Cerca nel quotidiano:


Discarica abusiva in via Cattaneo: multato “cenciaio”

Seicento euro di sanzione per l'abbandono, altrettante le spese per il servizio di recupero dei materiali abbandonati e una segnalazione all'Ufficio antievasione

Martedì 16 Agosto 2016 — 12:17

Mediagallery

L’11 agosto il personale Aamps ha rinvenuto fuori della stazione Ecologica di Via Cattaneo una grande quantità di rifiuti ingombranti e cartelle sanitarie. La Polizia Municipale e gli Ispettori Ambientali di Aamps hanno avviato subito le indagini. Le cartelle sanitarie erano tutte di persone decedute ma sono state utili per risalire all’autore dell’abbandono, un “cenciaio” livornese. Il giovane del 1982, imbianchino, si dedica a piccoli lavoretti di fatica come svuotamento garage e soffitte. Nell’episodio aveva a più riprese svuotato una cantina assicurando ai proprietari il regolare smaltimento dei rifiuti. Con il suo piccolo mezzo, un’ape blu aveva trasportato a più riprese i materiali ma, avendo limiti all’accesso alla stazione Ecologica dovuti alla clandestinità della propria attività (lavoretti rigorosamente in nero), ha abbandonato tutto nel parcheggio di Via Cattaneo. Si è guadagnato 600 euro di sanzione per l’abbandono, altrettante le spese per il servizio di recupero dei materiali abbandonati e una segnalazione all’Ufficio antievasione. E’ il terzo responsabile di discariche individuato in poco tempo: già a Cattaneo fu sanzionato a luglio un rumeno residente in Livorno e alla stazione ecologica di Arrotini è stato denunciato un giovane livornese per gestione abusiva di rifiuti ed subendo anche il sequestro del veicolo.
Per lo smaltimento dei rifiuti si consiglia sempre di ricorrere all’apposito servizio Aamps di recupero a domicilio oppure di trasportarli alle Stazioni Ecologiche autorizzate od affidarsi a Ditte che abbiano l’autorizzazione al trasporto ed allo smaltimento dei rifiuti.
Il produttore del rifiuto infatti resta sempre responsabile dell’abbandono in solido con l’autore dell’abbandono stesso, quindi se non paga il “cenciaio” paga chi lo ha incaricato della rimozione dei rifiuti.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


14 commenti

 
  1. # Gabriele

    mmmm…giusto ma la vedo dura che quelle sanzioni le paghi….mmmm

  2. # adRIANO

    gia in fila alle poste per pagare la multa…………..

    1. # Alla Frutta

      L’hai visto anche te Adriano? Anch’io l’ho visto e addirittura aveva parcheggiato l’ape nella zona blu con tanto di regolare tagliandino. Questo è un altro cado di multa inevasa che poi il comune dirà di non aver mai riscosso ma che comunque nelle casse sarà registrata come entrata. Se gli toglievano l’ape (sicuramente sprovvisto di assicurazione) avrebbero fatto cosa migliore.

  3. # orso

    Continuail razzismo alla rovescia :multe agli abusivi livornesi,tolleranza per gli abusivi diversamente colorati.Viva l’ itaglia …

  4. # comesieteforti

    Bravi…..prendetevela con i disperati…..così si fa……

    1. # Alla Frutta

      No… per questi disperati che si guadagnano da vivere dislpiace..ma nemmeno abbandonare tutto per strada . Vogliamo diventare.una città sommersa da spazzatura in ogni angolo? Poi se vogliamo parlare che ci invitano a portare tutto alle stazioni ecologiche e poi invece non ce le accettano per un motivo o l’altro è un altro discorso nemmeno camminare in mezzo all’immondizia

    2. # Paolo

      …e invece prendere per i fondelli il cliente chiedendo bel denaro per poi abbandonare i rifiuti in mezzo di strada e non pagare un euro di tasse alla faccia nostra che sborsiamo è da medaglia al valore. Fammi il piacere.

  5. # Nedone

    Non capisco come mai le autorità permettano che questi cenciai si stabiliscano in modo permanente davanti alla discarica dell’AMPSS e poi ti escono fuori con notizione sui giornali, come se non li avessero notati prima.

  6. # adRIANO

    comunque se alla stazione ecologica accettassero tutto senza volere tessere,registrazioni ecc questo non accadrebbe
    poi magari guardate tutti gli altri non livornesi che stazionano fuori delle star, ecologiche

  7. # Meglio populista che pidino

    Bastava che dicesse che era uno zingaro pardon un rom e non gli facevano niente

  8. # John

    Questo tizio ha proprio a cuore il decoro e la pulizia della sua città….

  9. # floriano66

    Se leggi bene l’articolo si invita a contattare le ditte che hanno l’autorizzazione allo smaltimento ….perché ? Perché in aamps queste ditte pagano ! Ormai aamps non fa più nessun servizio pubblico…solo cose a pagamento per ripianare il debito….incenerimento a palla …..servizi a pagamento….e intanto però intascano un sacco di tasse ….LIVORNESI SVEGLIAASS

  10. # Vittorio

    Se l’isole ecologiche fossero organizzate in maniera tale che chi porta qualcosa allo scarico non dovesse diventare matto ad aspettare, fare la fila e doversi scaricare per conto suo e magari fosse ripresa l’usanza di incentivare gli utenti con punteggi a sconto della TARI (come usava sino a poco fà)….. molto probabilmente tantissime persone sarebbero meno propense a buttare i loro rifiuti dove capita capita e di nascosto.
    AUTORITA’: DOMANDATEVI UNA VOLTA PER TUTTE COS’E’ CHE NON FUNZIONA, o meglio, CHE NON FATE FUNZIONARE BENE !!!

  11. # frank

    è vero ve la rifate con i più poveri….facciamoli fa quello che gli pare visto che fatica per andare avanti