Cerca nel quotidiano:


Esselunga, i grandi marchi ricorrono al Tar

Il sindaco sbotta: "Vogliono bloccare il progetto". La replica dei ricorrenti: "Non temiamo la concorrenza. Non è stata chiesta una sospensiva, che può essere chiesta anche successivamente"

Mercoledì 14 Marzo 2018 — 12:03

Mediagallery

“Abbiamo saputo che UniCoop Tirreno e altre tre società, Sigma, Simply e Risparmio Casa, che si occupano di grande distribuzione alimentare e non, hanno fatto ricorso al Tar contro il piano di riqualificazione dell’area Ex-Fiat.  Tradotto: puntano a bloccare l’operazione Esselunga“. E’ questo il post del sindaco Filippo Nogarin che nella giornata di martedì 13 marzo ha pubblicato l’annuncio sulla sua bacheca facebook.
“Per prima cosa voglio sottolineare che sono certo che gli uffici del Comune abbiano lavorato al meglio – sottolinea il primo cittadino – nel pieno rispetto delle norme nazionali e regionali. Tanto è vero che questa variante è stata approvata dalla stessa Regione Toscana. Comunque, come è ovvio, ciascuno ha il diritto e il dovere di tutelare i suoi affari, ma mi permetto una semplice riflessione”.
“Come mai nessuno dei soggetti ricorrenti – si domanda ad alta voce Nogarin – ha pensato di presentare alcuna osservazione al Piano di riqualificazione dell’area ex Fiat, prima che terminasse il percorso a fine novembre 2017, con il voto definitivo in Consiglio comunale? Perché hanno preferito le vie legali? E come mai nessuno si è mai mosso quando sono stati aperti altri centri commerciali ben più grandi?  Domande legittime, al massimo un po’ retoriche”. Non si è fatta attendere la risposta ufficiale e messa per iscritto dei ricorrenti che, tramite una nota stampa inoltrata a tutte le redazioni, replicano con la nota che riportiamo integralmente qui sotto.
La nota sul ricorso al Tar per insediamento Esselunga:
“A fronte di iniziative di nuovo insediamento è prassi normale valutare il progetto in tutti i suoi aspetti tecnici e amministrativi. Con questa logica alcuni imprenditori di livello nazionale aventi attività sulla piazza di Livorno (Risparmio Casa, Sigma, Simply, Unicoop Tirreno), si sono rivolti a un legale per fare una verifica delle procedure – si legge nel comunicato – Lo studio legale ha evidenziato alcune perplessità, i cui approfondimenti hanno portato a presentare al Tar una verifica di legittimità del percorso amministrativo. Gli operatori ricorrenti non sono contrari al nuovo insediamento, né temono la concorrenza, forti del fatto che con la stessa concorrenza si confrontano da sempre su tanti territori. Al tempo stesso è interesse di tutti – dei ricorrenti, ma anche dei cittadini di Livorno – che i lavori siano realizzati nel pieno rispetto di tutte le normative. Il percorso di verifica ci dirà se queste perplessità sono legittime. Con il ricorso non è stata chiesta una sospensiva, che può essere chiesta anche successivamente. I ricorrenti si riservano di valutarne l’opportunità laddove fossero rilasciati il permesso di costruire o l’autorizzazione al commercio”.

Riproduzione riservata ©

51 commenti

 
  1. # rena

    Eccola , è arrivata la guerra dei supermercati non poteva che essere che così visto il continuo calo del potere di acquisto dei livornesi , i supermercati sono troppi e l’aggiunta di una altra struttura mette in crisi tutto il sistema commerciale

    1. # Furbizia

      La concorrenza abbassa i prezzi e il prezzo basso aiuta i cittadini con contrazione del potere di acquisto. Rimetta in ordine le sue idee, sembra un po’ confuso

      1. # rena

        Guardi che io non sono confuso se ha letto bene , ho detto che rispetto alla possibilità di spesa delle persone di questa città ci sono troppi supermercati e questo è un dato di fatto ,per quanto riguarda la concorrenza è giusto che serva a calmierare i prezzi ma se in un territorio relativamente piccolo ci sono troppe strutture finisce che si fanno una concorrenza spietata e né risente in primis i lavoratori che operano nelle strutture e poi anche la qualità dei prodotti perché nel tentativo di risparmiare alcuni potrebbero essere tentati di abbassare la guardia sulle forniture del supermercato stesso , questo non vuol dire che sia contro Esselunga, ma ripeto sono troppi

        1. # francesca rosellini

          Ha ragione il sig. Rena. E ricordo a tutti che il pericolo dell’abbattimento della qualità è concreto

  2. # Andrea V.

