Cerca nel quotidiano:


L’allerta meteo diventa arancione

Dalle 18 di giovedì 4 giugno fino alle 4 di venerdì 5 giugno codice arancione per forti temporali con conseguente rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore

Giovedì 4 Giugno 2020 — 14:34

Mediagallery

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all'interno della sezione "Allerta meteo" del sito della Regione Toscana, all'indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo

Il Centro Funzionale della Regione Toscana ha emesso un bollettino con avviso di criticità codice arancione (stato di allerta) per forti temporali con conseguente rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore. Lo stato di allerta, che riguarda tutto il territorio centro settentrionale della Toscana, compresa la città di Livorno, partirà dalle 18 di giovedì 4 giugno e si protrarrà per tutta la notte (fino alle 4 di venerdì 5 giugno). I temporali potrebbero essere particolarmente forti soprattutto sulle zone costiere e potrebbero essere localmente accompagnati da forti raffiche di vento e da grandinate. La Protezione Civile comunale è allertata e segue l’evolversi della situazione.

I consigli
– evitare l’attraversamento di strade inondate e sottopassi qualora appaiano allagati, in quanto la profondità e la velocità dell’acqua potrebbero essere maggiori di quanto non appaia;
– la forza della precipitazione potrebbe far uscire dalla loro sede i tappi dei tombini: fare attenzione alla circolazione anche in strade poco allagate.
– prestare attenzione a percorrere le strade dove l’acqua si è ritirata perché potrebbero esserci pericoli;
– evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, e sopra ponti e passerelle;
porre barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello stradale, come cantine e box sotterranei.

Inoltre dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo.

Riproduzione riservata ©