Cerca nel quotidiano:


Donne per l’industria 4.0, parte il Roadshow 2020

Parte il Roadshow sostenuto da ARTES 4.0, Top Employers e Confindustria Digitale che toccherà 10 città in Italia

Giovedì 13 Febbraio 2020 — 09:18

Mediagallery

Prende il via il Roadshow 2020 del percorso formativo “Empowerment e Leadership delle donne per l’industria 4.0”, che toccherà 10 città in Italia. La prima tappa sarà a Roma il 21 Febbraio 2020 presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma. L’industria 4.0 sta avendo un impatto in modo considerevole sul mondo del lavoro, ma i dati purtroppo ci dicono che le donne non riescono a cogliere appieno la grande opportunità rappresentata da questa rivoluzione tecnologica. Il workshop ideato da Daxo Group vuole aiutare a colmare questo gap e vede in ARTES 4.0, Centro di Competenza accreditato dal MiSE, il partner tecnologico centrale per la realizzazione del progetto. ARTES 4.0 pone al centro della propria missione temi di formazione 4.0, adattandoli a contesti aziendali specifici, sempre in modo che siano inclusivi e utili a persone di tutte le generazioni e i generi ad affrontare sfide e opportunità offerte dalle nuove tecnologie. E’ per questo che il progetto Roadshow 2020 Donne 4.0 ha il sostegno di ARTES 4.0 nelle figure chiave del suo Presidente Prof. Massimo Bergamasco, del Direttore Scientifico Prof. Paolo Dario e della Direttrice Esecutiva Lorna Vatta. Il Centro di Competenza ARTES 4.0 ha 127 soci privati e pubblici, tra cui le 10 Università che ospiteranno i workshop itineranti.
Il progetto inoltre vede coinvolti in qualità di partners strategici, Top Employers Institute, l’ente di certificazione globale delle eccellenze HR in tutto il mondo, con oltre 1600 aziende certificate in 119 paesi e Confindustria Digitale, federazione di rappresentanza industriale per la promozione dello sviluppo dell’economia digitale. Entrambe supporteranno il progetto incentivando le aziende del proprio network a selezionare le partecipanti tra le donne ad alto potenziale. L’adesione a questo progetto da parte delle aziende, attraverso il coinvolgimento del capitale umano femminile, consentirà di promuovere l’uguaglianza di genere, elemento di rilievo nel contesto normativo nazionale ed internazionale. Diventa sempre più urgente ed impellente oggi, più che mai, che le aziende attivino politiche di gestione delle risorse umane orientate alla valorizzazione della Diversity e dell’Inclusione. “Siamo felici che in un momento in cui le donne stanno prendendo sempre maggiore consapevolezza delle proprie competenze e del proprio ruolo, questo progetto possa iniettare e rafforzare le competenze digitali, manageriali, strategiche e soft nelle partecipanti” sostiene Darya Maijdi CEO di Daxo Group, ideatrice con la collega Gabriella Campanile del progetto, unico in Italia. “L’impegno quotidiano della nostra Università in affiancamento alle imprese ci sta consentendo di modificare tutti insieme l’equilibrio di genere all’interno del comparto produttivo – sottolinea Marcella Trombetta – Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile e coordinatore dell’Awareness Node di [email protected] – evidenziando come ruoli un tempo esclusivamente maschili possono essere anche ricoperti con equivalente professionalità da persone, indipendentemente dal genere ”.

L’auspicio è anche quello che questa esperienza formativa possa essere l’inizio di una proficua occasione di collaborazione tra le aziende e il Centro di Competenza ARTES 4.0 su temi di formazione e progetti di innovazione 4.0, che coinvolgano in primis le donne che frequenteranno il workshop, a cui si potrà dare seguito con altre occasioni di approfondimento in azienda coinvolgendo più risorse e avvicinando il mondo della ricerca a quello delle aziende in modo facile e naturale. Per informazione sulle prossime tappe del Roadshow 2020 e per iscriversi consultare il sito: www.donne4.it.

Riproduzione riservata ©