Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Firmato dai sindaci di Firenze, Livorno, Lucca e Pisa il Piano della Mobilità Sostenibile di Area Vasta e Metropolitana

Lunedì 6 Giugno 2022 — 20:09

L'Accordo ha per scopo lo studio, l'elaborazione e la concretizzazione di un Piano della Mobilità Sostenibile di Area Vasta e Metropolitana che abbia come obiettivo il coordinamento delle azioni finalizzate al miglioramento del sistema dei collegamenti di area vasta

Presenti alla firma dell'Accordo il presidente della Regione Eugenio Giani e l'assessore regionale ai Trasporti Stefano Baccelli

Con la firma dell’accordo di collaborazione tra Amministrazioni di Firenze, Livorno, Lucca e Pisa per il Piano della Mobilità Sostenibile di Area Vasta e Metropolitana, si concretizza la strategia comune iniziata il primo aprile dello scorso anno a Livorno durante un incontro tra sindaci e assessori alla Mobilità, nella sala del Grande Rettile al Museo della Città. Sono seguiti poi gli incontri del 7 maggio a Lucca e del 13 luglio a Firenze, tra gli assessori alla Mobilità dei Comuni sopra indicati.

L’Accordo ha per scopo lo studio, l’elaborazione e la concretizzazione – anche attraverso azioni e step successivi – di un Piano della Mobilità Sostenibile di Area Vasta e Metropolitana che abbia come obiettivo il coordinamento delle azioni finalizzate al miglioramento del sistema dei collegamenti di area vasta, con particolare riferimento alle infrastrutture ferroviarie, ai sistemi di trasporto rapido di massa, alle nuove connessioni di mobilità leggera e sostenibile, ai servizi aeroportuali, al miglioramento della rete stradale.

Hanno firmato l’Accordo il sindaco di Firenze Dario Nardella, il sindaco di Livorno Luca Salvetti, il sindaco di Pisa Michele Conti e il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini.
Alla redazione dell’atto di 7 pagine hanno contribuito: l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità del Comune di Firenze Stefano Giorgetti, l’assessora all’Ambiente e Mobilità del Comune di Livorno Giovanna Cepparello, l’assessore all’Urbanistica e Mobilità del Comune di Pisa Massimo Dringoli, l’assessore alla Mobilità e Tpl del Comune di Lucca Gabriele Bove.

Presenti alla firma dell’Accordo il presidente della Regione Eugenio Giani e l’assessore regionale ai Trasporti Stefano Baccelli.
Giovanni Palladino, responsabile delle Relazioni Istituzionali con le Regioni e gli Enti Locali del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, ha inviato un contributo scritto in cui il Gruppo Ferrovie dello Stato esprime la propria soddisfazione e la piena partecipazione per la firma dell’Accordo di collaborazione tra Amministrazioni di Firenze, Livorno, Lucca e Pisa per il Piano della Mobilità Sostenibile di Area Vasta e Metropolitana, “con l’auspicio di concretizzare tutti gli obiettivi delineati dal Piano”.
Il Piano di Mobilità Sostenibile di area Vasta e Metropolitana dovrà trovare coerenza con il PRIIM (Piano Regionale Integrato Infrastrutture e Mobilità). Per questo la Regione Toscana ha manifestato una importantissima apertura e una grande disponibilità.
Il Piano valorizzerà le sinergie fra i PUMS (Piano Urbano di Mobilità Sostenibile) delle diverse città al fine di favorire l’integrazione fra territori contigui anche attraverso reti di mobilità dolce di area vasta che contribuiscano alla valorizzazione delle aree interne e alla promozione anche turistica del territorio.
Nel testo dell’Accordo si legge che “Il Piano dovrà anche promuovere idonee misure finalizzate a garantire l’accessibilità inclusiva, quale obiettivo trasversale a tutte le azioni previste”.
Pertanto i sindaci hanno concordato di costituire un gruppo di lavoro tecnico coordinato dai rispettivi assessori alla Mobilità e contestualmente di estendere le forme di collaborazione istituzionale alla Regione Toscana, nonché al Governo, con particolare riferimento al Ministeri delle Infrastrutture e Trasporti del Governo.
Il tavolo ha inoltre condiviso un cronoprogramma che prevede ulteriori incontri da replicare in ciascuna delle città coinvolte da qui ai prossimi mesi, con la partecipazione dalle altre città interessate dal piano a cominciare da Prato, Pistoia e Massa.

