Cerca nel quotidiano:


Ordinanza contro la vendita di bevande. Confcommercio non è d’accordo

Confcommercio raccoglie le lamentele degli imprenditori di piazza Garibaldi, piazza della Repubblica, piazza XX Settembre e zone limitrofe in riferimento all'ordinanza n. 385 del 26 settembre

Lunedì 28 Settembre 2020 — 15:37

Mediagallery

Confcommercio raccoglie le lamentele degli imprenditori di piazza Garibaldi, piazza della Repubblica, piazza XX Settembre e zone limitrofe in riferimento all’ordinanza n. 385 del 26 settembre con la quale è stata vietata la vendita di bevande alcoliche da parte delle attività commerciali e di somministrazione, nonché il divieto di consumo delle bevande analcoliche contenute in lattina o recipienti di vetro.
Il problema della microcriminalità e della malamovida in determinate zone del centro cittadino è un problema ormai tristemente conosciuto, di cui sono vittima, oltre ai residenti e alle persone che hanno la legittima voglia di uscire, i titolari delle attività di Livorno. “Secondo noi però – afferma la presidente Francesca Marcucci – non si può risolvere un problema di ordine pubblico impedendo agli imprenditori di vendere e lavorare, portando gli avventori lontano da alcune zone. L’economia cittadina versa in un periodo di profonda crisi economica, dovuta solo in parte all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Nella sola giornata di ieri le attività interessate hanno vissuto un calo di fatturato del 50%  rispetto alla domenica precedente.
Confcommercio è disponibilissima a collaborare con amministrazione e forze dell’ordine per scongiurare fatti gravi come quelli successi nelle ultime settimane, e a incontrare il sindaco per esporgli le nostre ragioni e trovare soluzioni per equilibrare la libertà di impresa con le misure in favore della sicurezza e della salute dei cittadini. Già durante il lockdown e in questo periodo di rischio epidemiologico, gli imprenditori hanno dimostrato grande senso di responsabilità e consapevolezza del proprio ruolo sociale. Fronteggiano quotidianamente mille difficoltà, non ultime illegalità e degrado. Rendiamoli partecipi del contrasto alla criminalità, invece di penalizzarli per una situazione che già subiscono e da cui si sentono minacciati”. “Sono necessari – conclude Marcucci – interventi di presidio del territorio e prevenzione anche culturale. Il nostro auspicio è la revoca dell’ordinanza o quantomeno la modifica di alcune disposizioni in essa contenute, in modo da non vederci costretti a rivolgerci ad un legale per la tutela dei diritti dei commercianti coinvolti dalla misura”.

Riproduzione riservata ©