Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Lulli compie l’impresa: “L’ho fatto per i 140”

Domenica 28 Agosto 2016 — 08:24

Il giornalista Sandro Lulli ha compiuto l'impresa. Da Gorgona al porto in canoa. Scopo di questa iniziativa era quello di mantenere alta l’attenzione sulla tragedia del Moby Prince

di Roberto Olivato

Finalmente il giorno dell’attraversata è arrivato e come da programma, la jole del giornalista Sandro Lulli (foto Lanari) ha fatto il suo ingresso in porto, scortata da imbarcazioni della Capitaneria, Svs e da alcuni amici, approdando all’Andana degli Anelli verso le 16,30 del 27 agosto con una mezz’ora di anticipo rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi.
Scopo di questa iniziativa era quello di mantenere alta l’attenzione sulla tragedia che il 10 aprile 1991 vide il Moby Prince portarsi via la vita di 140 persone. “Una traversata quella compiuta dall’amico Sandro, che rimarrà senz’altro nella storia”. Queste le parole di Loris Rispoli presidente dell’associazione 140. Effettivamente quella compiuta da Sandro Lulli è stata una grande impresa, oltre che per la distanza di circa 24 miglia, anche per la sua età non più verde come da lui stesso sottolineato: “Non mi spaventava tanto la distanza di per sé, anche perché mi ero sufficientemente allenato, ma l’età mi preoccupava per eventuali blocchi di vita che avrebbero potuto compromettere se non annullare l’attraversata”. L’arrivo in porto di Lulli è stato sottolineato da un prolungato applauso e da baci ed abbracci di amici e parenti delle vittime che indossavano una maglietta rossa della loro associazione, maglietta che Lulli ha fatto sua indossandola davanti alla lapide coi nomi di tutte le vittime, alle quali dopo un omaggio floreale è stato dedicato un momento di preghiera da parte di padre Emilio Kolaczyk cappellano di Stella Maris. Il raduno si è concluso con i ringraziamenti che Lulli ha rivolto a tutti gli intervenuti ed agli organizzatori e dove le sue mani, lacerate dalle vesciche ma pulite, rappresentavano quasi un monito per chi si è rimesso a rivedere gli atti, affinché la verità possa finalmente venire a galla.

Condividi:

Riproduzione riservata ©