Cerca nel quotidiano:


Allerta meteo. Chiudono scuole e parchi

Scatta l'allerta arancione su tutto il territorio per lunedì 15 luglio a partire dalle 7 fino alle 21

domenica 14 Luglio 2019 17:19

Mediagallery

A distanza di cinque giorni dall’ultima allerta meteo arancione diramata dalla Regione Toscana che ha interessato il nostro territorio ecco che un’altra medesima allerta della stessa entità è stata diramata nel primo pomeriggio di domenica 14 luglio per la giornata di lunedì 15 luglio. Allerta arancione dunque dalle 7 fino alle 21 di lunedì 15 luglio per forti temporali a carattere diffuso, secondo quanto riportato dal sito della Regione Toscana, anche sul nostro territorio e sulla nostra provincia. In vista di questa allerta il sindaco Luca Salvetti ha disposto, in via precauzionale, la chiusura di parchi, cimiteri, centri estivi e di tutte le scuole di ogni ordine e grado (quelle eventualmente ancora interessate dagli esami di fine anno).
Nel primo pomeriggio di domenica 14 luglio sono arrivate anche nelle case dei livornesi le telefonate da parte della Protezione Civile di Livorno che hanno avvisato la cittadinanza di questo nuovo stato di allerta invitando la popolazione a porre attenzione a determinati comportamenti.

Raccomandazioni alla cittadinanza.  In caso di forti piogge la Protezione Civile consiglia ai cittadini di alzare il livello della normale prudenza e osservare i seguenti accorgimenti:

– evitare l’attraversamento di strade inondate e sottopassi qualora appaiano allagati in quanto la profondità e la velocità dell’acqua potrebbero essere maggiori di quanto non appaia;

– la forza delle precipitazioni potrebbe far uscire dalla loro sede le coperture dei tombini: fare attenzione alla circolazione anche in strade poco allagate;

– prestare attenzione a percorrere le strade dove l’acqua si è ritirata perché potrebbero esserci pericoli;

– evitare di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, e sopra ponti e passerelle;

– porre barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello stradale, come cantine e box sotterranei.

Riproduzione riservata ©

30 commenti

 
  1. # Luca

    Segnalo al comune via email lo stato dei tombini in via soffredini dove più volte ci sono stati problemi di allagamento. Coperti, anche per il 70%, dagli aghi di pino. Ma come è accaduto in passato per vari casi, nemmeno un cenno di ricevuta della segnalazione.

    1. # claudio

      basta con allerta meteo vi dovete assumere le vostre responsabilità quando accadano i disastri e non giocare di anticipo

      1. # Alessio

        quando le dava il Noga tutti a criticare….ed ora? ma siii, tanto basta che vi riaprano l’ippodromo e vi facciano la festa dell’unità ed il livornese medio è contento

        1. # FABIO

          E Nogarin neppure quello faceva..

  2. # GIO

    Una pioggia estiva “allerta arancione” con le piogge invernali staremo 6 mesi chiusi in casa. Invece di ridere e fare p.r. cerca di fare qualcosa di utile per la città ………. non ci far rimpiangere il noga

  3. # luca

    Se lo facevi una settimana prima delle elezioni ti rispondevano

  4. # Xxxx

    E il comune dovrebbe far pulire i tombini.

  5. # Giova

    Speriamo che non sia un all’erta come quello dell’ultima volta. L’unica cosa che colava dalle grondaie erano i raggi di sole

    1. # Zara

      Viale Mameli, grate intasate dalle foglie che ci stagionano a mesi.

    2. # Pippo

      Cosa si deve sperare allora che venga il nubifragio? Concordo con te sulle allerte sbagliate ma augurarsi il disastro è da masochisti… se poi si deve fare polemica per forza va bene… rileggiamo prima di inviare quello che scriviamo….

  6. # Bimbobello

    🤔…ma non c’è un nuovo sindaco…allora non era colpa del Nogarin se per due schizzi d’acqua e una soffiatina di vento chiudeva tutto….noi livornesi veri e siamo cresciuti a libeccio e non si vedeva l’ora di andare a prendere le mareggiate con la macchina alla Rotonda…attenti agli spifferi…

  7. # Michela

    Allora se avvisano non va bene …se non avvisano non va bene….

  8. # Bernacca

    L’allerta meteo e’ il nuovo metodo per sollevarsi da eventuali responsabilità dovute al cattivo tempo…ecco perchè il comune e le amministrazioni pubbliche ne fanno gran uso.
    Come controparte sarebbe opportuno pagassero i danni che le varie chiusure comportano quando invece non si verificano le condizioni previste in quanto e’ già la seconda volta in una settimana che non accade quanto previsto.
    Ma e’ solo utopia.

  9. # fabri

    Mettiamola così, allerta gialla tutti i giorni, un giorno sarà utile.

  10. # Michele

    Scuole chiuse ??? Ma non sono terminate le lezioni da oltre un mese. E poi perché chiudere le scuole eventualmente frequentate da poche persone . Timori forse perché le scuole non sono sicure ? Allora chiuderle sempre e fare lezione in comune.

    1. # Roger

      Le scuole sono chiuse perché tante vengono usate per i campi estivi….informatevi prima di scrivere cavolate….