Temi e ambiti dell’Accordo

  • Promozione di un sistema ferroviario metropolitano caratterizzato da un collegamento rapido fra i centri maggiori concepiti come hub intermodali con connessioni con i centri minori
  • Completamento del sistema di alta velocità del nodo di Firenze e realizzazione di nuove fermate
  • Pianificazione di un sistema di un trasporto rapido di massa su ferro che connetta Livorno-Pisa-Lucca con le aree urbane, con il porto di Livorno e l’aereoporto di Pisa.
  • Pianificazione di un sistema di trasporto rapido di massa su ferro che connetta l’Aeroporto di Firenze con l’area sud-est di Prato (Peretola-Pecci)
  • Realizzazione di sistemi di limitazione del traffico e delle emissioni nelle aree densamente urbanizzate a partire dallo Scudo Verde della città di Firenze
  • Completamento delle ciclovie
  • Promozione dell’intermodalità verso il modo bici
  • Potenziamento delle infrastrutture di ricarica elettrica per i mezzi su gomma e transizione verso modalità di alimentazione sostenibile del parco mezzi TPL
  • Promozione della centralità del nodo portuale di Livorno in collegamento con l’interporto e con i poli industriali lucchesi e con il canale dei Navicelli
  • Sostegno condiviso ai progetti di sviluppo dei due scali aereoportuali Galilei e Peretola
  • Attivazione della rete a nodi di interscambio per il TPL extraurbano gravitante su Firenze
  • Implementazione di sistemi smart di assistenza e gestione dei flussi veicolari a supporto dell’intemodalità
  • Promozione delle misure finalizzate a garantire l’accessibilità inclusiva a tutti i sistemi di trasporto
  • Promozione di standard ottimizzati di accessibilità al trasporto pubblico e a tutte le infrastrutture per la mobilità
  • Implementazione e valorizzazione delle vie d’acqua e dei canali navigabili, anche considerando l’intermodalità degli stessi con ciclovie e ferrovie
  • Potenziamento del sistema dei parcheggi scambiatori sia nelle stazioni ferroviarie di partenza dei flussi pendolari che sui terminali della rete portante del trasporto pubblico urbano tram-bus-treno
  • Introduzione di strumenti condivisi di “mobility as a service” e di accordi di integrazione tariffaria multimodale per facilitare l’accesso ai servizi di mobilità e sosta disponibili sul territorio di interesse
  • Potenziamento e razionalizzazione della gestione della FI-PI-LI
  • Analisi della logistica nell’area vasta e metropolitana, con l’obiettivo di ridurre l’impatto del trasporto su gomma sulle principali vie di collegamento e sulla viabilità dei centri maggiori
  • Implementazione e condivisione di soluzioni per la logistica dell’ultimo miglio volte a ridurre l’impatto della gestione delle merci nei centri storici delle città
  • Implementazione di soluzioni per la regolamentazione dei flussi turistici su gomma originati dal porto di Livorno e diretti verso le città d’arte
  • Accelerazione dei progetti di autostrade per l’Italia ASPI relativi alla A11 Firenze-Lucca a cominciare dalla terza corsia del tratto Firenze-Pistoia, alla realizzazione dello svincolo autostradale Firenze Peretola ed allo studio di fattibilità dello svincolo di Lucca (parte est Mugnano)
  • Completamento del corridoio tirrenico compresa la realizzazione del Lotto Zero, e contemporaneo miglioramento degli standard di sicurezza della variante Aurelia nel tratto urbano di Livorno

Gli interventi del presidente della Regione Eugenio Giani, dell’assessore regionale ai Trasporti Stefano Baccelli e dei Sindaci di Firenze, Livorno, Lucca e Pisa

Presidente della Regione Eugenio Giani: ”La collaborazione tra le Istituzioni locali è risultata decisiva nella stesura di questo piano per la mobilità sostenibile che riguarda i Comuni di Livorno, Lucca e Pisa e l’Area metropolitana di Firenze. Il piano servirà ad attivare una serie di strategie per il rilancio della viabilità e delle infrastrutture a livello toscano. Come Regione ci rallegriamo per la firma di questo accordo che, di fatto, servirà a gettare le basi per superare la Toscana a due velocità. Quanto viene sottoscritto oggi a Livorno detta le strategie per il rilancio della viabilità e delle infrastrutture aiutando gli Enti locali ad accedere con maggiore facilità agli aiuti economici”

