Cerca nel quotidiano:


“No alla chiusura del Caprilli”: caroselli in città

Martedì 14 Giugno 2016 — 08:12

Mediagallery

Caroselli di caravan, camion e auto con tanto di striscioni per dire “no alla chiusura dell’ippodromo Caprilli”. Il gruppo di manifestanti, composto da lavoratori e amanti dell’ippica, non molla nonostante le non buone notizie all’orizzonte per il futuro del glorioso ippodromo cittadino. Così nella giornata di lunedì 13 giugno un lungo “serpentone” di mezzi ha sfilato per le vie della città da piazza Mazzini fino alla stazione passando per viale Carducci e via Grande, “svegliando” così le coscienze dei livornesi a suon di clacson. “Salviamo il nostro ippodromo”, recitavano le scritte nere sui lenzuoli bianchi, e anche “Il Comitato Ippodromo non molla”.
(foto in pagina di Claudio Caprai)

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # biggì

    Abbiamo cura di 80 clandestini e chiudiamo l’ippodromo buttando a mare posti di lavoro: ma dove viviamo ?

    1. # Gianluca

      sei così intelligente da ritenere che le due cose siano correlate signor biggi ?

      su cosa fonda questa sua convinzione ?

      1. # biggì

        Forse non sono correlate, ma gli italiani prendono le pedate ed i clandestini vitto e alloggio. Chiedo solo se questo è giusto., ma visto che siamo in Italia forse lo è !

  2. # Andrea

    Quando andavano a lavorare con l’asciugamano da mare e prendevano il sole sul muretto non brontolavano però i lavoratori del caprilli quando un’azienda non funziona si chiude oppure i cittadini devono pagare anche loro per passare il tempo a non fare niente è l’ora di finirla

  3. # ettore

    Sono da poco immigrato a Livorno e non conosco la storia dell’Ippodromo (conosco meglio quella di Federico Caprilli …) e chiedo :
    se i dipendenti, anche gli amministrativi, erano pagati per 12 mesi e l’Ippodromo lavorava e incassava solo per la stagione delle corse, forse è questa la realtà su cui riflettere …

    1. # piratatirreno

      Intanto benvenuto a Livorno, ti auguro di trovarti bene…..con il tempo ti renderai conto che quello che può apparire ovvio agli occhi di tutti…..non lo è per i Livornesi.
      Colgo l’occasione……quando i lavoratori dell’ippodromo andavano a lavoro con asciugamano da mare sotto braccio….era proprio da quel periodo che avrebbero dovuto iniziare a preoccuparsi…ora forse (e spero di no) è troppo tardi.

  4. # Alcamone

    Quanto vi piace chiacchierare senza sapere nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.