Cerca nel quotidiano:


L’Accademia Navale apre le porte alla città

Restano ancora pochi giorni per provare ad intraprendere la carriera di Ufficiale della Marina Militare e presentare la domanda. Il bando di concorso terminerà il 9 febbraio

Venerdì 20 Gennaio 2017 — 07:40

Mediagallery

Sabato 21 gennaio l’Accademia Navale di Livorno aprirà le porte a tutti coloro che vorranno conoscere da vicino la vita degli allievi ufficiali della Marina Militare, offrendo l’opportunità di visitare l’Istituto di formazione nel pieno della sua attività.
L’ingresso dal Varco di San Jacopo rappresenta l’inizio di un percorso affascinante che si articola lungo il Viale dei Pini passando per il complesso di Palazzo Allievi con il suo piazzale e lo storico Brigantino, Palazzo Studi con il simulatore di “plancia”, le aree dedicate alle scienze nautiche e le strutture sportive di Villa Chayes.
In questa occasione, gli Ufficiali dell’Accademia Navale risponderanno direttamente a domande e curiosità.
Restano ancora pochi giorni per provare ad intraprendere la carriera di Ufficiale della Marina Militare e presentare la domanda. Il bando di concorso, pubblicato con la Gazzetta Ufficiale nr. 2 del 10 gennaio 2017 – 4a  Serie Speciale, terminerà il 9 febbraio. Potranno presentare la domanda tutti i giovani di età compresa tra i 17 ed i 22 anni non ancora compiuti, in possesso di cittadinanza italiana, di un diploma di Scuola Media Superiore, oppure in procinto di conseguirlo alla fine del corrente anno scolastico.
Per l’anno 2017 sono 115 i posti a concorso per l’accesso alla prima classe dei corsi Normali dell’Accademia Navale di Livorno, l’Università del Mare che con sette corsi di laurea specialistica e svariati indirizzi professionali, offre un’opportunità formativa unica per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro per diventare professionisti del mare.
Ogni allievo avrà la possibilità di frequentare i corsi di laurea in scienze del governo e dell’amministrazione del mare, ingegneria delle telecomunicazioni, ingegneria navale, ingegneria civile ed ambientale, giurisprudenza, scienze marittime e navali, medicina e chirurgia.
Gli allievi ufficiali durante la loro formazione in Accademia, svolgeranno anche attività addestrativa a bordo delle unità navali e al termine dell’iter di studi saranno impiegati, a tempo indeterminato, nell’ambito della Forza Armata in relazione alla specializzazione ottenuta.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Piero Tregambe

    È un’ iniziativa splendida che noi abbiamo perso in quanto ne siamo venuti a conoscenza ormai troppo in ritardo. Mia figlia, prossima diplomanda, ha la fermissima intenzione di intraprendere questa meravigliosa carriera e per questo ci stiamo informando al meglio.