Cerca nel quotidiano:


Nogarin e Aamps, la procura archivia l’inchiesta

Il sindaco: "Mai temuto. Ora resta da capire come si sia creato il famoso debito da 42 milioni di euro"

lunedì 03 settembre 2018 17:47

Mediagallery

Indagine archiviata per abuso d’ufficio, falso in bilancio e bancarotta fraudolenta. Per la procura della Repubblica di Livorno nessun rilievo penalmente perseguibile nei confronti del sindaco Filippo Nogarin (nella foto di Simone Lanari) e degli altri indagati finiti nei fascicoli dei pm a seguito di presunti illeciti derivati dall’assunzione dei 33 precari e per la gestione dell’azienda partecipata dei rifiuti cittadini. Decadono tutte le accuse penali mentre proseguono quelle della Corte dei Conti per eventuali illeciti amministrativi da dimostrare. A dare per primo la notizia è stato il Corriere della Sera che con un articolo sull’edizione online, uscito nel primo pomeriggio di lunedì 3 settembre, ha smosso lo stagno di oltre due anni di silenzio.
A commentare l’accaduto è lo stesso primo cittadino di Livorno con un post sulla sua bacheca facebook ufficiale: “Scopro dai giornali di essere stato prosciolto dalle accuse in merito al caso Aamps. Non ho mai avuto dubbi sulla bontà delle scelte che io e la mia amministrazione abbiamo compiuto da quando ci siamo insediati, facendo venire alla luce anni di mala gestione dell’azienda dei rifiuti di Livorno. Non abbiamo avuto paura di esporci in prima persona e abbiamo avuto ragione: oggi Aamps è un’azienda solida, sta ripagando i propri debiti e non è stato perso un solo posto di lavoro, anzi sono previste altre assunzioni. Visto che, da quanto ho capito, sono state archiviate le posizioni di tutti gli indagati, resta da capire come si sia creato il famoso debito da 42 milioni di euro.  La procura, che ringrazio per il lavoro svolto, non ha potuto provare il dolo da parte dei precedenti amministratori, ma i cittadini di Livorno hanno il diritto di sapere come sono stati spesi i soldi della loro Tari.  Spero che la Corte dei Conti sappia far luce su un eventuale danno erariale”.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Luca

    Per la cronaca e per completezza anche il Cosimi è stato prosciolto…brava persona oltre che bravo medico

  2. # Marione

    Sì, i capi di accusa verso Cosimi erano privi di fondatezza. Direi grande persona il dott. Alessandro Cosimi.

    1. # Orestino

      Che fosse un processo politico alla pregressa amministrazione era scontato, adesso avanti con il procedimento per i morti a causa dell’Alluvione, le famiglie attendono ancora giustizia.

  3. # peter

    Bene… Ma il buco di 42ML chi lo ha fatto, Mago Zurli ?

  4. # maverick

    A me invece sembra che sia stata archiviata tutta l’inchiesta per coprire in particolare il passato… qualcuno però mi spieghi come si è generato questo buco da 42 M€….

  5. # Arconada

    Il buco non era 42 milioni ma 11………..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.