Cerca nel quotidiano:


Il Mercato Buontalenti sbarca sul web

La pagina sarà aggiornata costantemente e sarà possibile, da parte degli utenti, di dare “un contributo” al mercato inviando come messaggio foto inerenti e storiche al Mercato Centrale

Giovedì 8 Dicembre 2016 — 08:18

Mediagallery

di Filippo Ciapini

In un mondo dove la tecnologia sta prendendo il sopravvento, è necessario, per qualsiasi cittadino che ha un’attività più o meno storica, adeguarsi ai tempi che corrono.
Confesercenti ha colto la palla al balzo e, grazie ad una convenzione con Google, ha fornito uno stagista ai suoi soci per sbarcare sul web. Il primo socio ad usufruire di questo servizio è stato il consorzio del Mercato Buontalenti che ha creato la propria pagina Facebook chiamata “Mercato Buontalenti Livorno”.
“E’ necessario avere una mentalità più funzionale e moderna  – spiega e continua Simone Toschi, Consigliere del consorzio – Questa pagina, oltre a contenere i vari eventi che organizzeremo, sarà una vera e propria vetrina, dove ogni banco avrà la possibilità di pubblicare foto della propria merce con annesse descrizioni”. In programma ci sono due eventi, entrambi di domenica, l’11/12 e il 18/12, chiamati “Natale in Piazza” che si svolgeranno in via Buontalenti e in piazza Cavallotti dalle ore 16 alle 20. “Questa sinergia tra il Consorzio “Pentagono” Buontalenti e quello “Piazza delle Erbe” Cavallotti, organizzato da Jessica Bonatti, punta a far rivivere uno spazio che per anni è stato fulcro della città e che adesso è poco presente nella vita dei Livornesi– aggiunge Serena Paoletti, consigliere del Consorzio Buontalenti – Vogliamo coinvolgere persone da fuori Livorno e Toscana.  La pagina sarà aggiornata costantemente e sarà possibile, da parte degli utenti, di dare “un contributo” al mercato inviando come messaggio foto inerenti e storiche al Mercato Centrale. Alla conferenza stampa ha partecipato anche Stefano Francanacci, responsabile dei negozianti che ha concluso sottolineando che sfruttare uno spazio come quello del mercato per organizzare gli eventi, va oltre la vendita dei prodotti, i negozianti che hanno aderito, infatti autofinanziandosi, hanno creduto che questo progetto potrà aiutare non solo il mercato in sé, ma Livorno in generale.

Riproduzione riservata ©