Cerca nel quotidiano:


Gettato nei fossi il gazebo di Agedo e Arcigay ad Effetto Venezia

Fatto denunciato alla polizia: indagini in corso per capire eventuali responsabilità

sabato 04 agosto 2018 10:47

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Un gesto che potrebbe assumere connotati inquietanti. La denuncia è stata già inoltrata alla questura e nel pomeriggio di venerdì 3 agosto i poliziotti, chiamati dalle vittime del gesto, sono intervenuti per un sopralluogo. Il gazebo di Agedo (Associazione di genitori, parenti e amici di persone Lgbt) e Arcigay è stato gettato nei fossi sopra una barca. “Come associazione presente al villaggio di solidarietà di Effetto Venezia – spiega Rita Rabuzzi, presidente di Agedo Livorno – ci siamo presentati alle 19 per aprire il nostro banchetto, quello di Agedo che ospita anche materiale dei nostri amici e amiche di Arcigay, al posto numero 9 sugli scali del Refugio. Abbiamo però trovato il nostro gazebo gettato nel fosso sottostante e adagiato sopra un’imbarcazione”.
Un gesto che sicuramente lascia interdetti e fa pensare. “Non vogliamo lanciare accuse a vuoto, ma siamo convinti si sia trattato di un atto vandalico di intolleranza verso un obbiettivo sensibile – continua Rabuzzi – Il nostro gazebo era abbassato, legato ed annodato a quattro taniche di acqua, impossibile che il vento sia stato capace di sciogliere i nodi. Non è il primo atto di intolleranza che subiamo e non abbiamo paura, ma non possiamo non constatare un deciso peggioramento delle condizioni di convivenza civile nel nostro paese, del quale le persone Lgbt non possono che essere purtroppo tra quelle maggiormente interessate. Ci dispiace che questo possa essere percepito anche in un contesto come Effetto Venezia, noi ci siamo per restare, per difendere i nostri figli e figlie sopratutto quando ne hanno più bisogno”.
Il gesto non ha fermato però la voglia di esserci. Il banchetto di Agedo e Arcigay è rimasto aperto anche senza gazebo come dimostra la foto dei volontari sorridenti che non hanno mancato di accogliere con il sorriso tutti i passanti che si sono fermati per ricevere informazioni sulle due associazioni.
Francesco Gazzetti, consigliere regionale Pd – Voglio esprimere totale solidarietà all’Agedo di Livorno, l’Associazione di genitori, parenti e amici di persone Lgbt. Il gesto che hanno subito è disgustoso ed è un atto vandalico che rappresenta un messaggio di bullismo e discriminazione sociale che la realtà di Livorno non può assolutamente accettare. Un gesto che, al tempo stesso, non deve assolutamente fermare nè l’Agedo e neanche chi si impegna per una società dove possano risplendere tutti i colori dell’amore. Forza!
Cgil Livorno – La Cgil provincia di Livorno esprime massima solidarietà e vicinanza a Agedo e a Arcigay (il cui materiale è ospitato all’interno dello stesso gazebo), condannando fermamente questo atto vile e ignobile. Non possiamo più permetterci di parlare di bravata o di stupido scherzo, sarebbe pericoloso. Ci auguriamo che le autorità competenti facciano luce su quanto avvenuto. Adesso però è anche arrivato il momento di dare un segnale forte e deciso: in Toscana negli ultimi mesi stiamo assistendo a una vera e propria escalation di questi atti intimidatori o violenti. Il vento dell’intolleranza sta soffiando sempre più forte: dobbiamo fermarlo prima che sia troppo tardi. Le forze democratiche cittadine devono reagire e far sentir la propria voce in maniera unitaria. I comunicati di solidarietà non bastano più, dobbiamo inviare un segnale fermo e deciso nei confronti del pensiero intollerante. Crediamo insomma che siano maturati i tempi per il lancio di una manifestazione cittadina a sostegno della multiculturalità e in difesa delle libertà individuali. Livorno è sempre stata una città accogliente e aperta a tutte le culture e a tutte le forme di pensiero, e si è sempre schierata dalla parte dei più deboli: è arrivato il momento che la Livorno democratica si mobiliti e difenda la propria storia.
Esecutivo Sinistra Italiana – Federazione di Livorno – Ci troviamo oggi a dover commentare un altro sopruso, non possiamo restare indifferenti difronte ad un ulteriore gesto di violenza che mina il diritto civile di celebrare la solidarietà e la diversità. È inaccettabile il comportamento di chi ha con spregio calcolato,  gettato il gazebo del banchetto di Agedo e Arci Gay nel fosso vicino alla postazione concessa al Villaggio della solidarietà durante Effetto Venezia.
Alla repressione sul dissenso si unisce l’intolleranza e questo è un segnale pericoloso che esacerba un clima assai lontano dagli obiettivi che una festa fortemente voluta, rispettata e partecipata dai livornesi e non, avrebbe l’ambizione di rappresentare.
L’immagine che viene restituita tradisce un momento difficile della città e che ci lascia ogni giorno sempre più indifesi, ma al quale con coraggio è un nostro dovere civile opporci. Senza scomodare la storia, serve correre ai ripari subito sul presente. Le Istituzioni e la politica non siano sorde ad un richiamo congiunto, pretendiamo che sia fatta luce e che vengano presi provvedimenti immediati di tutela. Possiamo dirci di essere ancora una città dove i diritti contano ancora qualcosa? Noi crediamo che sia così, ma serve reagire. Non si tratta di una bravata, ma dell’ennesimo moto malsano di chi vuole sopprimere libertà e diritto alle differenze di genere. Sinistra Italiana di Livorno non accetterà mai che si spengano i riflettori su temi legati all’uguaglianza, al diritto di libera opinione e manifestazione pacifica del dissenso o alla solidarietà come base per la convivenza civile fra gli individui. Per questo è vicina ad Agedo e Arci Gay in questo momento invitando tutti coloro che condividono l’esigenza di contrapporsi a fenomeni violenti di far uscire le loro voci, perché una comunità coesa si alimenta e non respinge o reprime il diritto alle differenze.

