Cerca nel quotidiano:


Lavori per la rotatoria a Barriera Margherita

Dopo il rondò fra viale Italia e via dei Pensieri, lavori per la realizzazione della rotatoria all’altezza di Barriera Margherita

venerdì 15 Marzo 2019 16:10

Mediagallery

Sono pronti a partire i lavori per la realizzazione della nuova rotatoria sul viale Italia, all’altezza di Barriera Margherita. Il cantiere sarà in attività da lunedì 18 marzo. La conclusione delle attività è prevista entro la fine di maggio. Si tratta di un intervento che potrà senz’altro garantire una maggiore sicurezza lungo il viale Italia, sia dal punto di vista dell’incolumità dei pedoni sia per quanto riguarda la circolazione dei veicoli, in corrispondenza dell’importante intersezione con il viale Nazario Sauro. “L’Operazione Sicurezza viale Italia – spiega l’assessore all’urbanistica e ai lavori pubblici Alessandro Aurigi – è di fondamentale importanza visto l’elevatissimo numero di incidenti che ogni anno si registrano sul lungomare, alcuni dei quali anche mortali. Le rotatorie ci consentiranno di diminuire la velocità dei mezzi senza rallentare eccessivamente il flusso complessivo del traffico. I lavori procedono speditamente, anzi siamo in anticipo sul cronoprogramma”. “Visto il contesto di particolare pregio in cui andrà a inserirsi la nuova rotatoria di Barriera Margherita – prosegue Aurigi – le soluzioni che abbiamo adottato, tutte concordate con la Soprintendenza, sono state pensate affinché il manufatto possa armonizzarsi al meglio con le architetture circostanti. In particolare, è stato deciso di fare grande uso di verde”.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Cittadino

    “ Le rotatorie ci consentiranno di diminuire le velocità dei mezzi senza rallentare eccessivamente il flusso del traffico”. Davvero? Le rotatorie al porto hanno intensificato il traffico in maniera esponenziale. Per fare il pezzo dal ponte a piazza Mazzini, durante gran parte della giornata, ci vogliono circa 15/20 minuti. Basta immaginare la stessa cosa succederà d’estate sul viale Italia… se l’unica soluzione per ridurre il numero di incidenti è creare più traffico possibile per far rallentare gli automobilisti ci state riuscendo perfettamente. Il passo successivo dopo le rotonde sarà creare posti di blocco con T wall dove le auto dovranno fare una lunga e lenta serpentina prima di uscire.

    1. # Alessio

      Perchè la gente non le sa fare le rotatorie…ecco perchè si intensifica il traffico.
      Basterebbe capire che la corsia a destra serve per le prime 2 uscite (di solito) e la corsia a sinistra per la 3 e 4 uscita….

      1. # ciuco74

        No…è perchè le rotatorie servono a sostituire un semaforo….non un incrocio con precedenza con una strada minoritaria..credo che gli ingegneri questo lo imparino al primo anno. Poveri noi……è come il DANNO che hanno fatto tra via dei Pensieri e viale Italia. Quanti pianti ci saranno quest’Estate.

    2. # LP

      TANTO CHI HA INVENTATO LE ROTATORIE GIOCATTOLO COME QUELLE CHE ABBIAMO A LIVORNO NON NE PERCORRE NEMMENO UNA…..
      QUINDI A LORO NON CAMBIA NIENTE!!!!

  2. # Cittadino

    Ottimo! Tra tutte questa è’ quella più importante. Pensate anche ad installare lungo tutto il lungomare dei rallentatori, tipo quello davanti al comune, ci sono in moltissime città italiane e quasi in tutte quelle europee dove le ambulanze così come tutti i mezzi di soccorso vanno lo stesso.
    Procedete a fare delle multe a chi, tranquillamente , parla al cellulare sia in macchina che in moto ed anche qualche multina ai pedoni ( di tutte le età) che nella maggior parte dei casi attraversano con il semaforo rosso e dove più gli conviene. A mio modesto pensiero le multe vanno fatte per prevenire e non per fare cassa come le sanzioni dei fine settimana d’inverno in zone della città dove non c’è’ movimento di massa mentre, in aree dove la sosta è totalmente selvaggia non si vede nessuno (quartiere Venezia zona Domenicani, via Ricasoli Piazza Attias ETC.)

