Cerca nel quotidiano:


Imprenditori edili nel mirino della Finanza: Iva evasa per 140mila euro

Nel mirino della Finanza tre imprenditori edili livornesi, che, con altri due complici, hanno “occultato” al fisco redditi imponibili per oltre mezzo milione di euro, con un’evasione da 140mila euro di iva dovuta all’erario

Venerdì 30 Luglio 2021 — 08:32

Mediagallery

Sistema anti-riciclaggio non soltanto per prevenire l’introduzione di soldi “sporchi” nell’economia legale ma anche per scovare tre imprenditori edili livornesi, che, con altri due complici, hanno “occultato” al fisco redditi imponibili per oltre mezzo milione di euro, con un’evasione da 140mila euro di iva dovuta all’erario.
É quanto si legge in un comunicato inviato il 30 luglio dalla finanza. A far luce su questi comportamenti illeciti, prosegue la nota, le fiamme gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Livorno che, proprio partendo da una segnalazione antiriciclaggio, hanno attivato i poteri di polizia valutaria e avviato i pertinenti accertamenti bancari. I cinque infatti, continua il comunicato, hanno destato un’anomala operatività sui conti correnti, celando in realtà il non corretto pagamento delle imposte.

Così, al termine di cinque verifiche fiscali simultanee, i finanzieri hanno recuperato a tassazione 540.000 euro di redditi non dichiarati e 125.000 euro di costi non deducibili; hanno rilevato un’Iva evasa per 150.000 euro e constatato 30.000 euro di redditi “occultati” anche ai fini dell’Irap nonché ulteriori 30.000 euro di omessi versamenti tributari. Uno dei costruttori è pure risultato evasore totale per cui è stato denunciato alla procura della Repubblica di Livorno per il reato di omessa presentazione della dichiarazione, avendo superato le soglie di punibilità penale (50.000 euro evasi per singola imposta e annualità).

Riproduzione riservata ©