Cerca nel quotidiano:


Maternità, così cambia il passo al tempo del coronavirus

La responsabile delle ostetriche Chellini: "Stupiti dalla sensibilità dimostrata dall'utenza nel comprendere il momento. Nessuna rimostranza, anzi. Grazie a tutti"

Giovedì 27 Febbraio 2020 — 15:20

Mediagallery

Tra le misure lo spostamento dei neonati dalla stanza al nido. Familiari e amici possono vedere, due per volta, il piccolo dal vetro. Chellini: "Riteniamo siano misure di buon senso e di attenzione verso la tutela della salute pubblica"

“Siamo rimasti stupiti dalla sensibilità dimostrata nel comprendere il momento. Nessuna rimostranza o lamentela. Anzi, l’utenza ha accettato e condiviso le tutele messe in campo e il clima che si respira in questi giorni è quello di sempre, cioè sereno”. A dirlo a QuiLivorno.it è Marzia Chellini, responsabile delle ostetriche dell’area territoriale Livorno. Le nuove – temporanee – regole del reparto di Maternità al tempo del coronavirus sono state pubblicate anche in un noto gruppo Fb e come detto vanno nella direzione di tutelare sia il personale che mamme e neonati. Disposizioni date dall’azienda sanitaria e condivise dai dirigenti del reparto.
Tra le misure adottate, su suggerimento di Roberto Danieli primario facente funzione del reparto, c’è quella per cui nell’orario del passo i neonati vengono spostati dalla stanza al nido. Familiari e amici possono vedere, due per volta, il piccolo dal vetro. Sempre durante il passo può stare con la paziente solo una persona, quindi il babbo o chi per lui. Non di più. E non è possibile darsi il cambio. E’ stato anche deciso che nessuno può entrare nella stanza con la paziente (se autosufficiente) per visite, tracciati o altro. Confermato infine che durante l’orario 10-22 solo una persona può stare con la partoriente. E che durante il travaglio può stare con la donna una persona a scelta della donna: anche in questo caso nessuno scambio di persone. “Riteniamo – conclude Chellini – siano misure di buon senso e di attenzione verso la tutela della salute pubblica. Un ringraziamento a tutto il personale sanitario che mostra grande professionalità e responsabilità nello svolgere con la dedizione di sempre il proprio lavoro”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Simone

    mi sembra una ottima scelta che forse dovrebbe restare permanente….evitando quelle inutili calche alle stanze delle mamme…..

  2. # Cinzia Antonelli

    Ho partorito a giugno a Livorno…uno staff meraviglioso, unico neo …troppa gente a venire a trovare i neonati, anche perché la gente puzzava di fumo, raffreddati….quindi dovrebbero fare come me ..solo mio marito ed i miei figli poi la ciurma tutti a casa!!

  3. # Babbocacco

    FInalmente! Una decisione da adottare come REGOLA FISSA….Coronavirus a parte ho sempre pensato che l’esposizione dei neonati a chiunque venisse dall’esterno fosse un grave errore.

  4. # Giulia

    Quando ho partorito ( novembre) ho dovuto subire i 20 parenti della compagna di stanza tutti insieme durante l’ ora delle visite, un incubo.