa editrice Mani di strega (MdS) (clicca qui per consultare la pagina Facebook).
“Le storie sono principalmente dedicate ai nonni distanti che in questo periodo di emergenza non hanno potuto vedere i loro nipoti – raccontano i genitori dei piccoli a Quilivorno.it – L’idea è nata dall’esigenza di sentirci un po’ meno soli in questi mesi senza compagni, amici e conoscenti”.
Due delle dieci storie, “L’uccellino triste” e “Il coniglietto e il granchio” sono già consultabili e condivisibili sui profili social.

Riproduzione riservata ©