Cerca nel quotidiano:


Economia del mare, il motore del territorio

Livorno e Grosseto sono le province toscane che presentano i numeri più alti in termini di occupati nella Blue economy: Livorno 18.322 occupati blu; Grosseto 9.636 unità. Il presidente Breda. "Uno scenario da cui ripartire dopo l'emergenza Covid-19"

Venerdì 29 Maggio 2020 — 17:39

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Tra il 2014 ed il 2018 nelle province di Livorno e Grosseto la Blue economy ha realizzato un incremento rispettivamente del 2,6% e del 9%

Ogni anno quello con la Blue economy è un appuntamento atteso: il rapporto elaborato dal Centro studi e servizi della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno racconta le risorse e le enormi potenzialità di un territorio che ha nel mare uno dei suoi punti di forza (in fondo all’articolo il pdf con tutti i dati). Il rapporto, relativo ai dati del 2018, è stato presentato dal presidente della Cciaa della Maremma e del Tirreno Riccardo Breda (foto) nel corso di una videoconferenza che si è tenuta nella mattina di venerdì 29 maggio.
“L’emergenza Covid-19 ha stravolto l’intero sistema socio-economico mondiale e avrà un impatto forte anche sull’economia del mare – ha detto il presidente Breda – Tuttavia, i dati che emergono dalla notevole documentazione statistica elaborata ci restituiscono la fotografia di un “come eravamo”, uno scenario da cui ripartire e a cui attingere per considerazioni su uno dei settori di punta per la nostra economia”.
Al termine del 2018 si rileva che nelle province di Grosseto e Livorno hanno sede 6.439 imprese in cui risultano occupate 27.958 persone, un potenziale che ha generato direttamente circa 1,4 mld/€ di valore aggiunto. Il 46,7% delle imprese blu della Toscana risulta insediato nel territorio compreso tra Collesalvetti e Capalbio; per l’esattezza ha sede in provincia di Livorno il 29,7% delle imprese blu regionali.
In sostanza il territorio ricadente nelle competenze della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno può vantare numeri di tutto rispetto sul fronte Blue economy: in termini assoluti si tratta di 6.439 imprese di cui 4.091 a Livorno e 2.348 a Grosseto.
Tra il 2014 ed il 2018 nelle province di Livorno e Grosseto la Blue economy ha realizzato un incremento rispettivamente del 2,6% e del 9%. Nel periodo 2014-2018 si assiste ad una crescita diffusa della numerosità delle imprese nelle filiere alloggio e ristorazione, ricerca-regolamentazione-tutela ambientale e attività sportive e ricreative.
Livorno e Grosseto sono le province toscane che presentano i numeri più alti in termini di occupati nella Blue economy: Livorno 18.322 occupati blu; Grosseto 9.636 unità.

Riproduzione riservata ©