Assessore regionale ai Trasporti Stefano Baccelli: “Abbiamo inserito nel documento di finanza regionale la possibilità di integrare, nel piano di infrastrutture e mobilità sostenibile regionale, quelle progettualità che, dal dialogo proficuo dei quattro comuni e coordinato dalla Regione, emergeranno come opportune e cruciali per avvicinare i capoluoghi della costa tra loro e con Firenze. In particolare un nuovo modello di mobilità che rappresenti una terza via tra il servizio ferroviario regionale ed il sistema tranviario metropolitano fiorentino e che permetta di connettere nel modo migliore le tre città d’arte della costa e le loro eccellenze produttive, portuale e turistiche. Il tutto insistendo ulteriormente affinchè vengano realizzate in tempi rapidi tutte quelle infrastrutture ferroviarie, tramviarie, stradali, autostradali e ciclabili che già sono presenti nel documento strategico regionale”.

Sindaco di Firenze Dario Nardella: “Dopo un anno di lavoro e il patto siglato nell’aprile 2021 siamo arrivati a un punto di svolta nel rapporto tra le città toscane e in particolare tra l’area metropolitana di Firenze e la costa. La firma dell’accordo di collaborazione tra le quattro città è uno strumento di lavoro portentoso e molto concreto con il quale possiamo tracciare i piani di sviluppo delle politiche di mobilità e di connessione delle nostre città che abbracciano territori fondamentali della regione.
Voglio sottolineare l’importanza del costante confronto con la Regione, in particolare con l’assessore Stefano Baccelli che ha garantito il coordinamento degli obiettivi delle città. Per noi sindaci la parola d’ordine è la qualità della vita che significa investire sul trasporto pubblico sostenibile, sui servizi alle imprese, sulla promozione economica, sulla transizione digitale. Il nostro patto è ovviamente uno strumento aperto: abbiamo già avviato un confronto con il territorio di Massa Carrara e in particolare con il presidente della provincia Gianni Lorenzetti, e a questo punto dobbiamo dare attuazione tempestiva ed efficace agli obiettivi che ci siamo assunti. Queste quattro province insieme possono dare un apporto fondamentale alla crescita del pil della Toscana e per fare questo le politiche di mobilità sono fondamentali”.

Sindaco di Livorno Luca Salvetti: “Con questo accordo andiamo oltre la Toscana a due velocità e attiviamo una serie di strategie per il rilancio della viabilità e delle infrastrutture. Si concretizza finalmente un piano comune tra i quattro capoluoghi che renderà più facile la procedura per accedere ai finanziamenti e migliorare il sistema di collegamenti. Un grande lavoro è stato fatto in questo anno dagli assessori alla Mobilità dei quattro comuni interessati che ringrazio particolarmente. Esprimo la mia soddisfazione per la collaborazione dei sindaci di Firenze, Lucca e Pisa e per la presenza oggi del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e dell’assessore regionale ai Trasporti Stefano Baccelli.

Sindaco di Pisa Michele Conti: “L’accordo che firmiamo è un atto fondamentale per iniziare a costruire finalmente la Toscana costiera del futuro. Senza un sistema di infrastrutture sempre più interconnesso, integrato ed efficiente, infatti, non può esserci sviluppo per le imprese e per i nostri territori che devono essere sempre più capaci di attrarre investimenti dall’Italia e dall’estero.
Dopo un anno di lavori congiunti e interlocuzioni abbiamo individuato obiettivi e priorità su cui ogni singola Amministrazione sta già lavorando. E adesso è giunto il momento di dare pieno riconoscimento a tutto questo lavoro ed è fondamentale che a questo tavolo da ora in poi partecipi anche la Regione Toscana con la volontà di supportare le Amministrazioni nella progettazione condivisa e nella ricerca dei finanziamenti”.

Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini: “Sono particolarmente soddisfatto di poter chiudere il mio mandato amministrativo al Comune di Lucca con la firma di questo importante accordo che nei prossimi anni vedrà le città della Toscana centro settentrionale impegnate nella implementazione di un piano complessivo della mobilità di area vasta che non lascerà indietro nessuna delle nostre comunità e che porterà sviluppo e benessere a ciascuna di esse. Ridurre gli impatti del trasporto merci su gomma attorno e all’interno delle città storiche, potenziare il trasporto pubblico, il trasporto su ferro e la sua interconnessione con il sistema aeroportuale, rendere ancora più estesa la rete delle ciclovie, anche in chiave di sviluppo turistico. Sono, questi, alcuni dei temi che ci stanno particolarmente a cuore e che riteniamo potranno essere declinati al meglio nell’ambito di questo rapporto proficuo di collaborazione”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©