Cerca nel quotidiano:


In Fortezza Vecchia pannelli sui volatili

Quattordici specie di cui ben sei sedentarie. Sono gli uccelli che negli ultimi due anni hanno visitato la Fortezza Vecchia. La Lipu ha deciso di mettere a disposizione dei visitatori dei pannelli appositi

Lunedì 22 Agosto 2016 — 15:15

Mediagallery

Quattordici specie di cui ben sei sedentarie. Sono gli uccelli che negli ultimi due anni hanno visitato la Fortezza Vecchia. Il Gheppio, il Gabbiano reale, il Piccione, il Rondone pallido, il Pigliamosche e lo Storno, sono ormai di casa a Livorno, tanto che alcuni di essi hanno addirittura deciso di nidificare negli anfratti del Mastio o dei bastioni, altri invece compaiono durante le migrazioni o nella stagione invernale. Insomma, non solo turisti. Il Complesso Mediceo è oggi sempre di più un paradiso nascosto anche per il popolo alato. Ne è convinta la Lega Italiana Protezione Uccelli, che a Livorno effettua continui censimenti sugli esemplari che sorvolano la città dei Quattro Mori, e che mercoledì 24 agosto, a partire dalle 18.30, presenterà in Fortezza Vecchia al pubblico una pannellistica di carattere ecologico dedicata in particolare a descrivere l’avifauna che si può osservare nel più importante complesso monumentale della città labronica.
I pannelli sono illustrati da bellissime foto, e i testi che descrivono sinteticamente le caratteristiche ed il periodo di presenza delle diverse specie sono stati elaborati in versione bilingue, per facilitare la comprensione anche ai turisti stranieri, che notoriamente sono molto sensibili e attenti alle tematiche ambientali. Questa operazione comunicativa per i visitatori della Fortezza Vecchia e la cittadinanza più in generale, si colloca dopo due anni di collaborazione tra l’Autorità Portuale e Lipu sul tema della gestione della nidificazione del Gabbiano reale.
La collaborazione tra APL e Lipu ha permesso inoltre di organizzare altri momenti di sensibilizzazione per i cittadini sul tema degli uccelli e della natura in città, compresa una serie di corsi dedicati al birdwatching ed alla biodiversità urbana.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Dilvo

    Ottima iniziativa.
    La conoscenza non è mai troppa.
    Visto quanti punti commenti a Livorno non interessano i volatili..la colpa è sempre sua però. ..

  2. # ettoro

    Questa iniziativa ci voleva…. vista la rarita’ degli uccelli che ci sono nella zona

  3. # Uccio

    Sarebbe opportuno mettere in guardia i visitatori dell’aggressività di questi uccelli che vedono l’uomo come una minaccia per la loro nidiata.Altrimenti sono volatili per diabetici…per chi ignaro vi si avventura