Cerca nel quotidiano:


La Capitaneria di Livorno salva 13 migranti

Mercoledì 8 Febbraio 2017 — 14:59

Mediagallery

La motovedetta 286 della Capitaneria di porto di Livorno, partita dal porto labronico il 24 gennaio per il Mar Egeo dove attualmente opera nell’ambito dell’operazione Frontex, ha soccorso due bambini e 2 donne di cui una in gravidanza e 9 uomini. I 13 migranti (5 di nazionalità irachena e 8 siriani), abbandonati sull’isola di Ro a sud della Turchia, sono stati tratti in salvo grazie all’ausilio di un piccolo battello che ha potuto raggiungere la scogliera su cui si trovano i migranti in difficoltà, di un infermiere che ha prestato assistenza alla donna in gravidanza nonché di un “rescue swimmer” che ha favorito il trasbordo in sicurezza. Al termine delle operazioni i migranti sono stati condotti presso il porto di Kastellorizo, ultima isola del fronte orientale della Grecia.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # Orso

    Chissà’ come sono contenti i Greci.Un paese così ricco,meno male che c’è la UE ad aiutarli ad avere più immigrati.

  2. # piratatirreno

    Non capisco perché sull’isola di Ro sia intervenuta l’Italia.
    Se si continua così, fra un po gli immigrati li andiamo a prendere direttamente sotto casa con il taxi per poi portarli con le motovedette fino in Italia.
    Già ne arrivano tantissimi, mettendo in difficoltà i centri di accoglienza, se poi li andiamo anche a prendere nelle nazioni vicine…..boh…non capisco.

  3. # Apparire sempre

    È il loro lavoro, non una notizia.

    1. # Nando

      Il loro lavoro è anche presidiare le nostre coste.
      Vado in mare tutto l’anno e motovedette a giro non se ne vedono più.
      quelle della capitaneria pochissime qualcosa di più l’estate, polizia e carabinieri spariti, finanza una ogni tanto che corre come un offschore, polizia penitenziaria anche due e più volte al giorno, fanno livorno/ gorgona come fossero sui binari, non cambiano rotta e non si fermano nemmeno se vai a fondo.
      Non sarebbe meglio controllassero la sicurezza di chi paga le tasse, da una vita, per mantenere loro ed i nostri politici invece di impegnare tutte le risorse per i clandestini? Giusto aiutare anche loro, facciamo almeno metà e metà.
      Inoltre abbandonando il servizio nei nostri mari danno maniera di fare depredare il nostro mare da pescatori senza coscienza, tutti fanno cosa gli pare tanto non ci sono controlli.

    2. # rena

      concordo in pieno anche telegranducato ha enfatizzato la notizia è una missione internazionale a cui partecipiamo anche noi punto

      1. # Fabio

        Punto lo dici te……una missione che prevede di salvare profughi in mare aperto e’ una cosa , caricarli direttamente sugli scogli delle coste da dove partono mi sembra ridicolo….

  4. # Cristi

    I vostri commenti rendono il mondo un posto veramente brutto dove vivere. Accecati dai vostri privilegi, da tutti i vostri oggetti non siete capaci di provare empatia con altri essere umani. Con bambini, con donne incinta…capace che la vostra italianità doc vi fa essere pure cattolici…e allora si che la fiera dell’ipocrisia può dirsi aperta. Restiamo umani…vi ricorda niente….lo siete mai stati umani?

    1. # Giulio

      SCUSA MA LA CRONACA LA SEGUI OPPURE TI FAI INFINOCCHIARE ANCHE TE CON LA STORIA CHE QUESTI BELLIMBUSTI SCAPPANO DALLE GUERRE CHE GIROVAGANO TUTTO IL GIORNO CON ZAINETTO SULLE SPALLE CON IPHONE DA 700 EURO SENZA FARE NULLA O LAVORARE ECC. ECC.????

    2. # stefano

      ….Scusi per sapere….quali sarebbero i nostri privilegi…?!?…se poi la c.d. nostra italianita’ non Le piace e si sente tanto piu’ umano di noi vada in Africa ad aiutarli..altrimenti qui l’unico ipocrita e’ Lei.
      Arrivederci….

    3. # Sono populista e sciacallo ma mai pdiota

      Cristi un ciavrai mia anco te l’attio come Bertone e allora portateli in casa tua

  5. # Libero

    Se per “privilegi” si intendono disoccupazione dilagante, giovani che emigrano all’estero per mancanza di lavoro qui in Italia, persone che perso il lavoro (non per colpa propria e sfrattati dalla loro casa) sono costretti a dormire in macchina o in roulottes, aumento del nostro disagio sociale, case popolari arbitrariamente assegnate ad extracomunitari, ecc. ecc,, allora ben vengano fiumi di clandestini a bivaccare nelle nostre strade (cellulare compreso)!!!