Cerca nel quotidiano:


In pensione dopo 41 anni di divisa. “Sarei stato in polizia per molto tempo ancora”

Il saluto ai colleghi del sostituto commissario Settimo Greco: "Avrei lavorato ancora per 4 o 5 anni. Una cosa è certa: in tutto questo tempo mi sono divertito. Grazie a tutti"

Mercoledì 19 Febbraio 2020 — 17:51

Mediagallery

Il questore Suraci: "Greco è stato un ottimo collaboratore - ha detto il questore - Per lui adesso inizia una nuova parentesi della sua vita. A lui i migliori auguri e un grande grazie per il lavoro svolto"

Dopo quarantun’anni di servizio, va in pensione il sostituto commissario coordinatore della polizia di Stato, Settimo Greco. “Devo ringraziare tutti quanti, tutti coloro che hanno fatto questo percorso con me. Non sono bravo con i discorsi – ha detto Greco visibilmente emozionato davanti a tanti amici, parenti e colleghi  nella sala riunioni della questura di viale Boccaccio – Una cosa è certa: 41 anni sono molti ma mi sono divertito. Tanto. Avrei lavorato ancora 4 o 5 anni. Avrei speso ancora molto tempo con questa divisa addosso. La cosa che mi fa arrabbiare, per così dire, è leggere sui documenti dell’Inps quella parola: pensione di vecchiaia. Che parolaccia (ride, ndr)”.
Dopo oltre quattro decenni di onorato servizio il 1° febbraio 2020, il sostituto commissario Greco  ha raggiunto la meritatissima pensione e potrà dedicarsi interamente alla sua famiglia che per tanto tempo lo ha diviso con il suo impegnatissimo lavoro. Sarà difficile ora per lui non varcare più – almeno per lavoro – il portone d’ingresso di quella che è stata la sua casa in via Fiume, 40.
Greco entrò in polizia nel 1979 nella Scuola Allievi Agenti di Piacenza, ed è arrivato a Livorno nel 1980. Successivamente, dopo aver vinto il concorso da Ispettore viene assegnato nel mese di luglio del 1986 alla questura di Pisa, per poi dopo qualche mese essere nuovamente assegnato alla questura di Livorno, dove è rimasto fino alla pensione.
Qui ha ricoperto vari incarichi tra i quali ricordiamo dal 1986 fino al 1990 alle volanti, dal 1990 al 1999 alla squadra mobile e dal 1999 al 2001 ancora alle volanti.
Dal 2001 invece fino alla pensione ha ricoperto l’incarico di referente dell’Ufficio Giudice di Pace lavorando così a stretto contatto con l’autorità giudiziaria di via Falcone e Borsellino.
Alla cerimonia dei saluti non poteva mancare il questore di Livorno, Lorenzo Suraci, il quale ha ricordato che è giusto vivere la pensione come una tappa e non come un traguardo e che sarà sempre parte della “grande famiglia” della polizia. “Greco è stato un ottimo collaboratore – ha detto il questore – Per lui adesso inizia una nuova parentesi della sua vita. A lui i migliori auguri e un grande grazie per il lavoro svolto”.
Tra i tanti dirigenti e colleghi presenti anche il questore di Pisa, il livornese Paolo Rossi, con il quale Greco ha avuto modo di condividere molta vita lavorativa insieme.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Ayeye

    Baeto te