Cerca nel quotidiano:


Fatture false per un milione di euro: scatta il sequestro

Le false fatture erano state emesse da cinque diverse ditte individuali. I cinque imprenditori sono stati denunciati dalla Finanza per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti

lunedì 15 Aprile 2019 09:09

Mediagallery

I finanzieri della prima compagnia di Livorno, su ordine della procura della Repubblica, nella fattispecie del sostituto procuratore Sabrina Carmazzi, hanno eseguito un decreto di sequestro di 450mila euro sui conti correnti di una cooperativa attiva nei servizi di logistica del porto, come si legge in una nota stampa delle fiamme gialle arrivata alle redazioni la mattina di lunedì 15 aprile, emesso dal gip del tribunale di Livorno, Antonio Del Forno.
Sarebbero dunque gravi, secondo quanto scrivono nel comunicato stampa i finanzieri, le irregolarità di cui si sarebbe resa “protagonista” la società e il suo amministratore, un 50enne livornese che, dal 2013 al 2016 ha utilizzato un milione di fatture false attestando spese inesistenti.
I suoi redditi così venivano illecitamente diminuiti, affluendo nelle dichiarazioni fiscali in modo fraudolento. E con un danno per l’Erario (di 450mila euro) legato alla mancata riscossione delle relative imposte dirette e Iva.

Le false fatture erano state emesse da cinque diverse ditte individuali, anch’esse operanti in città. I cinque imprenditori sono stati denunciati dalla Finanza per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti, mentre il rappresentante della cooperativa che ha ricevuto i documenti fittizi dovrà rispondere del delitto di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # marco

    Qualche giorno fa è stato pubblicato un articolo riguardante un ragazzo di colore arrestato per aver effettuato uno scippo, con tanto di generalità e fotografia del personaggio in questione.
    Qualcuno può spiegarmi, allora, per quale motivo non viene pubblicato nessun riferimento alle persone che, secondo l’articolo, avrebbero commesso il reato descritto??? Grazie

  2. # ug8onogarINOsono8

    curioso di vedere come finirà

  3. # Livorno 23

    Nomi no?

    1. # ug8onogarINOsono8

      PRIVACY……SAPETE COS’E’?

      1. # Giugi

        E allora il diritto di privacy dovrebbe valere per tutti. Non mi sembra che sia così… dove fa notizia altro che nomi, tra poino ci mettono anche l’indirizzo di casa e il numero di telefono! Basta scorrere gli articoli….. in più, trovo che sia moooooolto più grave e preoccupante il reato compiuto da questo imprenditore che i reati di piccola entità che vengono tanto commentati e criticati, come se rappresentassero davvero il problema del paese. Scommetto che questo articolo sarà letto da un decimo delle persone che visitano il sito. Perché? Secondo me la verità è che, per la maggioranza, l’Italia è un paese ricco di frustrazione ed ignoranza e le cose veramente serie spesso sono noiose. Meglio sfogarsi e rifarsela con i più deboli! Senza metterci la faccia ovviamente. Che tristezza…

  4. # Ginone

    I nomi??? Non capisco perché secondo cosa nomi cubitali, e chi no !! Motivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.