Cerca nel quotidiano:


In servizio 5 ispettori ambientali

Avranno il compito di fare le indagini e sanzionare chi abbandona sacchi e oggetti fuori dai cassonetti. Nogarin: “Operazione anti degrado a tutela di chi si impegna a differenziare”

martedì 04 dicembre 2018 17:37

Mediagallery

Sono entrati in servizio la mattina di martedì 4 dicembre gli ispettori ambientali dell’Aamps, fortemente voluti dall’amministrazione comunale per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti al di fuori dei pochi cassonetti ancora presenti in città e controllare che i cittadini svolgano una corretta raccolta differenziata (foto di Simone Lanari).

Nei giorni scorsi gli ispettori ambientali, che per ora sono 5, selezionati tra i dipendenti interni ad Aamps, hanno effettuato una serie di corsi di formazione tenuti dagli agenti della polizia municipale per svolgere il servizio nel migliore dei modi e contribuire al decoro della città di Livorno.
Nella mattinata del 4 dicembre gli ispettori ambientali hanno ispezionato i rifiuti abbandonati nelle zone di Antignano, viale Italia, piazza del Luogo Pio e via Provinciale Pisana.

“Con l’avvio della raccolta porta a porta, i cittadini stanno compiendo uno sforzo encomiabile per differenziare al meglio i rifiuti urbani e noi abbiamo deciso di premiare il loro impegno, andando a sanzionare chi prova a fare il furbo e pensa di rimanere impunito – commenta il sindaco Filippo Nogarin – Spesso, le segnalazioni che ci arrivano dagli abitanti, che denunciano la presenza di cumuli di rifiuti per le strade, sono il prodotto del menefreghismo di pochi che rischiano di compromettere il lavoro della stragrande maggioranza dei livornesi”.
“In questa fase – aggiunge il sindaco – concentreremo l’attività degli ispettori nelle zone più delicate, perseguendo e sanzionando chi lascia divani, materassi, copertoni, o anche sacchetti dell’indifferenziata fuori dai cassonetti. Colpiremo, insomma, chi produce degrado e non certo chi dimentica per mezz’ora di ritirare il mastello del porta a porta”.
A determinare gli ambiti di intervento degli ispettori ambientali è il disciplinare redatto dall’ufficio Ambiente del Comune di Livorno che, insieme ad Aamps e alla polizia municipale, si occuperà di coordinarne l’attività.

Riproduzione riservata ©

40 commenti

 
  1. # Ioannis

    Ci vorrebbero anche degli ispettori presi dai cittadini per controllare il mal funzionamento della raccolta porta a porta. Dato che vi sono luoghi ove la raccolta non passa come previsto dal calendario Aamps. Cosa nedice il sig. Nogarin???. Di questo ne ho la certezza ed in molti luoghi protestano.

    1. # bobstell

      sul sito aamps Livorno ci sono 2 numeri verdi, uno da fisso e l’altro da mobile, tutti gratuiti. in più, c’è l’indirizzo mail. personalmente ho usato spesso questi contatti, riscontrando : gentilezza ed efficienza.

      1. # Enrico

        Mi dispiace contraddirla spesso i problemi non vengono risolti dal call center e per email spesso passano mesi per avere una risposta ed a volte non arriva neanche.

    2. # silvia rossi

      Giusto!!

    3. # marco62

      Ioannis sono d’accordo con te ormai sono conosciuto anche dal Capo gabinetto del Sindaco a forza di evidenziare le problematiche della NON raccolta porta a porta. Ma tutto va bene……. Non c’è peggior sordo di chi non vuol ascoltare.

    4. # una figlia molto arrabbiata

      Ci sono anche luoghi in cui vi abitano anziani e disabili che per portare la differenziata devono percorrere A PIEDI circa 300 m per mettere i contenitori sulla strada. Questo accade in via della Padula, in cui ci sono molte strade interne e in cui NON SI FA PORTA A PORTA, ma differenziata, perché non entrano nelle proprietà. Avvisato l’operatore, inviate mail, non cambia nulla. E dulcis in fundo…le auto passano dal luogo di raccolta lungo la strada e gettano sacchi di spazzatura. Quindi siamo tornati al dopoguerra!! Se volete il PORTA A PORTA che sia fatto REALMENTE. GRAZIE

      1. # Fuori dal coro

        Per capire, le persone a cui fa riferimento,quando la differenziata non c’era,la spazzatura la tenevano in casa ho la andavano a buttare nei cassonetti? non mi è chiara la problematica.

