Cerca nel quotidiano:


I pub della Venezia lanciano Ir giro delle sette ‘hiese

Con la fine dell'ordinanza comunale i locali del dopo cena della Venezia ripartono con la card gratuita per Ir giro delle sette 'hiese, prodotti tipici e eventi. Si inizia venerdì 12

Giovedì 11 Novembre 2021 — 11:10

Mediagallery

Dopo la fine della ordinanza comunale iniziata l’8 ottobre e durata un mese, i locali del dopo cena della Venezia promuovono un’iniziativa che verrà inaugurata venerdì 12 novembre per poi vedere se e come ripeterla. Anzi le iniziative messe in campo sono tre. Ma andiamo con ordine. Prima iniziativa: Ir giro delle sette ‘hiese. “Prendiamo spunto dal miglio dorato”, spiega il titolare della Ponceria Adriano Tramonti. In pratica, dalle 22 di venerdì in uno dei sette locali (Ponceria, Mediterraneo, Sud Cantina Pensatoio, Café in Venezia, Chupiteria, Piano B, La Bodeguita, Tabaccheria 3N Via Borra) sarà possibile ritirare gratuitamente una tessera. Con la card il cliente che consumerà in tutti e sette i locali riceverà da ognuno un timbro e arrivato all’ultimo (non c’è un ordine da rispettare) riceverà in omaggio un prodotto tipico dell’ultimo locale. Ogni locale avrà a disposizione un tot di tessere da distribuire agli avventori per un totale di circa 2.000. “Per la prima volta – prosegue Tramonti – come pub lanciamo una iniziativa che ci trova tutti uniti e che ci legherà nel tempo per cercare di dare una spinta alle attività dopo l’ordinanza”. Seconda iniziativa: in ognuno dei sette locali i clienti verranno accolti con prodotti di benvenuto legati alla tipicità del locale. Terza iniziativa, sempre in programma venerdì 12: ognuno dei sette locali organizzerà un piccolo evento come dj set e lotterie. “In base alla risposta che avremo decideremo se e come proseguire – conclude – Tramonti. Il tutto in un clima di allegria”. “Ci auguriamo – aggiunge Camilla De Salvo, titolare del Mediterraneo e presidente CCN Venezia – che l’iniziativa possa piacere e ben vengano altre attività non del dopo cena che vorranno entrare a farne parte”.

Riproduzione riservata ©