Cerca nel quotidiano:


Non paga affitto per 12 anni, scatta la decadenza

Per la famiglia la misura si è resa necessaria in ragione del fatto che aveva accumulato un debito di oltre 40mila euro

martedì 14 Maggio 2019 14:34

Mediagallery

Proseguono le operazioni di contrasto alla morosità colpevole. Nella giornata del 13 maggio il Comune di Livorno, si rende noto in una nota stampa, ha effettuato un provvedimento di decadenza per morosità nei confronti di una famiglia assegnataria di un alloggio popolare in zona Garibaldi. Una misura che si è resa necessaria in ragione del fatto che il nucleo familiare aveva accumulato un debito di oltre 40mila euro.
Dal 2007 infatti aveva completamente smesso di corrispondere il canone di locazione a Casalp, nonostante un reddito lordo annuo che in questi 12 anni ha oscillato tra i 40mila e 61mila euro, a fronte di un affitto di 210 euro mensili. A questo punto l’alloggio è rientrato nella disponibilità di Casalp, mentre l’ufficio Casa ha avviato le procedure per la sua riassegnazione in base alla graduatoria.
Parallelamente sono state avviate da parte di Casalp le procedure ingiuntive per recuperare la somma non versata.

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # #UnoACaso

    Mi verrebbe da chiedere come sia possibile che una famiglia con tale reddito avesse diritto alla casa popolare…. E loro perchè per 12 anni non hanno pagato l’affitto….altrimenti erano sempre li a 210€ almese….
    Troppi ce ne sono di sti furbetti…..

  2. # @DLBLNS

    CERTO DOPO 12 ANNI FA IMPRESSIONE.
    LE UTENZE LE STACCANO DOPO LA MOROSITA’ DI 1 FATTURA BIMESTRALE O TRIMESTRALE.

  3. # Abe

    C’è da chiedersi come sia possibile che famiglie appartenenti a quella fascia di reddito abbiano avuto accesso all’edilizia popolare.

  4. # Carlo

    non ho capito… morosità di 12 anni ,,,nonostante un reddito decoroso,,,ed ancora non erano stati sfrattati. Ma questo paese è diventato tutto matto…solo i furbi sopravvivono (bene!!!), invece agli onesti… pedate negli stinchi.

    1. # Cittadina

      Ma chi doveva controllare? Vergogna.

  5. # adriano

    si deve aspettare 12 anni per buttare fuori questi elementi con gente veramente bisognosa. che deve occupare abusivamente per non dormire sotto le stelle.

  6. # Il lapidario

    Una delle pochissime città in cui le case popolari vengono ereditate (cosa illegale da mentalità da dopoguerra). Quando l’intestatario muore DEVONO essere restituite e riassegnate!

    1. # Mat

      Spero che gli facciano pagare tutti gli arretrati dovuti con gli interessi relativi.

    2. # NESSUNO EREDITA

      informati! le case popolari non vengono ereditate, ma semplicemente colui che la “eredita” ha lì la residenza

  7. # Valeria

    12 anni…dovevano aspettare dell’altro!!!
    Reddito da signore…e affitto di 200 euro…e non pagano oltrettutto…che roba…e c’é gente che ha bisogno veramente con figli che stanno in catapecchie…che criteri usano per assegnare le case???

  8. # antonino

    fosse l’unico.. io vedo anche porsche cayenne parcheggiati tra case popolari

  9. # Livorno74

    Tra 40 e 60mila euro annui, 210 euro di affitto??!!! A me lo avevano portato a 390 con un reddito di 28…. Che strane incongruenze!!!!!

    1. # ir mario

      Morosità per un canone mensile di 210 euro?
      Vergogna, ne pago 780 di mutuo e non mi lamento.
      Non ho alcuna pietà se li buttano per strada e assegnano la casa ad una famiglia più bisognosa.

  10. # RIN TIN TIN

    VOGLIO SPERARE CHE POI QUALCUNO SI INTERESSI DELLA RISCOSSIONE DEGLI AFFITTI ARRETRATI VISTO CHE TUTTI E DUE LAVORANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.