Cerca nel quotidiano:

Condividi:

In barca per pescare e fare sport: c’è il via libera dalla Regione

Domenica 3 Maggio 2020 — 18:41

Novità, introdotta con questa ultima ordinanza, anche per gli amici a quattro zampe. Con queste nuove disposizioni della Regione infatti sarà possibile lo svolgimento dell’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali da compagnia

Dal 4 maggio 2020 "l’uso di imbarcazioni per attività sportiva e per la pesca amatoriale è consentito, per ragioni di sicurezza, ad un massimo di due persone con rientro all'ormeggio in giornata"

Sì all’uso delle imbarcazioni per la pesca amatoriale e per attività sportiva. Lo dice l’ordinanza numero 50 firmata dal governatore della Regione Toscana al punto numero 8. Dal 4 maggio 2020 “l’uso di imbarcazioni per attività sportiva e per la pesca amatoriale è consentito, per ragioni di sicurezza, ad un massimo di due persone con rientro all’ormeggio in giornata” (clicca sul link al pdf in fondo all’articolo per consultare l’ordinanza integrale).
Una prima risposta al folto popolo delle barchette che in questi giorni di allentamento del lockdown stava scalpitando per poter riprendere in mano il “timone” è arrivata grazie alla firma messa da Enrico Rossi sull’ordinanza emanata nel pomeriggio di domenica 3 maggio.
Quindi sì alla barca per attività sportiva e per pesca amatoriale. Un via libera dunque non solo al popolo dei pescatori “per hobby” ma anche a chi ama andare in barca a vela inteso come sport da praticare nel massimo rispetto del distanziamento sociale e delle norme igienico sanitarie.
Saranno inoltre consentite tutte le attività necessarie a garantire la filiera della manutenzione e rimessaggio delle imbarcazioni da diporto quali ad esempio l’alaggio delle imbarcazioni o lo spostamento al cantiere all’ormeggio e viceversa.
Novità, introdotta con questa ultima ordinanza, anche per gli amici degli animali. Con queste nuove disposizioni della Regione infatti sarà possibile lo svolgimento dell’attività da parte degli esercizi di toelettatura degli animali da compagnia, nel rispetto delle disposizioni di prevenzione e tutela collettiva previsti dall’ordinanza regionale 48/2020, previa prenotazione del servizio e garantendo idonee misure di sicurezza anche per quanto attiene la consegna e il ritiro dell’animale.
E, sempre in tema quadrupedi, sarà consentito ai proprietari e affidatari di cavalli e cani di provvedere individualmente al loro allenamento e addestramento, esclusivamente in maneggi o aree autorizzate per l’addestramento cani.

Condividi:

Riproduzione riservata ©