Cerca nel quotidiano:


Docce pubbliche, “vince” il moletto di San Jacopo

In quasi tutte le zone il consumo si aggira intorno ai 160 metri cubi in due anni, ad eccezione della zona Accademia/Marinaio. Non ci sono stati atti di vandalismo

mercoledì 10 ottobre 2018 16:48

Mediagallery

È arrivato il momento della chiusura stagionale delle docce pubbliche gratuite a servizio della balneazione, situate lungo la costa cittadina, nelle principali spiaggette libere. I tecnici di Asa hanno smontato i soffioni, sigillato i contatori e svuotato gli impianti per evitare rotture da gelo. La riapertura delle docce pubbliche è prevista per l’inizio della prossima stagione balneare, e cioè per la prima settimana di maggio 2019. Anche quest’anno il servizio (operativo dalla stagione 2017) ha fatto registrare riscontri più che positivi: i frequentatori delle spiaggette lo hanno molto apprezzato, dimostrando grande senso civico, segnalando prontamente eventuali malfunzionamenti e rispettandone le regole di utilizzo (sono assolutamente vietati i saponi ed è raccomandato un utilizzo parsimonioso, per evitare che quantità eccessive di acqua dolce possano recare danni all’ambiente marino).
Non ci sono stati atti di vandalismo. Per dare un’idea della fruizione delle docce pubbliche, Asa ha rilevato i consumi dei vari impianti nel biennio 2017/2018 (espressi in metri cubi):

– Spiaggia della Rotonda (dal 2017): 160

– Spiaggia della Vela (dal 2017): 165

– Scogli dell’Accademia/Marinaio (dal 2018): 162

– Moletto di San Jacopo (dal 2017): 211

– Spiaggia della Ballerina (dal 2017): 628 (il dato risente di una perdita verificatasi durante il periodo invernale)

– Spiaggia del Felciaio (dal 2017): non rilevabile perché il contatore della doccia è condiviso con quello delle fontanelle

– Spiaggia del Sale: gestita gratuitamente dai titolari del Bagno Roma

Dai dati si evince che in quasi tutte le zone il consumo si aggira intorno ai 160 metri cubi in due anni, ad eccezione della zona Accademia/Marinaio, che ha fatto registrare lo stesso consumo in un solo anno, a dimostrazione di come gli scogli dell’Accademia siano una delle spiagge libere più frequentate della città. Le docce pubbliche sono state realizzate l’anno scorso un po’ in tutte le zone balneabili libere della città (moletto di San Jacopo, spiaggia della Vela, spiaggia del Felciaio, Rotonda d’Ardenza, Gabbiano, Tre Ponti, Scoglio della Ballerina). Nel 2018 si è aggiunta la doccia realizzata nell’area scogli dell’Accademia/statua del Marinaio. L’iniziativa è stata resa possibile grazie all’accordo tra il Comune di Livorno (che sostiene le spese per i consumi di acqua), i titolari degli stabilimenti balneari (che hanno sostenuto la spesa per le opere) e Asa (che ha curato gli allacciamenti e la manutenzione).

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # PirataTirreno

    Servizio tanto semplice quanto utile.
    A dire il vero credevo che durassero da Natale a S. Stefano….. con gioia devo ricredermi. Brava Asa/comune per idea e servizio reso, bravi anche ai livornesi che hanno dimostrato, almeno questa volta, un ottimo senso civico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.