Riproduzione riservata ©

36 commenti

 
  1. # Emiliano

    ….fascismo che avanza,la storia (ahime’) non insegna…

    1. # Lobe1975

      Il fascismo era un altra cosa; qui si tratta di vigliaccheria, intolleranza ed inciviltà. Non facciamo di tutta un erba un fascio 😜

      1. # Palombella rossa

        Vigliaccheria + intolleranza + inciviltà (+ ci aggiungo violenza) = fascismo

        1. # roby

          prima di aprire bocca accendete il cervello, anche quello che ha tirato l’uovo in faccia all’atleta di colore doveva essere un fascista razzista, poi è venuto fuori che è figlio di un amministratore pd magari piddino anche il ragazzo, nessuno ha parlato della sua fede politica.

          1. # 0586

            anche matteone salvini tirava uova a d’alema e alla polizia e si beccava condanne penali nel 99……lo sai che ruolo ricopre adesso vero??

          2. # HAHAHAHA

            FINITE LE RISPOSTE

          3. # nando

            era meglio se c’ andavo anch’io a tirà l’0va a dalema invece di dagli il voto, guarda come ci hanno ridotto, oltre a rovinare mercato del lavoro, giovani, pensionati e più ce nà più ne metta, hanno fatto in modo e maniera di consegnare il governo alla destra, tanto intelligenti non se ne rendevano conto che perdevano consensi giorno dopo giorno, chi pensavano ci andasse al governo dopo di loro, papa francesco? hanno offeso un’intera generazione, quelli rimasti vivi, che nel dopoguerra hanno ottenuto benefici per la classe operaia con scioperi, sacrifici, manifestazioni e legnate prese dalla celere. nonostante ciò queste persone fanno parte degli elettori che continuano a votarli, persone anziane, che hanno perso un pò i colpi, non per offendere, mio babbo novantenne e mia mamma ottentacinquenne fanno parte di questa schiera e che vedono nel pd il proseguimento del vecchio partito comunista. quando non ci sarà più questa generazione e dovessero perdere anche i voti degli emigrati regolari, che tanto perdono anche quelli, diventa un partito sotto il dieci per cento

