Cerca nel quotidiano:


Operazione “Reti Fantasma”: via le reti dai fondali marini

L'assessora Cepparello: "Sinergie straordinarie tra le istituzioni per salvaguardare la bellezza della nostra costa. ‘Barra a dritta’ con l’ordinanza Plastic-Free e le iniziative di sensibilizzazione a favore dei cittadini in programma con AAMPS e le associazioni ambientaliste"

Martedì 22 Giugno 2021 — 17:41

Mediagallery

E’ previsto anche il divieto di usare la plastica durante gli eventi sportivi e nell’ambito delle manifestazioni fieristiche, sagre, fiere mercato, e di comunicazione, organizzate, patrocinate o finanziate, anche in parte, dal Comune

Anche davanti alla nostra costa, così come su tutta la fascia costiera nazionale, prende il via l’operazione “Reti fantasma” a cura della Guardia Costiera.
I nuclei subacquei saranno impegnati per tutto il periodo estivo nel recupero delle reti da pesca abbandonate o finite accidentalmente lungo i fondali marini.

Un’attività che si preannuncia particolarmente impegnativa, visto che lo scorso anno ne sono state rimosse oltre 7 tonnellate pari a circa, per fare un esempio, 240mila bottigliette di plastica.
Le reti sono costituite principalmente da plastiche, fibre in nylon, piombi e sugheri. Un insieme di materiali particolarmente resistenti che, se lasciati in mare, diventano rifiuti che “pescano” passivamente diventando muri invalicabili per i pesci e i mammiferi marini così come un pericolo per la sicurezza di sub e bagnanti.

Tra l’altro con il passare del tempo i materiali in plastica si disgregano dalla composizione originaria. Le cosiddette microplastiche che ne derivano sono facilmente ingerite da mammiferi marini, pesci, tartarughe, uccelli e assorbite dalla flora marina con conseguenze negative sulla vita degli stessi organismi, per l’habitat circostante e, potenzialmente, per la salute dell’uomo.

“La nostra città – commenta Giovanna Cepparello, assessora all’Ambiente del Comune di Livorno – è particolarmente sensibile e attenta alle problematiche che interessano la tutela della costa. Registriamo un interesse ed una partecipazione straordinaria, sia da parte del mondo delle istituzioni che da quello del volontariato, nel proporre, organizzare e partecipare ad iniziative che hanno l’obiettivo di ridurre l’inquinamento e sensibilizzare la cittadinanza ad agire adottando comportamenti corretti e responsabili soprattutto nella gestione quotidiana dei rifiuti che ognuno di noi produce”.
Si ricorda che a Livorno è in vigore l’ordinanza “plastic free” che vieta l’utilizzo di bicchieri, contenitori, mescolatori per bevande, aste a sostegno di palloncini, cannucce e stoviglie, quali posate, forchette, coltelli, cucchiai, bacchette e piatti, in plastica monouso, nei parchi, nelle aree protette, nelle spiagge, sulla scogliera e negli stabilimenti balneari.

E’ previsto anche il divieto di usare la plastica durante gli eventi sportivi e nell’ambito delle manifestazioni fieristiche, sagre, fiere mercato, e di comunicazione, organizzate, patrocinate o finanziate, anche in parte, dal Comune. Chi non rispetta l’ordinanza può incorrere in sanzioni che vanno da un importo di 25 € a 500 €.

“Il percorso che abbiamo avviato con l’introduzione di quest’ordinanza – aggiunge Cepparello – è irrinunciabile. La nostra battaglia contro l’uso indiscriminato degli oggetti in plastica, soprattutto quelli monouso, è solo all’inizio. Ci conforta e stimola ulteriormente la partecipazione attiva di numerose associazioni ambientaliste e di cittadini volontari che, con il supporto di Aamps, ci affiancano nelle operazioni di pulizia straordinaria del litorale così come nelle attività di educazione ambientale rivolte a tutti livornesi”.

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!