Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Il colonnello Sica si presenta alla città: “I cittadini al centro”

Sabato 3 Settembre 2022 — 11:53

Proveniente dal comando di Catania dove ha ricoperto per 4 anni il ruolo di comandante del reparto operativo coordinando le più articolate indagini nei confronti della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola-Ercolano e degli altri agguerriti clan, oltre a quelle relative ad efferati reati tra i quali l'omicidio della piccola Elena ad opera della madre lo scorso giugno

Il nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Livorno, il colonnello Piercarmine Sica, si è presentato alla stampa e alla città tramite una conferenza che si è tenuta la mattina di sabato 3 settembre all’interno del suo ufficio nella caserma di viale Fabbricotti (clicca sulla clip bianca su sfondo azzurro sopra al titolo per consultare il CV del nuovo comandante provinciale). Proveniente dal comando di Catania dove ha ricoperto per 4 anni il ruolo di comandante del reparto operativo coordinando le più articolate indagini nei confronti della famiglia di Cosa Nostra catanese Santapaola-Ercolano e degli altri agguerriti clan, oltre a quelle relative ad efferati reati tra i quali l’omicidio della piccola Elena ad opera della madre lo scorso giugno.
“L’impegno che mi prefiggo è quello di porre l’attenzione ai cittadini. È a loro che rivolgiamo la nostra attenzione ed è a loro che richiediamo sempre la più proficua collaborazione – ha detto il colonnello Sica davanti ai giornalisti – Sono arrivato a Livorno da pochi giorni e sto imparando a conoscerla sul campo e sulle carte, che nel frattempo sto studiando, che mi ha lasciato il collega Sole appena andato via”.
Il colonnello sica è nato a Torino il 23 settembre del 1976, si è laureto in Giurisprudenza e Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna, è insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, nonché della medaglia d’argento al merito di lungo comando della croce d’oro per anzianità di servizio militare.

Condividi:

Riproduzione riservata ©