    5. # Luciano

      Giusto sono d’accordo con te sembra di essere in un letamaio. La spazzatura non la vengono mai a togliere e poi mandano gli ispettori i primi essere controllati sono quelli Dell ampas e multati Corea e Shangai e mastacchi fa schifo per tutta la spazzatura piena che esce dai cassonetti e il sindaco multa perché la gente non mette la differenziata ecc.. Ma se non c’entra un cavolo dove bisogna metterla..

  2. # Troppabiada

    Spero ci sia un numero telefonico dove poter denunciare in tempo reale l’abbandono di rifiuti.Se si lo potete pubblicare?

    1. # Giuliana

      collegandoti qui puoi trovare quello che ti fa comodo: https://www.aamps.livorno.it
      Aamps – Azienda Ambientale di Pubblico Servizio S.p.A.
      Il sito ufficiale di Aamps – Azienda Ambientale di Pubblico Servizio S.p.A.. … SCARICA L’APP AAMPS LIVORNO.

      tel 800 031 266 telefono da rete fissa
      puoi anche prenotare sfalci di giardino

      telefono da rete mobile: 0586416350

      Via dell’artigianato, 39/B
      57121 LIVORNO
      Telefono: 0586.416111
      E-mail: [email protected]
      E-mail certificata: [email protected]

  3. # Alessandro

    Buonasera, un numero verde o meglio una applicazione per segnalare velocemente situazioni irregolari sarebbe a mio avviso di aiuto perché gli ispettori non possono essere ovunque.

    1. # Valerio

      Esiste la app ed è funzionante. Sul play store di Google, scrivere aamps livorno

    2. # fateride

      C’è whatsapp 3666200878 call center 800031266 più una sfilza di altri numeri sul sito di Aamps oltre ai VV.UU e non si sa chi chiamare ?

      1. # u8go nogarinINO sono otto

        non non si sa chi viene…..

  4. # francesco

    Nonostante ci siano a disposizione decine e decine di Guardie Ambientali di varie associazioni che hanno già fatto queste sanzioni negli anni passati il Comune è andato dritto per la sua strada togliendo dal lavoro per il quale sono stati assunti i primi 5 dipendenti Aamps ! Come mai ha preferito spendere tutti questi soldi mentre i volontari il servizio lo facevano gratis ?

    1. # Fuori dal coro

      Forse perché sono a lavoro?
      In caso di infortunio sono tutelati.
      5 persone che percepiranno un reddito, probabilmente non risolveranno il problema della disoccupazione,ma ci saranno 5 famiglie che trascorreranno un Natale dignitoso

      1. # francesco

        Per ora ci sono 5 dipendenti Aamps in meno a fare il lavoro per il quale sono stati assunti. Lei pensa che ne assumeranno altri 5 al loro posto ?

  5. # Paolodalmaso

    Ok giusto ma noi che ancora il porta a porta non l’abbiamo e i cassonetti vicini sono sempre pieni… Ma pieni cosa dobbiamo fare?
    Forse andrebbero svuotati spesso.
    Che ne dite?

  6. # Koala

    Ragazzi la app per segnalare c’è già da un po’.. si possono mandare anche le foto…

  7. # Alessio

    Gli occupanti abusivi, in abbondanza a Livorno, come gestiranno i rifiuti?

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      bravo bella domanda… e sopratutto pagano la tassa?

  8. # Nerd

    Spero che l’articolo sia stato letto bene e non frainteso come si potrebbe intuire da alcuni commenti. Gli infrattori sono coloro che abbandonano il sacchetto fuori dal cassonetto e non coloro che arrivano anche da altri quartieri gettando l’immondizia regolarmente all’interno del cassonetto. Sul territorio comunale il cittadino non ha alcuna limitazione zonale per gettare l’immmondizia, non esistono tassazioni differenziate e ne ordinanze che impongono il divieto di gettare la spazzatura dove risulta essere più comodo. Io ad es. che ho i cassonetti in fondo alla strada e porto la spazzatura in auto devo subire continue segnalazioni da parte di cittadini nelle vesti di 007 che mi credono un incivile? Chi ha degli anziani in casa dovrebbe serbare i pannoloni sporchi in casa fino al giorno del ritiro? Sarebbe opportuno che anche l’ufficio igiene esprima un parere chiaro sulla compatibilità igienico sanitaria e raccolta porta a porta perchè ci sono delle circostanze veramente da terzo mondo.

    1. # marco62

      Ottimo Nerd sono sempre pronti a colpire a sanzionare il tartassato cittadino, ma vi chiedo il ritiro porta a porta ha procurato solo inefficienza, malumori e disservizi o veramente è efficace? Attenzione parlo della tipologia di ritiro non l’effettuare la raccolta differenziata che la ritengo cosa giusta. Perché non dare un giudizio noi cittadini sull’operato dell’Aamps?