  2. # Tovaric

    Splendido atto di forza da parte di alcuni imbecilli che operano in maniera infame. Sicuro che presi uno ad uno contano quanto il due di picche quando comanda fiori!!!

  3. # roberto

    la mia SOLADARIETA e spero che questi ignobili vegano presi e puniti come si deve, perchè questo non è una ragazzata

    1. # mammmamia

      …se peró fossero figli di delegati PD…. allora diventa una ragazzata!

  4. # luca di ardenza

    Ci si deve preparare per una guerra civile a Livorno ? Spero proprio di no ! C’è chi manifesta alla luce del sole, e i vigliacchi che lo fanno di nascosto. Piena solidarietà alle associazioni colpite.

  5. # Riccardo F.

    Questa gentaglia deve essere punita come si deve. La convivenza civile è messa in discussione da atti ostili e intolleranti. L’Autorità preposta deve intervenire e non far passare tutto come “una ragazzata”. E’ l’ora di finirla.

  6. # Loris

    Purtroppo per noi questa è ora la nostra città, dobbiamo insieme riprendere la voglia di fare quella politica tra e con la gente.. casa per casa azienda per azienda.. un abbraccio a Rita e a tutti gli altri

  7. # Gino

    Mi sembra che si faccia troppo puzzo…ieri c’era vento, che strana coincidenza. Ci sono telecamere in zona per guardare realmente i fatti

    1. # livornese

      beato te!!!

      1. # Fabio

        Sarà il solito che ha tirato le uova?

    2. # Stalino

      C’ERA vento????
      ma viene sradicato un solo gazebo su 12 che sono in fila?
      un vento particolare direi

    3. # luca

      Bel commento complimenti….
      Potrebbero essere stati anche i gabbiani , se vogliono comunque lì prendono.
      Il problema è se vogliono

  8. # mifairide

    Non è questa la Livorno che voglio. Un gesto veramente meschino! C’è spazio per tutti, ragazzi. Tu sei etero, io gay, lei lesbica e allora?? Questo clima di odio e violenza gratuita non appartiene a noi livornesi! Diciamo tutti basta!

  9. # Antani

    Non è che ora ogni cosa che va leggermente storta, è colpa del nuovo governo o è fatta per razzismo/omofobia etc. Ieri si era alzato un bel vento, magari i nodi non erano così stretti bene. La zona è ricca di telecamere, basta informarsi prima di accusare e, soprattutto, fomentare gli animi.

  10. # Carlo

    oramai qualsiasi accadimento, anche e spesso casuale, verso alcune persone appartenenti a determinate etnie, razze e cultura, viene visto come un oltraggio personale. Cerchiamo di essere imparziali ed oggettivi e di non giocare sul vittimismo.

  11. # Alex

    Ci sono le telecamere, attenzione a cosa ne uscirà fuori, non vorrei fosse il figlio di un consigliere Pd. Allora sarà una bravata e non omofobia.
    Vi rendete conto in che mondo di … si vive? I media comandano

  12. # Emme

    Un Arcivento ha soffiato per un attimo nella Venezia e ha portato via con se un gazebo dell arcigay. Ci sta. Un arcicoincidenza.

  13. # Ivo

    Le telecamere ci sono, sarà semplice trovare i colpevoli.

