Cerca nel quotidiano:


Fiaccolata “statica” e concerto in memoria delle vittime dell’alluvione

Martedì 8 Settembre 2020 — 10:34

Mediagallery

La cerimonia, che si aprirà con le parole del sindaco di Livorno Luca Salvetti, vuole essere un momento di riflessione collettiva per non dimenticare il drammatico evento che si abbatté sulla città mietendo nove vittime

A tre anni dal drammatico nubifragio che sconvolse la città nella notte tra il 9 e 10 settembre 2017, Livorno ricorda l’evento calamitoso e le sue vittime con una fiaccolata “statica” (nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid) ed un concerto musicale inserito nel programma del Mascagni Festival. Le commemorazioni si svolgeranno nella serata di mercoledì 9 settembre. Alle 20.15 alla Rotonda di Ardenza, uno dei luoghi maggiormente colpiti dalla tragica alluvione, si terrà una fiaccolata “statica” alla presenza delle istituzioni, dei familiari delle vittime e dei componenti delle associazioni che si impegnarono fortemente in aiuto dei cittadini. I partecipanti saranno distanziati secondo le misure preventive di contrasto al Coronavirus. La cerimonia, che si aprirà con le parole del sindaco di Livorno Luca Salvetti, vuole essere un momento di riflessione collettiva per non dimenticare il drammatico evento che si abbatté sulla città mietendo nove vittime. Punto di ritrovo: Rotonda di Ardenza in prossimità del circolo  Il Gabbiano.

MARIO MENICAGLI

Alle 21.15 alla Terrazza Mascagni “Concerto in ricordo delle vittime dell’alluvione”. L’appuntamento è inserito nel programma della prima edizione del  Mascagni Festival. L’evento, frutto dell’idea nata dall’Accademia degli Avvalorati e dalla Associazione Modigliani, vedrà la partecipazione dell’orchestra e del coro “A tre anni dall’alluvione”, formato da moltissimi musicisti, alcuni provenienti dalle più prestigiose orchestre italiane, e da solisti di chiara fama. Il coro sarà formato da una folta rappresentativa delle corali livornesi e di molte corali toscane. In programma  la Messa di Gloria in fa maggiore di Pietro Mascagni che vedrà impegnati il tenore Samuele Simoncini, il basso Paolo Pecchioli e il violinista Marco Fornaciari; quest’ultimo si esibirà nella struggente “Elevazione”. I musicisti saranno diretti da Mario Menicagli. Il programma vedrà anche la prima esecuzione della Missa Brevis da Requiem di Marco Fornaciari, scritta in collaborazione con Andrea Bricchi (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria): https://mascagnifestival.it/mascagni-festival-2020/

Riproduzione riservata ©