Cerca nel quotidiano:


In città arrivano gli “Angeli della Spesa”

I volontari Auser, Cisom e InAssociAZIONE prepareranno e consegneranno gratuitamente la spesa a casa di anziani e persone con difficoltà motorie. Firmato il protocollo di intesa “Ausilio per la spesa” tra Coop e le tre associazioni

Mercoledì 24 Febbraio 2021 — 12:37

Mediagallery

Chi vuole candidarsi come volontario, o richiedere il servizio come utente, può trovare le informazioni presso i punti d’ascolto dei supermercati Coop di Livorno o rivolgersi al 370-34.33.759 (Auser) o al  388-16.25.017 (Cisom)

“Ausilio per la spesa” è un servizio che Unicoop Tirreno porta avanti da più di dieci anni nei territori in cui è presente con i supermercati e le sezioni soci, coinvolgendo i cittadini e le associazioni di volontariato locali. Consiste nel preparare la spesa e consegnarla a casa (senza costi aggiuntivi) di persone anziane che vivono sole e disabili che non possono compiere questa attività quotidiana. I volontari regalano un po’ del loro tempo e ricevono in cambio gratitudine e amicizia. Tra le persone si crea un rapporto di fiducia e per molti utenti il momento della consegna della spesa rappresenta l’occasione per ricevere una visita e sentirsi meno soli. Ausilio è un progetto di solidarietà locale concreta che nella città di Livorno si rafforza oggi grazie ai volontari di tre associazioni: l’Auser Filo d’Argento, la Fondazione CISOM (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta) e l’Associazione IN AssociAZIONE APS.

size-medium” src=”https://www.quilivorno.it/wp-content/uploads/2021/02/ausilio-600×400.jpeg” alt=”” width=”300″ height=”200″ />“Ausilio per la spesa è un’iniziativa di solidarietà concreta e collaudata, che funziona bene ed esprime contenuti importanti come la collaborazione con le associazioni di volontariato locali e la promozione della solidarietà verso soggetti più fragili – ha dichiarato Massimo Favilli, Direttore Soci e Comunicazione di Unicoop Tirreno – Risponde alle necessità delle persone anziane, spesso sole, risolve un bisogno reale – qualcuno che fa la spesa e la consegna a casa – e crea relazioni tra le persone. Ausilio è un progetto semplice, ma proprio dalla semplicità trae la sua forza”.

“Il Cisom è felice di continuare la collaborazione con Unicoop Tirreno, iniziata durante la prima fase della pandemia – racconta Pier Paolo Sardi – Cisom, Capo Raggruppamento della Toscana e Giovanni Busiello – Cisom Capo Gruppo di Livorno  – perché Ausilio ne rappresenta la naturale prosecuzione e persegue l’obbiettivo di vicinanza alle persone fragili che da sempre caratterizza l’attività della nostra fondazione”. “Facciamo da tanti anni il servizio di Ausilio per la spesa – spiega  Ivano Martelloni, presidente Auser Filo d’Argento – garantendo a molte persone sole, anziane e in difficoltà, insieme ai beni di prima necessità, momenti di incontro e di compagnia, a volte più importanti della stessa spesa”. “Abbiamo iniziato a dare il nostro supporto con estremo piacere – dice  Fabrizio Torsi, IN Associazione Aps – Ausilio è un progetto che vede al centro la solidarietà e diventa l’occasione per dimostrare che la disabilità può essere una risorsa importante. Le vetture che mettiamo a disposizione sono adattate con particolari dispositivi di guida in modo che l’autista possa essere anche una persona con disabilità fisica”. Chi vuole candidarsi come volontario, o richiedere il servizio come utente, può trovare le informazioni presso i punti d’ascolto dei supermercati Coop di Livorno o rivolgersi al 370-34.33.759 (Auser) o al  388-16.25.017 (Cisom).

Possono usufruire di “Ausilio per la spesa” le persone residenti nel Comune di Livorno che siano in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • Ultrasettantacinquenni in condizioni di ridotta autonomia che vivono soli o con una persona di oltre 75 anni o anche di età inferiore ma non autosufficiente;
  • Ultrasessantenni che vivono soli, non autosufficienti;
  • Nuclei familiari composti da persone ultrasessantenni conviventi con persone diversamente abili o invalidi;
  • Persone con patologie invalidanti, anche transitorie, tali da compromettere gravemente il livello di autosufficienza, sole o appartenenti a nuclei a rischio;
  • Persone segnalate dalle Istituzioni Sociali della città o da Associazioni di volontariato di Assistenza a categorie “fragili”.

Nella foto i volontari che fanno la spesa e la firma del protocollo (da sinistra: Bettinetti volontaria Coop, Martelloni di Auser, Beltramme per i soci Coop, Torsi della In Associazione Asp, Sardi di Cisom, Busiello di Cisom, Favilli direttore soci Unicoop Tirreno).

Riproduzione riservata ©