Cerca nel quotidiano:


Garibaldi, nasce “Antico borgo reale”

Inaugurato, con una festa, il nuovo Centro Commerciale Naturale “Antico Borgo Reale” in piazza Garibaldi. Qui sarà presto aperto un nuovo circolo dell’associazione #iosono141

Sabato 10 Settembre 2016 — 10:11

Mediagallery

di Filippo Ciapini

E’ stato inaugurato il 9 settembre, con una festa all’insegna di musica, cibo e stand, il nuovo Centro Commerciale Naturale “Antico Borgo Reale” in piazza Garibaldi: un’aggregazione fra operatori commerciali che interesserà l’area Garibaldi e le zone limitrofe. L’obiettivo è semplice: rilanciare un quartiere storico e strategico per la città. “Il progetto è stato il primo passo per la riqualificazione urbana, c’è stata una forte sinergia con il Comune. Vogliamo ripartire dalla multietnicità che caratterizza questa zona”. Così l’assessore al commercio Paola Baldari che partecipando al taglio del nastro dimostra come l’amministrazione comunale creda in questo progetto. Presente anche il presidente del CCN Serena Fabbrini che ha accettato questo incarico come una sfida personale: “Noi commercianti siamo scoraggiati dalla situazione di questo quartiere, attraverso l’autofinanziamento organizzeremo anche degli eventi per dare a tutta la zona una seconda vita”. Il 16 settembre il primo appuntamento a cui ne seguirà un altro a metà novembre. Inoltre, i negozianti stanno progettando i mercatini di Natale. Da segnalare che nel quartiere sarà presto aperto un circolo dell’associazione #iosono141. Spiega Loris Rispoli, presidente dell’associazione: “In un quartiere storico e importante come questo è importante mantenere la memoria: sono sicuro che se ci sarà l’impegno dei cittadini rivitalizzeremo questa fantastica piazza e ristabiliremo la legalità che si merita”. Piazza Garibaldi è risorta, ora sta a tutti noi cittadini viverla al meglio.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Roberto5

    In piazza Garibaldi c’è un’entrata che porta alla Livorno sotterranea. .perché non aprirla al pubblico dopo una bella derattizzazione perché ci sono ratti giganteschi ma ci sono anche le antiche botteghe livornesi a cui si accedeva da sotto la piazza della repubblica. Sarebbe un’idea sia per i livornesi che per i turisti.

  2. # alfio guetta

    Ma per cosa l’ha tagliato il nastro? Li c’è solo aria, le baracchine sono li da quando ero bimbo, il pavimento c’è sempre stato… un vorranno mia rancottacci che hanno inaugurato la statua di Garibardi, vero! Oltretutto ci confermano che è una zona in mano alla illegalità e che VERRA’ eliminata: oggi no, domani forse ma dopodomani sicuramente…

  3. # Carlo

    ottime iniziative … ma senza una sorveglianza adeguata, senza un controllo del territori… è come mettere la cravatta ad un maiale !!! !!!

  4. # Nedo

    Queste iniziative andavano prese 10 anni fa, ora è troppo tardi.

  5. # stanka

    Io ci abito da 10 anni. Vedere le pattuglie della polizia che girano dopo cena è un segnale…spero che questo “Borgo ranocchio” si trasformi davvero in “Reale” perchè è giusto che sia così. Ogni città ha la sua zona più antica ben protetta e conservata: cerchiamo anche noi livornesi di trasformarla fattivamente, non cadendo nelle solite e sterili polemiche. Spesso e volentieri chi “armeggia” con gli spaccini è proprio ahimé livornese DOC. Sappiatelo!