    Non vedo l’ora che arrivi l’esselunga per non andare più alla coop ..
    E se non dovesse aprire andrò a Pisa !!

    1. # ramacciotti

      concordo….

    2. # il terrone

      io ci vado già da parecchio tempo a Pisa e tu sapessi quanto risparmio

      1. # Roberto

        Me lo immagino quanto risparmi, Esselunga la roba la regala, si, si…

      2. # Labro

        Idem

  3. # Morchia

    Finché la gente tutela i propri diritti con gli strumenti che la legge gli consente, c’è poco da brontolare. E se sono state fatte le cose perbene non si bloccherà un bel niente.

  4. # maverick

    ah… fatemi capire… finché la coop ha aperto a destra e manca (due centri commerciali a distanza di due chilometri) tutto ok… ora perché sta cominciando a delinearsi all’orizzonte lo spauracchio dell’esselunga, allora tra poco s’invoca il tar europeo???

    1. # Stella

      Concordo! Guardacaso nell’articolo i ricorrenti specificano in vari punti che no, loro non hanno paura della concorrenza, non lo fanno per quello… e per cosa se no?! E poi, chi gli ha detto niente?!

  5. # D

    perché Non pensate ai posti di lavoro che potrebbe dare Esselunga? Anche se pochi posti però almeno qualcuno lavorerà

    1. # Stella

      Concordo! E mi viene un dubbio… non è che vogliono evitare che finalmente apra l’Esselunga mentre Livorno è sotto l’amministrazione 5stelle? Specie quando ci saranno delle assunzioni, che a Livorno c’è bisogno di lavoro come del pane? Potremmo ricordarci il fatto che per anni questa apertura non era stata approvata

      1. # fabio1

        Stella, bisognerebbe ti togliessi i paraocchi. Tu come tanti state aspettando l’apertura di Esselunga come se fino ad oggi non avessimo alternative dove andare a fare la spesa. Nessuno è contro l’apertura di Esselunga (anche se in molti abbiamo dei dubbi sui molti benefici che porterà e sulla bruttura che sarà) ma è il M5S che ne ha fatto una priorità assoluta già in campagna elettorale (pur avendo già la possibilità di scelta). Ok per i posti di lavoro, ma non si sa come saranno assunte queste 140 persone e non è che con quelle si risolve il problema disoccupazione; dopo 4 anni ancora non c’è altro di concreto sotto il profilo lavoro.
        Per di più, in questo caso, è il sindaco che ha alzato un grosso polverone inutilmente, perchè se lui ed i suoi uffici hanno fatto tutto a dovere non deve temere nulla. Perchè ha fatto questa sparata? non sarà mica per mettere il carro davanti ai buoi nel caso in cui non dovesse aprire nei tempi da lui indicati? Pensava davvero che gli lasciassero la strada spianata?

        1. # Stella

          E scusa se 140 posti di lavoro ti sembrano pochi..!! Per me sarebbe già un bell’aiuto alla città. Credo proprio che sia per quello che il sindaco si è risentito. E poi, quando uno cerca di mantenere una promessa, tutto procede bene, e ti mettono i bastoni fra le ruote, è chiaro che ti prende lo sconforto e magari anche un minimo di incavolatura, no?

    2. # Ginogino

      si posti di lavoro ma come???

  6. # Lukas

    Per me hanno tutti perso un cliente.

    1. # Stella

      👍

  7. # Misia

    Perché non si sono mossi per il Penny di viale Petrarca costruito davanti a quello principale?

    1. # Sabrina P.

      Ricordo a tutti che questo l’ha permesso il decreto Monti, già anticipato dal decreto Bersani, tra tutti e due! Ecco dove nasce la guerra tra poveri, aver liberalizzato le licenze!

  8. # stefano59

    A Livorno ci sono troppi supermercati…ora basta! Lasciamo quelli che ci sono e basta..altrimenti i piccoli commercianti vanno a morire ed altri supermercati saranno magari costretti a licenziare per il diminuire degli affari! E’ inutile dire che Esselunga porterà nuove assunzioni…il problema è che a queste nuove assunzioni si aggiungeranno nuove chiusure e quindi nuova disoccupazione..che sarà maggiore, come numero, delle assunzioni fatte!

    1. # Gianluca

      Giusto. Peccato che se aprono le coop nessuno protesta.

      1. # Sabrina P.

        giustissima osservazione, d’ altronde la liberalizzazione l’ha fatta il pd

  9. # Marco

    E’ una vergogna che questo marchio non riesca a creare posti di lavoro. Forza esselunga!

    1. # Roberto

      Creare 100 posti di lavoro per eliminarne 200 o 300 (delle piccole botteghe) vorresti dire

  10. # VOLTONE

    E ” dal 1980 ma forse anche prima, che leggo e sento che ESSE LUNGA vuole aprì a Livorno, sembrava la volta buona, almeno si vedeva ci si faceva un giro e ci si levava anche questa voglia . SEMPRE FORZA LIVORNO IN B

  11. # nini

    hanno paura ! nessuno ha mai detto nulla sull’apertura di 2 centri commerciali coop a 2 km di distanza,2 penny market a 100 metri di distanza,l’apertura prevista del nuovo lidl, e adesso esselunga è un problema ? ma e mai possibile che esselunga e 30 anni che vuole aprire e non gli è permesso?

  12. # Lilliputz

    Concordo che sia davvero strano che si muovano solo ora e non abbiano avuto nulla da obiettare ogniqualvolta un altro marchio sia approdato a Livorno o abbia ampliato la propria rete di vendita. Personalmente sono cliente di Esselunga Pisa ormai da tempo. Continuare ad andare fin lì non mi costa assolutamente nulla ed è quanto, naturalmente, farò.

  13. # PALLETTE

    NON TEMONO LA CONCORRENZA??? ALLORA PARTIAMO…PENNY VIALE PETRARCA DI FRONTE NE HANNO
    COSTRUITO UN ALTRO. COOP VIA ANNA FRANK ( CHIUSA DA POCO ) A 4 CHILOMETRI DI DISTANZA. COOP COTETO A 10 KM DI DISTANZA. COOP LEVANTE A 13 KM DI DISTANZA. EUROSPIN A 10 KM . COOP PORTA A MARE. COOP LA ROSA ME NE DIMENTICO ALTRE. MA ALMENO SI RISPARMIASSE!!! UNA VOLTA ERANO I SUPERMERCATI DEGLI OPERAI

  14. # chiara

    Vogliamo l’esselunga a Livorno perchè è il miglior supermercato nel rapporto qualità-prezzo. Le altre catene ne hanno giustamente, dal loro punto di vista, molta paura. Speriamo che si faccia giustizia! Mi domando come faccia Esselunga a continuare a perseguire questo progetto così caparbiamente e non abbia ancora gettato la spugna.

  15. # Beppe

    La concorrenza sul mercato tutela i consumatori!

  16. # Marco

    Finché aprivano le varie coop tutti zitti, ora perché apre ESSELUNGA vengono fuori tutti i discorsi del tipo “ci sono troppi supermercati” o “danneggiano i piccoli commercianti” parlate per ideologia…

    1. # Stella

      👍

    2. # fabio1

      Per la nuova Lidl nessuno ha fatto tanto puzzo quanto per di Esselunga.

  17. # Giuseppe

    viva ESSELUNGA a Verona ne abbiamo 3

  18. # Luca

    La verità è che Esselunga fa paura perché ha i prezzi buoni. Comunque Lidl ha comprato i capannoni dove c’era Marini, ha demolito tutto e sta costruendo un nuovo supermercato

  19. # Labronico

    L’unica cosa buona dei grillini finirà a tarallucci e vino. quando nogarin si chiede perché non hanno presentato obiezioni durante la fase di studio: così si perde altro tempo e si allontana la data in cui verranno definitivamente concesse le licenze. Nel frattempo il mandato di Nogarin scade e non è escluso che alle prossime elezioni ritorni un pd (onestamente la vedo dura, visti i risultati cittadini delle recenti politiche)

  20. # Marco

    Alla coop gia non ci andavo….adesso anche gli altri si possono attaccare al tram x me….per adesso esselunga a pisa sperando che il grande nogarin dia i permessi per livorno

  21. # Le chat

    Spett.le Redazione,
    il mio commento, non pubblicato, è stato, forse, ritenuto non gradito a qualcuno……?
    Pubblicate sempre solo commenti “a favore” e mai quelli considerati “non in linea”, oppure è solamente una mia impressione?