    2. # u8go nogarinINO sono otto

      Commetto perfetto! Quindi differenziata, ma non assolutamente porta a porta, che è un fallimento totale, diciamolo dai

  9. # enzo

    Via Buotalenti, sono 2 giorni che ho davanti al negozio : 1 divano ,2 sedie, 1 forno. Avvisata aamps e mandata mail al Sig, Sindaco.

  10. # Kristy

    TELECAMERE

  11. # Ig

    Sarebbe il caso di trovare il modo di far pagare meno chi differenzia di più e il contrario. Per esempio obbligare a mettere l’indifferenziata in sacchetti aamps pagati di più, più ne usi più paghi e il contrario. Se metti l’indiferrenziata in sacchetti qualunque non la ritirino e rischio multa.
    Vedrai che la differenziata la fanno tutti.

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      percchè un provi te a fà l’assessore all’ambiente visto che sei cosi preparato?

  12. # Beppe

    Quando mangiavo il pollo , gettato nella stufa un foglio giallo , è nella pattumiera qualche osso ( se non ci pensava il cane). Oggi mangio un pezzetto di petto e devo separare : una vaschetta di polistirolo, un assorbente …, un involto di film trasparente, etichette varie, spesso anche il sacchetto, …. pancia vuota e secchio pieno! Gli ispettori mandiamoli ai supermercati e fidatevi il macellaio col foglio giallo. Noi che … siamo sopravvissuti senza polistirolo !

  13. # fabio1

    altro articolo in pompa magna per un nuovo “mestiere” che davo per scontato ci fosse stato da sempre.
    e’ come aver imposto di lasciare la porta di casa aperta senza avere la polizia che controlla.
    Fatemi capire: sono anni che viviamo in questa situazione e solo ora ci dite che mettete gli ispettori? Secondo voi, con gli ispettori finiranno queste scene (o bisogna trovare un’altra soluzione “che lasciare le porte aperte”)?
    Gli ispettori apriranno i cassonetti condominiali, sposteranno i sacchi fino ad arrivare in fondo per vedere cosa c’è al loro interno? per poi attaccare un cartello con l’indicazione “rifiuto non conforme” e quindi non sarà ritirato? Dubito…. e quindi la figura dell’ispettore, per il futuro, serve a ben poco.

  14. # sonia

    Buongiorno, io sono una cittadina che paga le tasse regolarmente e vorrei che la differenziata tornasse come prima con i grandi cassoni oppure che quella porta a porta passasse tutti i giorni di tutti i tipi di spazzatura!.

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      ahahahah

  15. # Antonio

    …da me sono arrivati i Tarponi in giardino, altro che ispettori!!!
    Devo lasciare alcuni sacchetti nei bussolotti per aspettare il giorno giusto da mettere in strada!!!
    …che igiene!!!
    Ma come possiamo andare avanti così???

  16. # Antonio Marchegiani

    …da me, in giardino sono arrivati i “Tarponi”;
    altro che ispettori!
    Sono venuti a controllare la spazzatura che aspettava di essere ritirata al giorno giusto!!!
    …Viva la differenziata!
    …Fatta … così!

  17. # luca d'ardenza

    Il sindaco non sanziona chi lascia il bidone mezz’ora di più sulla strada, ma se in quella mezz’ora il bidone provoca danni a terzi, chi paga?

  18. # Gina

    Dategli una mappa di livorno, perché la zona del Pontino vedrai non la conoscono..

  19. # Sara

    Ma a cosa servono gli ispettori ora se cassonetti in strada non ci sono più? E poi perché non dovrebbero sanzionare chi non ritira i bidoni dalla strada?il sindaco fá l’ordinanza dove c’è scritto che vanno levati dalla strada e poi scrive espressamente di non fare le sanzioni previste dall’ordinanza? ????

  20. # Massimo

    I cassonetti dovrebbero essere tutti ripristinati con l’apertura di schede. Più la usi per l’indifferenziata e più paghi di tassa

  21. # Chello 60

    Avete dato la scheda anche all’inquilini del Picchetto? O ritirate a porta a porta anche a loro ? Previsione mia ? Ci sarà una mantagna di spazzatura ai cassonetti e speriamo solo li .

  22. # bastaportaaporta

    per favore basta con il porta a porta e i bidoncini! bisognerebbe fare come i gilet gialli in francia contro macron! altro che chiamare i callcenter o inviare mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.