Cerca nel quotidiano:


“In fondo è la luna a sorgere”. La 15enne Braschi debutta come poetessa

Luna Braschi, studentessa del secondo anno al Liceo Cecioni di Livorno con indirizzo Linguistico, è l’autrice di 92 poesie che fanno parte del libro “In fondo è la luna a sorgere”, pubblicato circa un mese fa dall’editore “Il Quadrifoglio”

Lunedì 30 Novembre 2020 — 19:18

Mediagallery

In una società sempre più frenetica e immersa nel mondo virtuale, Luna è l’esempio di chi riesce invece a fermarsi, osservare la realtà circostante, cogliere dettagliatamente sensazioni, sfumature e, attraverso la poesia, renderci partecipi di tutto ciò

di Lorenzo Evola

Una sensibilità del genere è piuttosto rara. Ed è ancora più rara se parliamo di una ragazza di soli quindici anni. La giovane in questione è Luna Braschi – studentessa del secondo anno al Liceo Cecioni di Livorno con indirizzo Linguistico – autrice di 92 poesie che fanno parte del libro “In fondo è la luna a sorgere”, pubblicato circa un mese fa dall’editore “Il Quadrifoglio”.

size-medium wp-image-384414″ src=”https://www.quilivorno.it/wp-content/uploads/2020/11/luna1-600×400.jpg” alt=”” width=”300″ height=”200″ />Ragazza appassionata, oltre alla scrittura, anche al teatro e al canto, Luna, riprendendo le parole di Lorenzo Taccini (autore della prefazione dell’opera), “compone versi all’occorrenza estremamente spezzati e schietti, in altri casi morbidi e fluidi dalla cadenza quasi prosastica, definendo nel computo delle varie poesie un quadro ricco ed emozionante che racconta gli intimi sentimenti della propria autrice e testimonia il complesso spaccato della vita di una quindicenne del ventunesimo secolo, in quel della città di Livorno”.

In una società sempre più frenetica e immersa nel mondo virtuale, Luna è l’esempio di chi riesce invece a fermarsi, osservare la realtà circostante, cogliere dettagliatamente sensazioni, sfumature e, attraverso la poesia, renderci partecipi di tutto ciò.

“Questo libro parla della mia storia, dei miei pensieri, di ciò che ho visto e vissuto fino ad ora – afferma la giovane autrice – La passione per la poesia è nata ai tempi delle scuole medie, mi resi conto che dovevo mettere per iscritto ciò che passava nella mia testa, e così iniziai a scrivere sul quaderno di scuola, sul diario o dove capitava. Da lì è iniziato tutto”.

Riguardo al futuro Luna ha le idee ben chiare: “La poesia rimarrà sicuramente una parte importante della mia vita, ma ho intenzione di dedicarmi anche ad altri generi letterari e sto già lavorando in tal senso”.

“In fondo è la luna a sorgere” è già in vendita tra gli scaffali della libreria “La Feltrinelli” di Livorno.

Ecco una lirica tratta dal libro della giovane poetessa:

                   -vera-

e poi

ci sono le cose semplici

la brezza fresca sul viso

lo scricchiolare delle foglie secche sotto i piedi

la musica

le lacrime

l’alba e il tramonto, visti dal mare

gli abbracci

il dondolio della macchina

mentre tu sei nei sedili posteriori

il finestrino di un aereo

il profumo di un libro

il cielo nuvoloso che tuona e dopo la pioggia.

la tazza di tè calda tra le mani d’inverno

i pensieri persi nel vuoto della mente

le luci dell’albero di Natale che illuminano la tua stanza

la penna che scrive sul foglio

oppure la poesia

stare seduta sul davanzale della finestra con una canzone di sottofondo

i ricordi

un cappuccino

queste

con tutto ciò posso definire meglio il verbo ‘vivere’.

 

Riproduzione riservata ©