Cerca nel quotidiano:


Domenica 31 riapre il museo di via Roma per gli studenti

Domenica 31 maggio finalmente sarà nuovamente possibile accedere agli spazi del complesso museale anche per studiare. Orario 15 - 19, disponibili 25 posti all’aperto

Sabato 30 Maggio 2020 — 16:57

Mediagallery

Domenica 31 maggio finalmente sarà nuovamente possibile accedere agli spazi del complesso museale anche per studiare. Orario 15 - 19, disponibili 25 posti all’aperto

Dopo il lungo periodo di chiusura il Museo di via Roma 234, il 22 maggio, ha riaperto i cancelli per i visitatori che hanno così potuto accedere nuovamente ai settori espositivi e alla mostra “Alieni. Fauna e Flora venuti da lontano” che rimarrà aperta fino al 27 novembre 2020. Domenica 31 maggio finalmente sarà nuovamente possibile accedere agli spazi del complesso museale anche per studiare. Per gli studenti saranno predisposte aree specifiche all’aperto nel rispetto delle disposizioni dettate dalle normative anti Covid 19. Per questa fase sperimentale iniziale saranno disponibili dai 20 ai 30 posti e gli studenti dovranno rispettare la seguente procedura di triage stabilita per l’accesso agli spazi studio che prevede le seguenti disposizioni:

– verifica della temperatura corporea, a cura del personale del Museo, con rilevatore di temperatura corporea o termometro senza contatto, non sarà consentito l’accesso con temperatura superiore a 37,5°C;

– lavarsi le mani con igienizzante alla postazione in ingresso del Palazzo esposizioni;

– indossare i guanti che saranno distribuiti alla postazione di cui sopra;

– indossare la mascherina;

– mantenere sempre la distanza di almeno 1 metro ed evitare assembramenti;

– utilizzare i distributori di bevande ed alimenti una persona alla volta e non sostare nell’area caffè.

Il museo sarà ben lieto di riaprire alla città ed ai giovani i propri spazi quale segnale di un lento ma progressivo ritorno alla normalità, confidando nel rispetto da parte di tutti delle regole di comportamento che garantiscono la sicurezza della collettività.

Riproduzione riservata ©