Cerca nel quotidiano:

Condividi:

La cappella del ‘700 è diventata una discarica: il blitz

Venerdì 19 Agosto 2016 — 10:24

Operazione pulizia della municipale all'alba per sgomberare lo storico monumento preso d'assedio dai rom. All'interno un deposito di rifiuti e masserizie

Era diventata una vera e propria discarica dei nomadi cacciati qualche giorno fa dalla zona di via del Levante. Materassi, rifiuti di ogni genere, masserizie. Il tutto assiepato e stivato nella storica cappella del 1700 di San Micheletto all’incrocio dei cimiteri della Misericordia a Barriera Roma. La polizia municipale, che in quest’estate ha alzato in alto il vessillo della guerra al degrado, ha deciso così di fare una bella pulizia anche del monumento storico di cui i rom si erano impossessati ormai da tempo. Gli agenti avevano notato infatti che i nomadi avevano apposto anche una catena al cancello per poter entrare e uscire indisturbati quando volevano. Qualcuno dormiva anche all’interno della settecentesca cappella.
Il blitz della Municipale è andato in scena intorno alle 7 di giovedì 18 agosto. Di primo mattino gli agenti si sono portati sul posto e alla loro vista, gli occupanti della cappella, se la sono data a gambe. L’operazione di rimozione e pulizia è stata organizzata e messa in pratica anche grazie ai mezzi e agli uomini di Aamps. La municipale ha apposto alla fine una nuova catena ai cancelli della cappella che, tempo addietro, era stata ceduta all’Ufficio Cultura del Comune e quindi divenuta bene pubblico.

Condividi:

Riproduzione riservata ©