Cerca nel quotidiano:


Svelato l’odore di gas

Decine di segnalazioni dai quartiere La Rosa, Leccia e Scopaia tra le ore 13.30 e le 14.50 del 29 agosto. Le analisi di Arpat hanno permesso di individuare un'area di mare a circa 5 Km dalla costa dove stazionavano alcune navi

Martedì 30 Agosto 2016 — 16:31

Mediagallery

Nel primo pomeriggio di lunedì 29 agosto è pervenuta ad Arpat Livorno una segnalazione con la quale Asa informava di aver ricevuto numerose chiamate da parte di cittadini residenti nei quartieri La Rosa, Leccia e Scopaia, tra le ore 13.30 e le 14.50, che riferivano di aver percepito un “forte odore di gas”;  le squadre di pronto intervento Asa non avevano peraltro rilevato problemi sulla propria rete di distribuzione gas metano. Anche i vigili del fuoco hanno inviato una nota ad Arpat e ad altri enti, con la quale informavano di aver ricevuto numerose segnalazioni, a partire dalle ore 13.45 di “presenza di una non meglio definita nube gassosa” nelle stesse zone della città già segnalate da Asa, aggiungendo che non era “stato possibile determinare l’origine del fenomeno”. I tecnici di Arpat, dal momento nel quale sono venuti a conoscenza del fenomeno, hanno proceduto alla ricostruzione del percorso degli inquinanti, partendo dai punti segnalati per individuare le probabili sorgenti. Le ipotesi per tale ricostruzione si sono basate su quanto dichiarato da Asa con particolare riferimento all’orario delle segnalazioni.
La ricostruzione delle traiettorie è stata effettuata utilizzando un metodo già applicato in precedenza con successo per altri episodi di maleodoranze. In particolare sono stati utilizzati i dati della velocità e direzione del vento forniti dal Lamma e relativi alla stazione meteo di Livorno presso Istituto Nautico Cappellini, nonché i dati meteo presenti sul sito livornometeo.it (Avvisatore Marittimo del Porto di Livorno). Tale analisi ha permesso di individuare un’area di mare a circa 5 Km dalla costa dove stazionavano alcune navi.
Arpat ha quindi informato la Capitaneria di Porto di Livorno, con la quale è stata mantenuta una stretta collaborazione, per gli accertamenti di loro competenza, in particolare per quanto riguarda le tipologie di carico e le eventuali operazioni condotte dalle navi, presenti ed eventualmente in transito, nell’area individuata dalla ricostruzione, nell’arco temporale 12.00 – 14.00.

LEGENDA:
sono rappresentate solo in parte le vie dalle quali sono arrivate le segnalazioni. I quartieri interessati sono Ardenza, La Rosa, Leccia, Scopaia, Salviano

viene rappresentata anche la posizione della nave 1 e della nave 2 così come risulta dal sito vesselfinder.com

le traiettorie in rosso e giallo , rappresentano le traiettorie percorse dagli inquinanti (proseguono poi nella stessa direzione verso l’abitato) se il fenomeno emissivo è avvenuto intorno alle ore 12.30. In rosso per la nave 1 e in giallo per la nave 2. Dati LAMMA.

La traiettoria viola rappresenta il fenomeno nel periodo 13.15 – 13.45 con venti stabili da 249 °N forniti da LAMMA.

In bianco la traiettoria con direzione del vento desumibile dal sito livornometeo.it

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # PITTARO

    ah bene dé … tutta salute !!!

  2. # marco pepe

    il problema persiste da diverso tempo specialmente l’estate lungo la costa dai tre ponti fino oltre il boccale dovrebbero controllare piu’ spesso speriamo bene

    1. # asciugati

      Le segnalazioni come al solito le fanno i cittadini prima di tutte le autorità ! Siamo sicuri che funzionino al meglio ?

  3. # Luca

    Ok e quindi ci volete dire se ci siamo intossicati? Mi bruciavano gli occhi e dal puzzo mi è venuta la nausea! Pretendo di sapere cosa ho respirato!!! E non è la prima volta! Solo a Livorno queste cose passano in secondo piano e finiscono nel dimenticatoio!

  4. # Smettetela

    Le navi in rada nel periodo in considerazione erano 6 e non solo 2 tra queste nessuna gasiera.
    Ma che ricostruzione fate??!!!

  5. # roberto5

    Abbiamo respirato gas e chissà che cosa e non si capisce bene il motivo.. possibile che le navi con carico di gas devono disperdere nell’aria così tanto prodotto? ci sarà stata una perdita? le navi devono essere ormeggiate più a largo? chi risarcisce i cittadini che hanno respirato il gas? che vergogna siamo terzo mondo…. si respira il gas puzzolente davanti a Livorno e hanno avuto il coraggio di fare il parco della Meloria proprio davanti al Porto di Livorno dove chi ha un fuoribordo vecchio non può transitare perchè altrimenti inquina e chi ha la fortuna di avere una barchetta e andare in Meloria deve andare a una certa andatura perchè inquina… e loro le grandi navi gasiere cosa fanno????? fanno bono?

  6. # freefree

    siamo considerati nulla , siamo solo buoni a pagare le tasse e le multe e a mantenere la gente che arriva da altri paesi , svegliamoci da questo lungo letargo

  7. # Ughetta

    E C’ERA BISOGNO DI FARE ANALISI E RICERCHE?????….BASTAVA AFFACCIARSI ALLA TERRAZZA PER VEDE’ LE NAVI CHE “LAVANO” LE “TANK”…. E”SFIATANO” I GAS MALEODORANTI…..

  8. # PITTARO

    invece di scrivere qua e piangere ed aspettare qualcuno che si muova al posto vostro, ogni volta che avvertite un puzzo del genere, scrivete direttamente all’ARPAT
    [email protected]

  9. # bruno

    E’ solo protagonismo da due soldi ,in rada non c’era nessuna gassiera .
    Apparire, Apparire sempre senza vergogna.

  10. # Emiliano

    Ma perché scrivete?
    Primo non c’erano navi Gasiere ne in rada ne per decine di miglia dalla costa,
    Secondo il gas delle gasiere è inodore perché non additivato. Pertanto non può essere avvertito dall’olfatto umano
    Terzo il Propano viene contenuto in tanke stagne a -40°C pertanto una improbabile fuoriuscita sarebbe visibile a centinaia di metri di distanza.
    Ma andate al mare!!!!

  11. # paolo

    ma allora pagheranno una multa ? no perche io se porto fuori il mio cane a fare la cacca e mi fanno la multa se non la raccatto

  12. # cristina

    ma quante ce ne vorrebbero far bere?

  13. # stefanobolgheri

    allora!!sapete distinguere l’odore del gas da quello del gasolio???era inconfondibile odore di gasolio!!!!!sapete dirci cosa è veramente successo,in considerazione che alla scopaia i cittadini sono stati costretti a scendere in strada con asciugamani bagnati al naso!!??sapete dirci la fonte e il prodotto inquinante e le contromisure prese!!!!!è una vergogna!!!