Cerca nel quotidiano:


Modigliani, ora la mostra è realtà. Firmato il contratto

“Modigliani e l’avventura di Montparnasse” è il titolo scelto della mostra dal 7 novembre al 16 febbraio 2020: al Museo della Città 120 opere della collezione Jonas Netter, di cui 14 dipinti di Modigliani e (probabilmente) 12 disegni

lunedì 16 Settembre 2019 19:56

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Quando sono passate da poco le quattro del pomeriggio del 16 settembre le firme del sindaco e di Marc Restellini sul contratto sanciscono che la mostra su Amedeo Modigliani si appresta davvero a diventare realtà. “Modigliani e l’avventura di Montparnasse”, questo il titolo scelto, ma che potrebbe essere anche modificato in corsa, della mostra che si terrà al Museo della Città dal 7 novembre 2019 al 16 febbraio 2020. In tutto arriveranno a Livorno 120 opere della collezione Jonas Netter, cosiddetta Ecole de Paris, di cui 14 dipinti di Modigliani e (probabilmente) 12 disegni. “Finalmente la firma – ha affermato orgogliosamente Luca Salvetti sindaco – A Palazzo Comunale abbiamo firmato un contratto di grande valore e abbiamo ufficializzato un evento che per Livorno ha una valenza eccezionale. Amedeo Modigliani torna nella sua Livorno, dove è nato e si è formato artisticamente. Avrebbe voluto farlo in quel lontano 1920, ma la sorte ha avuto altre mire per lui. Ma a cento anni dalla morte siamo riusciti, con grande coraggio, a far tornare l’anima di Dedo nella sua città. Anima rappresentata dalle sue opere, le più belle, che per quattro mesi troveranno dimora nelle sale del Museo della Città, dove creeremo un nuovo allestimento, da usare per successive mostre: sarà come un abito elegante da sfoggiare nelle situazioni più belle”. Molto soddisfatto di portare la sua mostra a Livorno è Marc Restellini, uno dei più grandi studiosi del pittore nostro concittadino: “Per Modigliani è un ritorno a casa. Sono molto contento di questa occasione e ringrazio e mi complimento con l’amministrazione per il coraggio e la rapidità avuta nelle scelte fatte – ha commentato – Non poteva esserci decisione migliore di portare l’esposizione di Modigliani a Livorno nell’anniversario del centenario della morte. Qui Amedeo Modigliani ha sviluppato la sua capacità creativa e lo spiritualismo ebraico”. Cento giorni con Amedeo Modigliani a cento anni dalla morte: “Un riconoscimento che la città gli deve per la sua grandezza originale e inconfondibile. E proprio per questo l’evento dovrà essere per il suo cittadino più illustre – ha detto l‘assessore alla cultura Simone Lenzi – Mi auguro che la mostra sia di stimolo ai livornesi per conoscere e capire il genio di un pittore così importante, ma che sia anche un ulteriore occasione per approfondire la conoscenza della sua personalità che porta i segni della labronicità. Bentornato dunque Dedo, e che l’immagine della “Bambina in blu” scelta come immagine di copertina della mostra con la sua struggente espressione e spiritualità sia di richiamo alla voglia di tornare a casa, quella voglia che Modigliani in fondo ha sempre nutrito”.

Riproduzione riservata ©

19 commenti

 
  1. # Maurizio72

    Grazie sindaco…finalmente uno che fa qualcosa e vuole bene alla citta!

  2. # Ferdinando

    Bene un abbraccio a Dedo! Se lo merita

  3. # Datevi una patta

    Bravo sindaco! Una grande cosa per la città! Le migliaia di turisti che affollano le strade saranno ansiosi di pagare il biglietto per vedere la mostra..per non parlare dei livornesi!

  4. # Agnese

    Sarebbe opportuno prolungare la mostra anche per l’estate, visto il grande afflusso di turisti che abbiamo durante quel periodo grazie alle navi da crociera.

