Cerca nel quotidiano:


In bici a Capo Nord, day-3. Via alla pedalata: 135 km tra pioggia e ghiaccio

Un flusso di goccioline nebulizzate costante dalla mattina al pomeriggio. Un luce debole filtrata dalle nubi e riflessa delle nevi in scioglimento. In cielo nubi bianche e rapaci enormi a giocare sospesi coi venti a raffica sui 30 km/h

Sabato 8 Febbraio 2020 — 10:54

Mediagallery

Prosegue l’avventura dell’ultracyclist Giuseppe Gaimari il cui obiettivo è pedalare fino a Capo Nord per piantare così la bandiera amaranto di Livorno nel “Regno dei Ghiacci”. QuiLivorno.it seguirà passo passo l’impresa. Ecco il diario di bordo del “Giorno 3”.

Report 03 – Å i Lofoten a Svolvær

Il primo giorno di bici e lastre di ghiaccio è scorso con enorme entusiasmo. Sono pienamente soddisfatto del tempo di percorrenza, 6 ore e 34 minuti per 135 km ed un dislivello positivo di 1300 metri, la temperatura è stata clemente un po’ meno la pioggia, che non mi ha mai dato tregua. Un flusso di goccioline nebulizzate costante dalla mattina al pomeriggio. Un luce debole filtrata dalle nubi e riflessa delle nevi in scioglimento. In cielo nubi bianche e rapaci enormi a giocare sospesi coi venti a raffica sui 30 km/h. Mare su entrambi i lati, fiordi e ponti in cemento armato. Poi camion che passavano vicini, ed auto che timidamente rispettavano la mia presenza in strada. La ciclovia mi ha accompagnato solo per la parte conclusiva del percorso di oggi, nei dintorni della municipalità di Svolvær, che è il capoluogo delle Lofoten, meta di molti artisti, viene definita frizzante e vivace. Il percorso di oggi sulla prima delle 18 Scenic Routes da Å i Lofoten a Svolvær.
Le case lungo le banchine dei tanti porti artici si chiamano sjøhus dove per esempio abbiamo dormito ieri sera. Altra tipologia ricorrente sono le “rorbuer”, le tipiche casette di legno che spesso costeggiano le baie più belle e caratteristiche delle Lofoten, in una delle quali dormiremo stanotte. Domani la sveglia suonerà alle 6 in punto, ci attende un cambio di percorso, un tragitto in nave alla verso un percorso più difficile, ma ancora più panoramico, dato che il tempo è clemente, meglio approfittare, ma questo ve lo racconterò domani sera…

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # marco barbieri

    Grande Beppe, vacci su una rota!!!!

  2. # roberto

    vai campione nelle bellezze della norvegia e ricordati quando arrivi a capo nord oltre la bandiera amaranto lascia scritto 0586 un abbraccio