Cerca nel quotidiano:


La Polizia festeggia il patrono, San Michele, in Duomo

Difensore del popolo di Dio, vincitore nella lotta del bene contro il male, San Michele Arcangelo fu proclamato patrono e protettore della polizia da Papa Pio XII il 29 settembre 1949

martedì 01 Ottobre 2019 16:13

Mediagallery

A Livorno la Polizia di Stato ha festeggiato la ricorrenza del proprio Patrono, San Michele Arcangelo, nella giornata di  lunedì 30 settembre. Alle 19 in Duomo, piazza Grande, è stata officiata la messa dal vescovo Simone Giusti alla presenza del questore Lorenzo Suraci, del prefetto Gianfranco Tomao, del sindaco Luca Salvetti e delle  autorità civili e militari, nonché del personale della questura, delle specialità, dei pensionati della Polizia di Stato e cittadini.
Difensore del popolo di Dio, vincitore nella lotta del bene contro il male, San Michele Arcangelo fu proclamato patrono e protettore della polizia da Papa Pio XII il 29 settembre 1949, per la naturale assonanza con la missione assolta quotidianamente, con professionalità ed impegno, da ogni singolo operatore.
Il poliziotto, infatti, è chiamato ogni giorno ad assicurare il rispetto delle leggi, l’ordine e la sicurezza dei cittadini a favore dei quali orienta il suo servizio che trova espressione e sintesi nel motto “sub lege libertas”.
E a questo impegno costante la Polizia di Stato unisce altresì la straordinaria funzione di soccorso ed assistenza pubblica rappresentata nel suo stemma araldico con la doppia fiaccola incrociata. A chiusura della celebrazione, un poliziotto ha recitato la preghiera di San Michele.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.