  14. # Icaro

    Si sta facendo troppa propaganda ad un gesto di cretini notturni; si vuol creare un caso che non esiste solo per mera pubblicità al gruppo, ai partiti che lo sostengono, etc…
    Non è cosi che si ricrea nuova credibilità a SX, siamo ridicoli.

  15. # roberto

    e’ venuto Salvini e’ venuta la Meloni non mi sembra che a livorno ci sia una grande democrazia forse solo quella per la sinistra.

  16. # Asdrubale Palminteri

    Intanto a scanzo di equivoci dico che questo atto se fatto con intenti omofobi è da condannare senza se e senza ma,però devo anche rilevare come l’arcigay non si sia fatta scrupoli nel avere un atteggiamento gravemente intollerante nei confronti di Roberta Mezzasalma la trans Siciliana che per il solo fatto di aver ammesso in una intervista che avrebbe preferito essere un eterosessuale perché la sua omosessualità le ha provocato molte sofferenze nella vita è stata stigmatizzata dalle associazioni Arcigay di tutta Italia e ricoperta di insulti dai suoi iscritti,,credo che chi giustamente pretende rispetto dovrebbe per primo rispettare gli altri.

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/10/07/sicilia-roberta-mezzasalma-essere-trans-una-disgrazia-larcigay-la-attacca-e-lei-si-difende-in-lacrime/3899766/

  17. # Nedo

    Quando leggo questi commenti ho la risposta alla mia domanda sul perché la sinistra è praticamente sparita ed alle elezioni prende regolarmente sonore batoste. Continuate A parlare di fascismi, di nazismo, di terrore crescente mi raccomando Così al prossimo giro sparite completamente.

  18. # Ale

    Un bel gesto sarebbe un nuovo gazebo offerto dal comune di Livorno che non deve essere insensibile a questo atto. Poi va bene anche da privati, per carità.

  19. # Apolitico

    Vigliaccheria + intolleranza + inciviltà (+ ci aggiungo violenza) = fascismo

    1. # Chè

      Boia allora SEI DURO… non hai capito nulla viaggi a senso unico…

  20. # Apolitico

    Vigliaccheria + intolleranza + inciviltà (+ ci aggiungo violenza) = fascismo= comunismo
    Studiate la storia compagni
    Se un era x gli americani eravamo sotto regime dell est come la romania e l albania

    Basta ideologie pelose

  21. # mario mengheri

    Non mi meraviglia il razzismo livornese, mimetizzato spesso in falso buonismo e accoglienza (per un complesso di inferiorità che i livornesi, allora figli sdoganati di barbari, pirati, delinquenti ecc. -ma non solo e per fortuna- ci portiamo ereditariamente dietro). Mi scandalizza, non meraviglia, ancor di più che non c’è sia stato nessuno che sia intervenuto a difesa di un’uguaglianza tra esseri umani, un rispetto tra noi livornesi — contro un evidente omofobia spesso proiezione di ciò che è dentro l’omofobo che, per tranquillizzarsi, scarica sul simile, senza rispetto alcuno, questa rabbiosa sua parte che lo/la tormenta. Trattasi di una parte Ombra che non è capace di integrare e sviluppare, e finché non ci riuscirà, essa gli consumerà energia, lo fare sentire e stare male e cercherà, per questo, di liberarsene proiettandola all’esterno -strategia che porta solo parti demoniche fuori (proiettandole su altri) per un momento (distruttivo) ma che di fatto gli appartengono e restano dentro: curatevi gente (omofobi, xenofobi, …) e sarete meno esasperati e cattivi e, più importante ancora, vivrete una vita degna di essere vissuta e chiamata tale.

  22. # Davide

    Sta emergendo che non c’e’ stato nessun atto vandalico o xenofobo ma solo una botta di vento.c’e’ gente che ha visto. Quindi finitela di scrivere come pappagalli…

    1. # Martina

      Dove sta emergendo? E chi sarebbero questi testimoni? Chiedo semplicemente per informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.