Cerca nel quotidiano:


Dopo 68 anni si spengono le luci di uno storico negozio

Si abbassa definitivamente la saracinesca della famosa cartoleria cittadina Buffetti della famiglia Carraresi. Aveva iniziato la sua attività nel 1952

Mercoledì 2 Dicembre 2020 — 18:39

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Un'altra luce che si spegne tra i negozi cittadini. Una notizia che fa male a tutti i livornesi che per lo meno una volta nella loro vita, ne siamo sicuri, hanno messo piede all'interno di quel paradiso della cartoleria

Sessantotto anni sono tanti. Una vita. Una vita fatta di quaderni, penne, taccuini, temperamatite, calcolatrici, mine, agende, scrivanie e sedie ergonomiche. Ma anche programmi per pc dedicati alla contabilità, nuove tecnologie dedicate a chi ha aziende e a chi invece, doveva riempire il suo astuccio. La cartoleria “Buffetti” ha chiuso definitivamente in battenti. Lo storico negozio, di proprietà di Alessio Carraresi, ex presidente della Confcommercio di Livorno e attualmente ancora nel consiglio direttivo dell’associazione di categoria cittadina, aveva alzato la sua saracinesca per la prima volta nel 1952 con il nome di famiglia, Cartoleria Carraresi, per poi affiancarsi al grande marchio Buffetti che lo ha accompagnato fino a questi ultimi giorni di attività.
Un’altra luce che si spegne tra i negozi cittadini. Una notizia che fa male a tutti i livornesi che per lo meno una volta nella loro vita, ne siamo sicuri, hanno messo piede all’interno di quel paradiso della cartoleria. La decisione di spegnere per sempre le luci in via dei Lanzi, zona Cairoli, è maturata in seguito al primo doloroso lockdown di marzo-aprile 2020 dovuto al Coronavirus, che ha messo in ginocchio molte attività sul territorio locale e nazionale. Nessuna parola sulla chiusura da parte della famiglia Carraresi, contattata dalla nostra redazione per avere un commento della notizia, che ha preferito così accompagnare con il silenzio un momento così delicato.
Una chiusura che, ancora una volta, fa riflettere tutti su come stia cambiando il tessuto economico cittadino e non solo.

Riproduzione riservata ©