Cerca nel quotidiano:


Nuovo DPCM (leggi ora il testo) e le novità su isolamento e quarantena

Aggiornate le indicazioni riguardo la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena e via libera al nuovo DPCM: le nuove misure saranno valide per i prossimi 30 giorni

Martedì 13 Ottobre 2020 — 08:50

Mediagallery

Tra le novità del DPCM il divieto di feste private al chiuso o all'aperto, in casa raccomandati non più di 6 ospiti, e per i banchetti delle cerimonie religiose viene fissato il limite di 30 invitati

Cambiano con la nuova circolare del ministero della salute del 12 ottobre le indicazioni riguardo la durata e il termine dell’isolamento e della quarantena e via libera al nuovo DPCM (dalle 15,35 del 13 ottobre lo abbiamo inserito online al link precedente), con le nuove misure che saranno valide per i prossimi trenta giorni. Resta, chiaramente, l’obbligo di indossare la mascherina in tutti i luoghi chiusi diversi dalle abitazioni private – anche se viene “fortemente raccomandato” l’utilizzo “all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi” – e all’aperto “a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”. La mascherina non è obbligatoria per i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva; per i bambini di età inferiore ai sei anni; per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché per coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.
Tra le novità del nuovo DPCM il divieto di feste private al chiuso o all’aperto con la “forte raccomandazione” a evitare occasioni che in casa coinvolgano più di sei familiari o amici con cui non si conviva. Per i banchetti delle cerimonie religiose viene fissato il limite di 30 invitati fermo restando il distanziamento interpersonale di un metro e l’obbligo di mascherina quando non si è seduti. Sarà il personale di sala a distribuire cibo e bevande. Per quanto riguarda ristoranti e bar l’attività è consentita fino alle 24 e dalle 21 per i clienti sarà vietato consumare in piedi, quindi potranno continuare a servire i locali dotati di tavolini. Divieto di gite scolastiche e di sport di contatto a livello amatoriale come il calcetto e il basket. Per cinema e concerti resta il limite di 200 partecipanti al chiuso e di 1000 all’aperto, con il vincolo di un metro tra un posto e l’altro, e negli stadi rimane la presenza di pubblico con una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre i 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso.

Riproduzione riservata ©