Cerca nel quotidiano:

Condividi:

La statua di Bud Spencer torna in mostra… ma non a Livorno

Mercoledì 20 Luglio 2022 — 11:30

Nella foto principale la statua di Bud alla Bellana. Nella seconda immagine il creatore, l'artista Galli, in posa insieme alla sua opera sul lungomare di Livorno

L'opera dell'artista Fabrizio Galli, tanto discussa in città, torna in mostra, ma non a Livorno, bensì a Montecarlo di Lucca all'evento "Bud & Terence Celebration" in programma dal 21 al 24 luglio e dal 28 al 31 luglio come da locandina, in terza immagine

Torna a farsi vedere, o meglio rivedere, la tanto criticata-amata-vituperata-derisa-osannata, ma soprattutto fotografata, statua di Bud Spencer che l’artista Fabrizio Galli realizzò su commissione della passata amministrazione Nogarin e che venne esposta alla Bellana per qualche mese nel 2019. L’opera di Galli torna quindi in mostra, ma non a Livorno, bensì a Montecarlo di Lucca all’evento “Bud & Terence Celebration”.  A darne l’annuncio è proprio l’artista, il “padre” del manufatto in persona tramite la sua pagina Facebook ufficiale. “Dopo qualche anno buio, la mia statua del mitico Bud Spencer sarà esposta alla “Bud &Terence Celebration” presso il Campo sportivo di Montecarlo di Lucca. Vi aspettiamo dal 21 al 24 di luglio”.
La stessa pagina dell’evento rilancia la sorpresa: “
E dunque, avremo anche un ospite d’onore -si legge sulla pagina della manifestazione lucchese – L’onore, il nostro, sarà quello di ospitare la statua di Bud Spencer, che a Livorno suscitò invece tante polemiche qualche anno fa. Il suo creatore, l’artista Fabrizio Galli, erede di una famiglia storica di “carristi” del Carnevale di Viareggio, ha aderito con entusiasmo al nostro invito ad esporre la sua opera presso la nostra manifestazione. Preparate i cellulari per i selfie…”.
Ed è ancora Galli che, dopo una “sistemata” alla sua statua scrive: “Finalmente il nostro Bud è sceso dall’ufficio, una spazzolata alla polvere e ci prepariamo a partire per uno dei suoi tanti Festival e del compagno di avventure Terence Hill”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©