Cerca nel quotidiano:


E’ scomparsa Cesarina Turinelli. Il ricordo dell’ANPPIA

L'Anppia, in seguito alla scomparsa di Cesarina Turinelli, ha inviato un breve ricordo che pubblichiamo

Lunedì 29 Giugno 2020 — 15:42

Mediagallery

L’Anppia, in seguito alla scomparsa di Cesarina Turinelli, ha inviato un breve ricordo che pubblichiamo.

Ci ha lasciato Cesarina Turinelli. Figura ben conosciuta ed amata a Livorno, la città che è sempre stata ben presente nella sua vita e nei suoi ricordi. “Eravamo tutti fuori, le piazze erano piene di famiglie che avevano voglia di festeggiare: ora eravamo davvero liberi. È stato il giorno più bello della mia vita. Mi sentivo leggera e felice in mezzo a quella folla che festeggiava la Repubblica perché nonostante avessi solo tredici anni avevo vissuto il fascismo sulla mia pelle ed ero cosciente della fine di quel
periodo così buio e dell’importanza di quel giorno”. Così raccontava Cesarina agli studenti durante gli incontri che l’Anppia svolge con le scuole. Ed il suo apporto è stato fondamentale per le attività dell’Anppia/Anpi donne a cui ha voluto partecipare fino alla fine dei suoi giorni portando come contributo anche l’esempio della sua vita. Cesarina è stata da sempre antifascista, il padre era fra i fondatori del Partito Comunista, e lei era
orgogliosa di avere impostato la sua vita su quei valori che lui le aveva indicato. Donna indipendente, energica tanto da poter allevare i suoi figli da sola rimasta presto vedova; aveva un fortissimo legame non solo con la famiglia d’origine ma anche con quella che lei si era costruita. Il suo privato è stato politico e questa è stata una caratteristica della sua esistenza. Sempre disponibile ad aiutare gli altri e a lottare contro le
ingiustizie è stata una figura di spicco non solo nell’Anppia ma anche nell’Associazione
Livornese Sharawi, assistendo per anni decine di bambini. “Non ho mai voluto tralasciare l’impegno sociale e politico, nonostante le difficoltà e i dolori che il destino non mi ha fatto mancare. È stato faticoso conciliare la mia vita familiare con il lavoro e la politica, ma ho sempre voluto dare il mio contributo”. Cesarina ci mancherai, come a tutte quelle persone che ti hanno conosciuta.

Riproduzione riservata ©