    1. # 3x2

      Costo per 3 mesi 2 miioni di euro , per altri 6 mesi chiediamo un pò di sconto !

  5. # Tonfoni

    Era ora. Sarebbe opportuno, per il Comune di Livorno, avanzare una proposta al Comune di Parigi, per la sistemazione della tomba che versa in condizioni di miseria assoluta.

  6. # elisa

    Giusto e con il raddoppio della tassa di soggiorno io farei l’offerta per allungarla di un annetto tanto che ci frega costa cosi poco…. o va bene bene o affossa il bilancio comunale attendo fiduciosa l’arrivo al vigorelli :)i

  7. # Ale66

    Costo dell’operazione ?

  8. # Sergio Giomi

    I soliti disfattisti pronti a lamentarsi di quello che manca in questa città salvo poi recriminare se qualcosa viene fatto,specialmente in ambito culturale..O forse si deve tappa’ le bue! Ecco avete ragione cominciate a Dirlo al vostro Nogarin che ahah avuto 5 anni a disposizione e,ma di bue tappate nemmeno l’ombra.Comunque la città ha bisogno di crescere anche e soprattutto culturalmente ,per cui queste manifestazioni e mostre sono le benvenute ,specialmente se dedicate ad un livornese illustre come Modigliani.Grazie al sindaco Salvetti

    1. # elisa

      La citta per crescere ha bisogno di pulizia prima della cultura, oppure si pensa di accogliere i turisti in una citta che versa in condizioni disperate tra spazzatura, topi e cacche sparse. Magari faremo dei percorsi alternativi per non fargli vedere che si abbiamo la mostra di Modigliani ma una città che fà letteralmente SCHIFO

      1. # Matteo Postani

        La città ha bisogno di pulizia E di cultura. Forse con queste iniziative le persone cominceranno a capire che la propria città va rispettata e amata perchè vuole e può fare qualcosa di importante.
        Se invece si pensa solo a brontolare continueremo a vivacchiare nella sporcizia e nell’ignoranza. Riguardo ai costi è vero che sono alti, ma penso che la cultura non si vende un tanto al chilo

    2. # Datevi una patta

      Ripigliati di turisti e infrastrutture non ce ne sono…ma dove vuoi andare? La tassa di soggiorno è altissima e i turisti vanno a Pisa o Firenze perché qui al massimo c’è le bandiere del Livorno!

      1. # Dattela te e bella forte

        Le bandiere del Livorno?
        Ma dove….
        Usi le solite 2 frasi fatte…..

    3. # israel hands

      beh questione di punti di vista; la bua dell’aamps dopotutto non era proprio piccina e la bua che avrebbe fatto l’ospedale a Montenero anche peggio

  9. # Marco

    Livorno ha bisogno di crescere e questa è una grande occasione, speriamo che sia soltanto la prima iniziativa di una lunga serie.. secondo me sarebbe stato opportuno inaugurarla ad Aprile, Maggio quando in città ci sono numerosi turisti. Comunque è già qualcosa, dopo sarebbe bello poter fare una grande mostra sui macchiaioli Toscani e Giovanni Fattori

    1. # luca

      Finalmente un commento propositivo.
      Concordo in pieno
      Bravo

  10. # GIULIANA

    Non ci dimentichiamo che i 5 stelle hanno lasciato il comune pieno di soldi e che tante iniziative le fanno grazie a questo!!!

    1. # Sergio Giomi

      Vorrei anche vedere, in 5 anni non hanno mosso foglia, stalli blu sulle spalle dei cittadini e rotatorie! 5 anni di fuffa e presunzione!

    2. # boob

      Lo dici te che non ci sono, come lo dicono gran parte dei livornesi che perderanno anche questo treno, che invece prenderanno persone che vengono da fuori e se ne prenderanno i frutti…poi mi raccomando tra una decina di anni lamentati e di ” Livorno ai livornesi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.