Cerca nel quotidiano:


Forza Genova! Da Livorno tanta solidarietà. Nogarin: cordoglio a nome della città

Sul posto dalla Toscana 24 vigili del fuoco, da Livorno Catania e Donnini. Nogarin: "Ho offerto al sindaco Bucci il nostro massimo sostegno". La Regione: "Toscana pronta a offrire aiuto con uomini, ambulanze, farmaci, posti in ospedale"

giovedì 16 agosto 2018 14:40

Mediagallery

Due unità cinofile dei vigili del fuoco di Livorno (Benedetto CataniaIlio Donnini) si sono unite alle cosiddette unità USAR light partite dai comandi di Pistoia e Prato insieme al personale di Massa Carrara, della CoEm (Comunicazione in Emergenza) della Direzione Regionale Toscana e del Comando di Firenze (in fondo all’articolo due dei video girati dai vigili del fuoco e pubblicati su vigilfuoco.tv). In totale sono 24 i vigili del fuoco partiti dalla Toscana alla volta di Genova dove la mattina del 14 agosto è crollata una porzione di circa 200 metri del viadotto sull’A10. Sempre da Livorno, oltre alle due unità cinofile dei vigili del fuoco, sono partiti undici agenti della municipale e un ispettore.
Nogarin – “Sono ormai 39 le vittime del terribile crollo del ponte Morandi. Esprimo a nome di tutta la città le nostre condoglianze ai familiari, così come la nostra vicinanza agli sfollati e a tutta la città. Livorno è a Genova, non solo con il cuore. Ringrazio a questo proposito gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale di Livorno che concretamente si sono messi a disposizione per dare sostanza al sostegno che ho garantito al sindaco Bucci durante il nostro dialogo di poco successivo al crollo del ponte Morandi. Dopo quella telefonata i due comandanti di Polizia Municipale e Protezione civile hanno concordato coi loro rispettivi di Genova l’entità e la tipologia del nostro intervento di assistenza e, ricevuto il nulla osta della Prefettura, dodici dei nostri appartenenti al Corpo di Polizia Municipale di Livorno sono partiti per Genova, dove resteranno in assistenza ai colleghi del capoluogo ligure, per tre giorni”.
Stefano Corsini (presidente dell’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale) – “Seguiamo con la massima apprensione ciò che è accaduto a Genova. Esprimiamo la nostra totale vicinanza alla città che sta vivendo in queste ore una situazione drammatica”.
La Regione Toscana – “Una tragedia terribile, tutta la mia vicinanza e solidarietà. La Toscana è pronta a offrire aiuto concreto con uomini, ambulanze, farmaci, posti in ospedale e tutto ciò di cui ci sarà bisogno. Siamo a disposizione per ogni necessità”. Così l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi sul disastro accaduto a Genova. Le fa eco l’assessore all’ambiente Federica Fratoni: “Una tragedia immane quella di Genova. Seguo con grande apprensione gli aggiornamenti e mi stringo attorno alla città, alle famiglie, ai vigili del fuoco e i volontari impegnati nei soccorsi. Ho contattato l’assessore all’ambiente e infrastrutture della Liguria per esprimere la nostra solidarietà. Regione Toscana, con la protezione civile e la centrale per le maxiemergenze del 118, in quanto centrale remota per le operazioni di soccorso sanitario (CROSS) nazionale, è in contatto con il dipartimento ed é a disposizione per dare sostegno e aiuto alle operazioni”. Come previsto dalla normativa nazionale, è stata subito attivata la CROSS (Centrale remota operazioni soccorso sanitario). A livello nazionale sono due, Torino e Pistoia, che entrano in funzione a turno. Questa volta toccava a Torino, che ha subito chiamato e preallertato anche Pistoia. “Abbiamo dato immediatamente la nostra disponibilità – informa il dottor Piero Paolini, responsabile della Centrale operativa 118 Pistoia e Empoli -, raccordandoci con tutti gli ospedali”. La Toscana è pronta a inviare uno o due elicotteri. Sta facendo una ricognizione dei posti letto disponibili in regione, privilegiando ovviamente la zona nord ovest, più vicina a Genova. Siamo pronti a partire con il posto medico avanzato, che vede integrati anche specialisti del Meyer. Sono a disposizione ambulanze e personale sanitario del 118. Sono pronte scorte di farmaci, presidi medici e sanitari in genere. Dal Gaslini, l’ospedale pediatrico di Genova, è giunta una richiesta di farmaci.
Avis – La solidarietà di tutti noi di Avis per i feriti, per le famiglie delle vittime, per i soccorritori e per coloro che sono impegnati in questa immane tragedia causata dal crollo del viadotto dell’A10. Siamo in contatto con il CRS e Avis Liguria e vi terremo informati: non c’è al momento necessità urgente di sangue.
Il Livorno Calcio via Tw – Tutto il nostro cuore è vicino alla città di Genova.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Stefano

    Forza Genova

  2. # Gino

    Solidarietà a discorsi e poi, nonostante quanto successo e le numerose vittime, a Livorno si sono fatti comunque i fuochi di artificio di Ferragosto

    1. # luca

      La solidarietà vera si porta con aiuti economici , mezzi, braccia etc etc.
      Il minuto di silenzio, commentare con lezioncine varie, postare foto come va di moda ora invece serve solo ad avere un attimo di notorietà e la coscienza pulita nel dire io ho fatto questo.
      Sarebbe molto più utile devolvere gli incassi di manifestazioni
      Mi ricorda quei negozianti che criticavano chi andava ad una manifestazione, appoggiati alla porta del negozio rigorosamente aperto. Perché a discorsi tutti bravi , a frugarsi un po’ meno.
      Anche le prediche religiose, di qualsiasi religione, aiutano l’adepto, non certamente il bisognoso.

  3. # SCARPANTIBVS

    Quel ponte era di tutti e ci siamo passati tutti numerose volte.
    Questa tragedia implicherà qualcosa a tutti noi nel lavoro e nella mobilità.
    Per questo oggi siamo tutti Genovesi.

  4. # nico66

    Quando succedono cose del genere cosi improvvise rimaniamo tutti scioccati da queste situazioni vedi la nostra alluvione la vera italia e’la solidarietà tra cittadini e autorità x cercare di dare il nostro contributo GENOVA SIAMO CON TE

  5. # Michell

    38 vittime ! Giustizia vogliamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive