Cerca nel quotidiano:


Il volo del drone sullo Scolmatore d’Arno durante l’allerta rossa

Proponiamo anche noi il video realizzato alle 13 del 18 novembre

Martedì 19 Novembre 2019 — 14:09

Mediagallery

L'esondazione è stata scongiurata grazie al buon funzionamento e alla tenuta di tutto il "sistema Arno". Ecco il video realizzato alle 13 del 18 novembre

Il drone del Consorzio Lamma vola sullo Scolmatore d’Arno. Proponiamo anche noi il video inviato dalla Regione e realizzato alle 13 del 18 novembre, dodici ore dopo la grande paura, dopo la lunga notte dell’Arno, quella che ha tenuto Pisa, e in parte la zona nord di Livorno, col fiato sospeso per il rischio di una nuova alluvione: evento che è stato scongiurato grazie al buon funzionamento e alla tenuta di tutto il “sistema Arno”.

Salvetti su Fb spiega il perché della decisione di chiudere le scuole – “La Protezione Civile regionale ha emanato allerta rossa per la giornata del 17 fino alle 23:59 del 18. L’allerta è per rischio idraulico del reticolo maggiore per i grandi fiumi, ovvero Arno e Ombrone. Per quanto riguarda il nostro territorio interesserà lo Scolmatore. Ma essendo arrivato dalla Regione Toscana un codice rosso per la nostra zona A6, non possiamo che seguire il criterio della massima cautela, chiudendo le scuole e chiedendo ai cittadini di limitare gli spostamenti. Comunque, tengo a precisare, che con questa tipologia di rischio, i corsi d’acqua minori ed i rii, ovvero quelli presenti nella città di Livorno, non dovrebbero creare problemi. Con l’attuale sistema regionale di previsione non possiamo esimerci dall’assumere questo tipo di decisioni con un codice rosso attivo”.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzo www.regione.toscana.it/allertameteo.

Riproduzione riservata ©

Allegati

10 commenti

 
  1. # Luca

    In paesi dove piove tutti i giorni come Scozia ed Irlanda , facessero come da noi , la popolazione sarebbe costituita da analfabeti .
    Ovviamente di recuperare tutte queste meteovacanze neanche a parlarne?

    1. # Ezio

      suvvia, i genitori se per un giorno saltano la palestra e fanno un piatto di spaghetti ai figlioli non è che si rovinano…

      1. # Arrigo Vernare

        Il problema non è un giorno, ma ultimamente tutte le settimane c’ è almeno una allerta meteo!

  2. # chello60

    caro luca, i giorni di lezione persi , vengono regolarmente recuperati a fine anno, perchè la scuola deve garantire 200 giorni di lezione

    1. # Luca

      Caro chello Informati , perche’ non e’ assolutamente cosi’ .Sarebbe doveroso ma ( cugino professore di scuola superiore) per le allerte meteo non lo fanno .

    2. # Simone

      Giusto per informazione: le assenze forzate come queste non devono essere recuperate. Non è colpa degli alunni e nemmeno degli insegnanti se qualcuno in regione grida al lupo appena piove!

  3. # guernica

    I giorni di lezione persi non devono essere necessariamente recuperati qualora siano dovuti ad ordinanze del sindaco per cause di forza maggiore anche se si scende sotto i 200 giorni per scuole che fanno attività fino al sabato e 172 giorni per scuole che operano sino al venerdì ( indicazioni del MIUR e dell’Ufficio scolastico regionale in osservanza del Codice civile)

  4. # Ferdinando

    E se ci sono 20 giorni di allerta meteo le vacanze a luglio

  5. # Emme

    Non cambia nulla nei numeri. Prima 6 giorni a discrezione di ciacuna scuola venivano scelti per fare ponti e settimane bianche . Ora in altro modo. Il problema sono tutti gli altri giorni persi durante l anno per altre iniziative a volte insignificanti

  6. # massimo

    ma vi siete gia scordati 2 anni fa? bo un ciò parole. se non danno l’allerta meteo e succede l’irreparabile tutti a criticare, se la danno tutti a criticare.ma un ve ne va bene una.