Cerca nel quotidiano:

Condividi:

A Livorno marcia della Pace “Contro tutte le Guerre”

Venerdì 21 Ottobre 2022 — 08:33

Gli organizzatori invitano tutte tutti i livornesi animati da questo convincimento ad unirsi alla manifestazione portando con sé un cartello con la scritta “No Wars” o “No Guerre”, quale che sia il loro convincimento religioso, laico, politico. Non saranno invece ammessi simboli e interventi partitici, perché “la pace appartiene a tutti”

Domenica 23 alla Rotonda di Ardenza tante Associazioni e realtà civiche diffuse scendono in piazza a partire dalle 10 per dire con chiarezza che Livorno è “contro le guerre”. Al plurale. Dietro questo slogan prenderà vita un flash mob e si muoverà il corteo della piccola Marcia della Pace diretta alla Terrazza Mascagni, per sottolineare l’urgenza di una riflessione profonda sul nostro atteggiamento verso tutti i conflitti e l’industria delle armi che ne trae beneficio.

Quindi non ci sarà solo la richiesta, ferma, di un cessate il fuoco immediato in Ucraina che lasci spazio ad un serio sforzo diplomatico, finora mai davvero tentato. Siamo tutte e tutti ben consapevoli del rischio di un’ulteriore escalation verso la guerra nucleare, che in questi giorni è evocato dagli appelli di vari intellettuali (Montanari, Marcon, Sylos Labini) senza contare quello di Papa Francesco. Disinnescare questo rischio è la priorità assoluta, uscendo dalla palude delle opposte letture sulla dinamica che ha portato al terribile conflitto in Ucraina.

Eppure sarebbe ipocrita concentrarci solo su questa “guerra sotto casa” senza condannare i tanti conflitti che si combattono nel mondo, spesso con armi italiane, spedite dai nostri porti. Livorno domenica scenderà in piazza per difendere l’art. 11 della Costituzione, ricordando che “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”.

Tutte le guerre, anche quelle dimenticate, o che ci fa comodo non vedere perché alimentano profitti e Pil. Gli organizzatori invitano tutte tutti i livornesi animati da questo convincimento ad unirsi alla manifestazione portando con sé un cartello con la scritta “No Wars” o “No Guerre”, quale che sia il loro convincimento religioso, laico, politico. Non saranno invece ammessi simboli e interventi partitici, perché “la pace appartiene a tutti”.

Per aggiungersi alle 36 associazioni che, al momento, hanno già aderito è possibile inviare una mail a [email protected]. Per consultare la lista delle associazioni aderenti è possibile cliccare sulla clip bianca su sfondo azzurro sopra al titolo.

Condividi:

Riproduzione riservata ©