  22. # Luigi Corti

    Secondo me andrebbe fatta una valutazione diversa non da un punto di vista commercio/concorrenza quanto da un punto di vista urbanistico.
    Nei prossimi 5/10 anni il commercio elettronico con colossi come Amazon, e bay ma anche poste italiane avrà conquistato grossissima fette di mercato cambiando le abitudini dei cittadini. Ho la sensazione che si tornerà a negozi più piccoli e specializzati in alimenti freschi esenti dall’ e-commerce. Già ora mantenere in piedi un centro commerciale è economicamente oneroso figuriamoci tra qualche anno. Avrei preferito quindi una valutazione urbanistica più lungimirante che un togliersi il prurito dalle mani oggi

  23. # Beppe

    Quando un imprenditore pone una domanda è lecito rispondere con un si o con un no; se la risposta è un ” forse”, un ” vedremo”, un ” parliamone”, poi non ci si deve lamentare se le Imprese investono altrove. Trenta anni per Esselunga, oltre quaranta per l’autostrada (è ancora a zero), IKEA alla fine è emigrata a Pisa, senza dimenticarsi di chi in passato ha chiuso i battenti. Quando qualcuno chiede di investire, con tutte le carte in regola, la risposta deve arrivare ” ieri” , trenta anni francamente sono un tempo incompatibile con la ragione.

  24. # Mauro

    Allo stadio della Juventus c’è la Conad, nel nuovo stadio che faranno ad Empoli idem, a Pisa sono previsti nel nuovo stadio milioni di euro di ricavi ogni anno. Magari l’Esselunga ed altri marchi investissero in quello di Livorno. A Santa Croce sull’Arno (14.000 abitanti con le frazioni) Coop, Lidl, Penny, Eurospin. La qualità dei prodotti non è certo diminuita, come i posti di lavoro. Perché dovrebbe accadere a Livorno?

  25. # Fulvio

    A mio avviso e’ scorretto parlare di questo ricorso solo di Unicoop Tirreno, visto che ci sono una lunga sfilza di altri supermercati che concorrono alla causa. Poi de ora mi sembra che a Livorno ci siano piu’ supermercati privati che coop Lidl (2)Penny (4 )Conad (5) Eurospin
    (1) Simply (2) Di Piu’ (2 ) Pam (2) Coop (5) a occhio 18 a 5

  26. # VOLTONE

    al sig Fulvio rispondo che quando ESSELUNGA voleva aprire a Livorno il mercato forse non era così saturo come ora , se mi ricordo bene di supermarket ce ne erano pochissimi, escludendo chiaramente la coop che era la padrona di casa

  27. # floyd

    Faccio presente che mi è stato censurato un messaggio non contenente offese, parolacce o bestemmie. Complimenti al “moderatore” di Qui Livorno.

    1. # Italo

      Cosa dovrei dire io che vengo bannato a ripetizione, anche riguardo a questa vicenda, eppure scrivo in un italiano forbito ed accorto, senza offendere nessuno. Quando si esprimono idee attraverso il commento di un articolo, soprattutto democratiche, ma che non sono in linea con le politiche della redazione come minimo compare automaticamente il messaggio ” commento in attesa di approvazione dal moderatore” che significa che non lo pubblicano. Meglio scrivessero CENSURATO.

  28. # giancarlo

    UNA BELLA GIRATA A PISA !!!! E RISPARMIO QUALCOSA !!!

  29. # Kristy

    Non ritengo giusta questa guerra contro Esselunga.

  30. # Barbara

    io sono una livornese che ora vive in un’altra città dove Esselunga è una realtà forte e vi dico una cosa: non solo da Esselunga si risparmia, ma qui anche i prezzi coop sono più bassi che a Livorno, perchè la concorrenza li fa abbassare! Pensateci bene invece di continuare a dire che i supermercati in città sono troppi, cosa vera per carità, ma tutti della stessa “razza”!!!

  31. # Arianna

    Buonasera purtroppo a Livorno hanno un idea politica che va oltre alla ragione. In questa città se non si pensa come loro sono tutti fuori dal cerchio.
    Per quanto mi riguarda le coop hanno prezzi alti la carne è dura e tanti altri prodotti cari. MI auguro che ESSELUNGA possa entrare a Livorno darebbe posti di lavoro e un decoro a questa città ormai SPENTA.
    #ARI