Cerca nel quotidiano:


Duemila reati in meno rispetto al 2017

Il bilancio 2018 del questore Suraci: "Spero ci sia una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini. E chiunque sia a conoscenza di una situazione di pericolo segnali"

Sabato 5 Gennaio 2019 — 08:57

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Tempo di bilancio per il questore di Livorno Lorenzo Suraci. Un bilancio quello del 2018, illustrato alla stampa giovedì 4 gennaio, che presenta il tratto positivo della diminuzione complessiva dei reati, fra i quali word-spacing: 0px;”> ricettazione, rapina ed estorsione, a livello provinciale: circa duemila in meno rispetto al 2017 (in fondo all’articolo il pdf con tutti i dati). “E’ stato un anno complessivamente soddisfacente – ha commentato Suraci – Spero che questo si riversi nella maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini”.
Aumentano gli arresti che passano da 146 nel 2017 a 158 nel 2018 e le persone denunciate in stato di libertà da 1169 a 1546. Raddoppiano le espulsioni concretizzate con accompagnamento alla frontiera.
“Voglio sottolineare che sono aumentati i servizi di controllo straordinari soprattutto nelle zone meno sicure. Controlli svolti 24 ore su 24. Questo aumento è dovuto anche alle numerose segnalazioni dei cittadini, che accogliamo sempre molto volentieri e che cerchiamo di realizzare a pieno. Colgo l’occasione per invitare nuovamente chiunque sia a conoscenza di una situazione di pericolo a segnalarcelo tramite telefonate, esposti o qualunque altro tipo di avviso”.
In aumento anche il controllo di luoghi particolarmente affollati come discoteche, sale giochi e bar. Luoghi in cui nel 2018 sono state identificate 72.384 persone.
“La nostra attività principale è e deve rimanere la prevenzione – ha concluso Suraci – Più la nostra presenza è costante sul territorio, più i criminali sono scoraggiati nel commettere reati”.

Riproduzione riservata ©

Allegati

8 commenti

 
  1. # toni

    Complimenti al questore di Livorno Lorenzo Suraci che appena arrivato nella nostra città e riuscito in pochi mesi a cambiare tutto per quanto riguarda la sicurezza con controlli mirati in centro e non solo, è un piacere vedere quasi ogni sera volanti della polizia nel quartiere di via dell’angiolo.

    1. # alga

      Senza dimenticare che è un lavoro portato avanti di concerto con questa Amministrazione e con l’ausilio di tutte le forze dell’ordine compresa la Municipale.

      1. # Morchia

        Certo, come no… Ma smettetela di far propri i risultati del lavoro degli altri!!!

      2. # bimbabuona

        alga…quindi stai dicendo che con il questore precedente questa Amministrazione non collaborava?Accreditarsi sempre e solo i successi degli altri non fa diventare bravi per contagio, al contrario

  2. # Enrico65

    Da quando c’è questo Questore in città ci sono più controlli e agenti che perlustrano il territorio💪.Devo dire che anche noi cittadini collaboriamo di più con le forze dell’ordine segnalando strani movimenti e persone sospette.La cosa che non va giù a noi cittadini è una:Le persone perseguite non fanno la galera ma vengono rimesse subito fuori(arresti domiciliari…obblighi di firma …ecc) non c’è la certezza della pena e li ritroviamo poche ore dopo a delinquere di nuovo.Le forze dell”ordine il suo lo fanno ma poi qualcuno …vanifica il lavoro svolto .Buon lavoro a tutti e buon anno

  3. # Un cittadino livornese

    A Livorno serviva una persona come lei, grazie.

  4. # Robe

    Sig. Prefetto grazie ma la pregherei di continuare, se possibile anzi intensificare il controllo del territorio, cercando di risolvere anche il problema dei venditori abusivi di oggetti contraffatti!!! Inutile pagare agenti di polizia municipale che stanno fissi in zona mercato a chiacchierare fra loro o al cellulare… mentre davanti a loro si continua c esporre merce contraffatta… siamo la barzelletta dell’Europa… dei croceristi che si fermano aLivorno…

  5. # Carlo

    x Robe …. non fare confusione fra Prefetto ( rappresentante del Governo in questa provincia) e Questore ( funzionario di Polizia preposto ad una Questura)