  11. # Ale66

    Le allerte meteo ci possono stare ma dovete togliere i canneti dai fiumi e spazzare le foglie e gli aghi di pino che ostruiscono i tombini.

  12. # Luigi

    Buongiorno, è la seconda volta, nel giro di pochissimi giorni, che viene disposta la chiusura di parchi e centri estivi, nonché scuole di ogni ordine e grado, per una presunta allerta meteo. Nel primo caso (mercoledì 10), c’era un sole che spaccava le pietre; oggi, un po’ di vento teso ma nulla da far temere una calamità naturale oppure situazioni pregiudizievoli per l’incolumità delle persone. Affrontare così il problema causa un’unica conseguenza: mettere in serie difficoltà le coppie di genitori che lavorano entrambi. In passato, un provvedimento del genere era raro proprio perché era correlato ad un evento climatico che potesse generare danni e/o problemi seri. Se si continua di questo passo, sarà un problema serio perché si rischia di chiudere le scuole una volta alla settimana o di più. Poi i bimbi li portiamo a giocare e studiare al Comune di Livorno. Perché assentarsi dal lavoro è un problema…ma, forse, interessa solo firmare provvedimenti di cui non si conosce neanche l’effettiva efficacia ed utilità senza valutare, poi, la ricaduta negativa che vi può essere su chi ‘subisce’ l’effetto del provvedimento.
    Mi auguro che chi di competenza possa leggere e prendere atto, facendo quantomeno una riflessione.

    1. # Fabio1

      mi associo alla tua riflessione.
      è però da sottolineare che non si parla di “presunte” allerte meteo ma di veri e propri bollettini inviati dalla Regione agli uffici comunali (http://www.regione.toscana.it/allertameteo/il-sistema-di-allertamento).
      dopodichè è il Comune – Protezione Civile che valuta il da farsi.
      Da un po’ sta piovendo molto forte, a carattere temporalesco e potrebbero esserci delle difficoltà in città.
      Se da un “normale” temporale si sprigionasse un temporale di 5 minuti come quelli che, purtroppo, ci stiamo abituando a vedere sempre più spesso in TV con danni a cose e persone?
      Purtroppo il servizio non ci può avvisare 10 minuti prima…. e anche se potesse, sarebbe comunque un problema limitare danni o infortuni alle persone.

  13. # Simone

    Secondo me occorre rivedere chi effettua le previsioni meteo, perche non é possibile far emanare un allerta arancione e poi la reale situazione non ci si avvicina neanche lontanamente.
    L’amministrazione fa bene a seguire le indicazioni degli esperti, ma sono gli esperti in qjesti casi che sbagliano la propria previsione

  14. # memoriacorta

    nogarin basta, per du schizzi devi mette la città in allerta! ah no cè il salvetti ora.

  15. # Livorno74

    Prima dell’elezioni tutti a brontolà, chiude tutto per du schizzi…… ma ora chi ha votato questo sindaco lo dirà lo sesso o riuscirà a inventare che sono situazioni diverse e che ora fa bene… 😂😂

  16. # antonio caprai

    Le previsioni sono spesso fallaci, è difficile indicare con precisione il luogo e l’ora dell’evento. Le responsabilità di un responsabile sono enormi. Quindi è capibile la paura di non dare un allarme da parte di un sindaco. Ovviamente le responsabilità sono anche e soprattutto quelle dellz manutenzione di tutto ciò che può evitare problematiche…purtroppo questo manca totalmente.

  17. # Forse ho sbagliato mondo

    Se sbaglio qualcosa nelle mie previsioni di calcolo (meteo, economico, strutturale) a me mi licenziano subito…. Ma chi sono quelli delle allerte meteo? Non meriterebbero di essere licenziati?

  18. # ugo

    scuole chiuse già da un po’… aguzzate la mente…

  19. # ugo

    porre barriere per evitare che l’acqua possa allagare locali posti sotto il livello stradale, come cantine e box sotterranei……..paga Salvetti?

    1. # fabio1

      no di certo.
      chi acquista sa che possono esserci questi pericoli di allagamento di scantinati. considerato la frequenza con la quale stanno accadendo questi fenomeni, potrebbe essere meno oneroso investire in barriere di qualsiasi tipo piuttosto che buttar via costantemente tutto il contenuto dei locali posti sotto il livello stradale perchè finiti sott’acqua.
      ma tutto è buono per tirare in ballo il sindaco….
      hai letto la risposta di Roger in merito all’utilizzo delle scuole?

  20. # Allertato

    Lunedì prossimo c’ è la partita e di andare a lavorare non ne ho voglia. Che dite, ce la facciamo una bella allerta meteo?

  21. # matteo

    basta non se ne puo’ piu’ di Nogarin, dimettiti!

  22. # lev

    In effetti qualcuno vive proprio in un’ altro mondo…Le allerte partono dalla Regione e le manifestazioni temporalesche non sono piu’ prevedibili come anni fa…avete sentito parlare di bombe d’acqua? Giusto allertare i cittadini che dovranno comportarsi di conseguenza…Purtroppo qualcosa e’ cambiato anche in cielo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.