Cerca nel quotidiano:


Inaugurato il murale in via San Carlo

Inaugurato il 3 luglio, alla presenza del sindaco Salvetti e del vice presidente di Fondazione Lem, Tramonti, il murale Time Is Running Backwards realizzato dall'artista Francesco Camillo Giorgino, in arte Millo

Domenica 4 Luglio 2021 — 07:37

Mediagallery

Inaugurato il 3 luglio, alla presenza del sindaco Salvetti e del vice presidente di Fondazione Lem, Tramonti il murale realizzato in via San Carlo 67 dall’artista Francesco Camillo Giorgino, in arte Millo. L’opera, dal titolo “Time Is Running Backwards” (foto Amore Bianco), fa parte di un progetto di riqualificazione urbana portato avanti dall’Associazione MuraLi _ Diamo colore alla città e prende spunto dall’ex Cinema Odeon. “Ho immaginato – ha detto Millo – di riportare in vita un luogo amato dalla città, come se il tempo potesse scivolare all’indietro”.

L’artista:
Millo nasce a Mesagne (BR) nel 1979, ma si trasferisce a Pescara, dove si laurea con il massimo dei voti presso la facoltà di Architettura.
Da sempre appassionato e instancabile disegnatore, porta avanti una personale ricerca estetica nel campo della pittura, concentrandosi sul rapporto tra lo spazio e l’individuo.
Nelle sue opere prevalgono l’uso del bianco e nero, talvolta anche con alcuni tratti di colori, e degli elementi architettonici, che si intersecano con le storie a cui da vita sulle pareti.
La sua è una ricerca estetica del tutto personale, che pone l’accento sulla fragilità dell’esistenza umana in relazione al contesto che la ospita; un approccio dimensionale che indaga ciò che ci circonda ma, soprattutto, ciò che si cela dentro di noi, due aspetti inevitabilmente legati in modo reciproco. Nell’ultima decade Millo si focalizza sulla produzione di opere murarie di grandi dimensioni, che lo porteranno a dipingere in tutto il mondo. Con una produzione che vanta più di 120 opere disseminate in tutti i continenti, le sue tele sono state esposte a Londra, Chicago, Rio De Janeiro, Parigi, Los Angeles, Miami, Roma e Milano. Inoltre, i suoi lavori fanno parte di due collezioni permanenti: Urban Nation Museum for Urban Contemporary Art a Berlino e STRAAT Museum di Amsterdam.

Riproduzione riservata ©