  3. # Francesco

    Ottimo

  4. # MAURO MANETTI

    Ottimo lavoro…questa giunta ha fatto le scelte giuste…quelle che gli altri hanno temuto per questioni elettorali…spero venga incoraggiato anche l uso della bici….a Livorno ci sono troppe auto e scooter…che inquinano più delle auto!!!

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      ottimo davvero …sono cosi bravi da deturpare un bellissimo viale a mare, uno dei piu belli d’italia e che fa parte della nostrta storia……….bravi i 5S e chi la pensa come loro.

  5. # bravini

    Visto come viene mantenuto il verde in tutta la città la dichiarazione dell’Assessore Aurigi di farne grande uso nella nuova rotatoria non garantisce nulla di buono !

  6. # Carlo

    gli incidenti sono spesso ( troppo spesso) provocati dall’uso del cellulare da parte del conducente. Ho visto motociclisti chattare mentre guidano, ciclisti, con borse della spesa e bimbo sul seggiolino, inviare sms … insomma di tutto di più .. ma soprattutto.. senza controllo !!!

  7. # giancarlo galletta

    Già che ci siamo mettete in sicurezza anche il “manufatto di particolare pregio” dove cadono pure le lettere in bronzo e calcinacci vari (vedi foto del Mura)

  8. # Ale

    La mia opinione è che le rotatorie vanno benissimo e sono utili per più motivi.
    Parlando da non ingegnere ma da comune cittadino costretto all’uso del mezzo privato per andare a lavoro, il problema è che una strada a due corsie molto trafficata porta a rotatorie dove si passa un mezzo per volta o dove si sfocia in strade ad una corsia sola appunto come nel tratto da piazza Mazzini al ponte Trinità.
    Quindi da ignorante quale sono, per me la soluzione in quel tratto potrebbe essere fare una sola corsia per esempio.
    Per quanto riguarda barriera margherita sono d’accordissimo.

  9. # FABIO

    leggo commenti senza senso.. “ottimo”? ma dove vivete? Da quando hanno deciso di fare le rotatorie traffico e inquinamento sono aumentati enormemente.. Ottimo per chi?

  10. # Yasemin

    La rotatoria che è stata costruita tra via dei pensieri e viale Italia non è assolutamente funzionale al suo scopo, cioè alla sicurezza. Stessa cosa per la rotatoria alla Cigna: prima percorri un ponticello e in discesa ti ritrovi direttamente in rotatoria. La rotatoria al porto è un FAR WEST. Quando sei li nel mezzo hai sempre paura che ti sbuchi qualcuno a destra e a sinistra, Non è sicura anzi crea il problema opposto. E allora perché lasciarle li? Perché non rendersi conto che non tutte sono ancora funzionali per lo scopo originario? Perché per ogni rotatoria, qualcuno,si intasca una bella somma dalla comunità europea. Addirittura è stata messa una rotatoria al teatrino! Lucro sul traffico cittadino a scapito della sua sicurezza. Le rotatorie al porto andrebbero levate, Non sono sicure per niente. Anzi per colpa del traffico ho assistito diverse volte a vari incidenti, in particolar modo di motorini. Sono pericolose!
    Non oso immaginare cosa succederà con questa in Barriera Margherita.

  11. # Gianluca

    Grande uso di verde? Come le tristissime martoriate aiuole lungomare? Oppure la vegetazione giungla sempre fuori misura sul lungomare? Oppure i pratini incolti obbrobriosi lungomare? Assessore vada in qualche città europea a vedere come viene tenuto maniacalmente il verde!!!!

  12. # daniela

    questa rotatoria ha ridotto tantissimo l’area transitabile costringendo i mezzi a fare una gimkana tra le aiuole: ci vediamo quando inizierà la stagione balneare, sai che risate vedere le auto e bus costretti a passo d’uomo? ma allora se volevano penalizzare la zona mare e tutti gli esercizi che ci si aprono potevano dirlo!!! prima gli stalli blu e la lettera per parcheggiare nella zona mare, poi le rotatorie…zona mare: hai chiuso!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.